Ebola, contagio a Madrid: sarà ucciso anche il cane dell’infermiera

Dopo che il marito e altre persone che erano state in contatto con l’infermiera spagnola infettata dall’Ebola sono state messe in quarantena, le autorità di Madrid vorrebbero uccidere anche il cane della coppia.

La gente, infatti, può essere infettata anche dagli animali portatori del virus.

L’animale sarà sacrificato in modo da evitare la sua sofferenza e il suo corpo sarà incenerito ha detto il governo regionale di Madrid.

Il marito della donna, un’infermiera infettata dopo essersi presa cura di un sacerdote spagnolo morto di Ebola il mese scorso, a sua volta in quarantena, ha postato la foto del cane su Facebook e ha denunciato la cosa.

“Penso che sia ingiusto che per un errore fatto da loro ora desiderino risolverlo in questo modo” ha scritto. “Se sono così preoccupati per questo problema, penso che possiamo trovare un altro tipo di soluzione alternativa, come la messa in quarantena del cane e la sua messa sotto osservazione come hanno fatto con me”.

Anche Change.org con una petizione ha chiesto al governo di lasciare in vita il cane.

Il primo caso di contagio di Ebola avvenuto al di fuori dell’Africa ha scatenato una psicosi, che evidentemente si esprime anche nella decisione di prendere queste misure estreme.

Intanto, il personale sanitario a Madrid punta il dito contro l’attrezzatura scadente e l’incapacità di seguire il protocollo, per il primo caso di Ebola contratto fuori dall’Africa occidentale.

L’infermiera infettata faceva parte di una squadra di sanitari che avevano curato il missionario Manuel García Viejo, 69 anni, che era morto quattro giorni dopo essere stato portato all’ospedale Carlos III di Madrid. Lo stesso team, di cui faceva parte l’infermiera infettata, si era preso cura anche del missionario Miguel Pajares, 75 anni, che era stato rimpatriato dalla Liberia in agosto ed era morto cinque giorni dopo.

Lifestyle Moda

Moda: l’Università Iuav di Venezia a sostegno dell’Ucraina

La moda come forza di pacificazione sociale è in grado di mediare i conflitti e immaginare un futuro oltre la crisi. Nell’ambito delle attività svolte dall’Università Iuav di Venezia a sostegno dell’Ucraina, nasce la collaborazione a Hope Fashion, progetto promosso da Confindustria Ucraina, Consolato Onorario delle Tre Venezie e Fondazione Hope. Si tratta di un’occasione […]

Leggi tutto
medici
Lifestyle News

Salute mentale: la chiave di successo per gestire un’azienda

Un nuovo studio di SumUp ha chiesto a 510 imprenditori italiani quali siano le più grandi sfide che affrontano nella gestione di un business. Dato che quasi l’8% degli imprenditori ha sottolineato come mantenere una buona salute mentale è la parte più difficile di gestire un’azienda, abbiamo chiesto a uno psicoteripista che consigli darebbe agli […]

Leggi tutto
Lifestyle News

Sotto le stelle con i Gerani

Il 10 agosto è la notte di San Lorenzo. L’occasione perfetta per organizzare una serata speciale con i propri amici o con una persona cara, stupendoli con un setting green ad hoc ‘giocando’ con le molteplici soluzioni offerte dai Gerani. Queste piante, infatti, possono rivelarsi degli alleati ideali per la nottata più magica dell’estate: in quanto […]

Leggi tutto