Gli itinerari enogastronomici a portata di treno

Venti itinerari enogastronomici legati ad altrettanti collegamenti ferroviari regionali per scoprire cibi e peculiarità del Belpaese attraverso i viaggi in treno.

 

È la collana Itinerari di pAssaggio presentata oggi a Vinitaly 2019, nello stand della Regione Veneto, da Luca Zaia Presidente della Regione del Veneto, Tiziano Baggio Direttore Trenitalia Regionale Veneto e Carlo Bogliotti Direttore Editoriale di Slow Food Editore.

Image

Il progetto realizzato da Trenitalia (Gruppo FS Italiane) e Slow Food Editore ha l’obiettivo di illustrare il panorama enogastronomico delle regioni italiane e promuovere il treno come mezzo per raggiungere oltre 500 produttori, botteghe e ristoratori segnalati da Slow Food nelle vicinanze delle stazioni ferroviarie. Sarà così possibile apprezzare le eccellenze alimentari regionali, per la maggior parte a chilometro zero, attraverso il treno, mezzo ecologico per eccellenza.

Image

Da Nord a Sud, ecco gli Itinerari di pAssaggio già realizzati:

Verona-Vicenza, Pesaro-Ancona, Parma-Bologna, Aosta-Ivrea, Spotorno-Bordighera, Napoli-Salerno, Terni-Terontola, Torino-Alba, Bari-Brindisi, Ancona-Pescara, Roma-Albano.

 

E le tratte che saranno disponibili entro la fine dell’anno:

Firenze-Viareggio, Campobasso-Isernia, Udine-Trieste, Cagliari-Sassari, Potenza-Melfi, Lamezia-Rosarno, Trento-Bolzano, Palermo-Messina, Parma-Milano.

 

“Sempre più nei giorni festivi e nei fine settimana – ha evidenziato Maria Giaconia, Direttore Divisione Passeggeri Regionale di Trenitalia – i treni regionali sono scelti da milioni di persone per motivi di svago, turismo e gite di andata e ritorno nella stessa giornata. Per questo motivo Trenitalia è impegnata nell’offrire collegamenti e servizi sempre più attenti alle esigenze delle persone che usano il mezzo più ecologico e più attento all’ambiente per viaggiare. Itinerari enogastronomici insieme ai collegamenti per raggiungere parchi, impianti sciistici, spiagge, borghi, giardini e siti patrimonio dell’Unesco sono la conferma dell’attenzione di tutto il Gruppo FS Italiane per favorire il turismo in Italia. Non solo nelle grandi città d’arte, ma anche nelle località di piccole e medie dimensioni ad alta attrattività culturale e paesaggistica, favorendo così la distribuzione dei flussi turistici”.

Image
Image

 

Il treno Goodbaby dalla Cina all’Europa

Il gruppo “Goodbaby” mira a migliorare complessivamente i processi logistici come supporto alla produttività globale e con lo scopo di accrescere la competitività nella catena globale e nella gestione logistica attraverso il controllo dell’intero processo.

Grazie al miglioramento dei collegamenti ferroviari tra la Cina e l’Europa sono state offerte nuove possibilità.
Il 16 dicembre 2018, il primo ed esclusivo treno Goodbaby è partito da Shangai, con un carico di prodotti, ed è arrivato in Germania percorrendo una tratta di 10.000 km in 25 giorni.

Questa significativa riduzione del tempo di trasporto, comparato a quello in nave, contribuisce ad un maggior risparmio sui costi logistici.

Senza auto un’azienda di 40 persone risparmia 1,5 quintali di CO2 in un giorno

Bicicletta, treno, tram, bus, metropolitana, e poi le novità relativamente recenti di bike e car sharing. E anche mezzi a impatto zero come motorino elettrico, monopattino, rollerblade e la nuovissima airwheel, la ruota elettrica per muoversi in città. Sono tanti i mezzi alternativi all’auto privata che si possono sperimentare per andare al lavoro in un grande centro come Milano: per un giorno, i dipendenti della società di consulenza Methodos li hanno adottati tutti, in occasione della Settimana Europea della Mobilità (16-22 settembre).

«Innanzitutto ci sembrava importante partecipare a questo appuntamento che porta in primo piano il tema della mobilità sostenibile, su cui si gioca il futuro di tutti noi – commenta Alessio Vaccarezza, CEO di Methodos Italia –. Abbiamo provato a calcolare, ovviamente in modo molto grezzo, qual è l’impatto ambientale di una giornata di lavoro car-free per un ufficio di 40 persone come il nostro. È risultato che si evitano in tutto circa 1.060 chilometri di spostamenti, che equivalgono (prendendo in considerazione l’uso di un’auto a benzina di media cilindrata) a 160 kg di emissioni di CO2 risparmiate. Grosso modo si tratterebbe di 800 kg di emissioni in meno in una settimana, e 40 tonnellate di anidride carbonica risparmiate in un anno lavorativo».

Numeri ancora più grandi se si pensa che all’iniziativa hanno aderito anche le altre società di Methodos Group,in Germania e Francia, e Digital Attitude, la start-up innovativa di Methodos per il digitale.

 

Al di là dell’impatto ambientale ridotto, quello che Methodos ha voluto sottolineare è la necessità di ripensare gli spostamenti in un’ottica di sostenibilità, conciliazione vita-lavoro, benessere e produttività. La società milanese è infatti specialista nell’ambito del change management, cioè accompagna le aziende che affrontano processi di cambiamento organizzativo. «Lo spostamento casa-lavoro è uno dei primissimi punti analizzati nel nostro modello Employee Journey Experience – spiega Giuseppe Geneletti, Head Smart Working di Methodos–. In questo percorso, che parte dall’ascolto delle esigenze e delle aspettative dei dipendenti, emerge che il viaggio per andare e tornare dall’ufficio è vissuto con stress, può porre problemi di conciliazione con la vita familiare e, se si analizzano le performance aziendali, a volte risulta un boomerang per la produttività. Il tempo passato in auto nel traffico è letteralmente buttato via, se si pensa che oggi ci sono strumenti e tecnologie che consentono di spostarsi meglio o addirittura, nel caso dello smartworking, di non spostarsi affatto». Ecco perché Methodos aiuta le aziende ad adottare misure che favoriscono la mobilità dolce: dall’inserimento degli abbonamenti ai mezzi o al bike/car sharing fra i benefit o nel welfare aziendale, fino all’adozione di tecnologie e modelli organizzativi che facilitano il lavoro da remoto.

«Naturalmente questo comporta il ripensamento di tutta una serie di modelli organizzativi molto radicati, e che oggi devono cambiare in direzione della flessibilità, dell’autonomia, della collaborazione e dell’ottimizzazione di strumenti, tecnologie e spazi di lavoro» sottolinea Geneletti.

 

Un cambiamento che incontra ancora qualche resistenza, ma che di fatto coinvolge e coinvolgerà sempre di più le aziende, grandi e piccole. «La direzione in cui il mondo del lavoro si sta muovendo è questa – conclude Vaccarezza –. L’importante è ricordare che, in questo caso, “one size does not fit all”, cioè quello che va bene, ad esempio, per una società di servizi con sede in centro a Milano, non si può applicare allo stesso modo in un altro contesto. Ma il cambiamento è necessario, e devono comprenderlo e sostenerlo anche le amministrazioni locali, le società di trasporti, le organizzazioni del mondo del lavoro e le istituzioni. La Settimana Europea della Mobilità è un’ottima occasione per richiamare l’attenzione sul tema».

 

Avventure e safari in treno con Shongololo

Shongololo è la parola Zulu che indica il grande millepiedi marrone. Il treno prende il nome dal millepiedi per via dei movimenti sinuosi con cui si muove e dalla somiglianza fra i due quando si vede il treno attraversare le pianure dell’Africa del sud. Unico nel suo genere, Shongololo Express offre una vera esperienza di safari, su rotaia.

Basato alla stazione di Pretoria di proprietà di Rovos Rail, Shongololo Express ha iniziato le operazioni nel 1995 e da allora garantisce ai propri ospiti un’esperienza di viaggio davvero speciale. Rovos Rail che gode di una reputazione invidiabile nel fornire un servizio eccellente con particolare attenzione ai dettagli offre, grazie ai treni Shongololo Express, degli itinerari esperienziali da 12 o 15 giorni che attraversano il Sudafrica, la Namibia, lo Swaziland, il Mozambico e lo Zimbabwe.

Il treno, di proprietà del governo, è stato revisionato e ristrutturato mantenendo lo stile coloniale. Commercializzato come “tre stelle”, rispetto al prodotto a cinque stelle di Rovos, è più informale sia nell’arredamento che nell’abbigliamento richiesto a bordo nonché nel menù della cena in cui sono comprese tre portate. Un viaggio di 12 giorni costa poco più di €3.500 a persona.

Viaggiando comodamente durante la notte, i treni Shongololo Express consentono agli ospiti di non perdere preziose ore di vacanza, giungendo ad ogni alba in una nuova, favolosa destinazione. Guide professionali multilingue (inglese, francese e tedesco) sono pronte per accompagnare gli ospiti nelle escursioni. La loro esperienza, entusiasmo e conoscenza garantiscono ai passeggeri di vivere al massimo il programma di ogni giornata.

Dall’accoglienza calorosa all’eccitante e vario programma, dall’ottima cucina alla selezione di vini sudafricani, tutto si combina per creare un’esperienza indimenticabile.
72 ospiti sono accomodati in due categorie di confortevoli suite: la suite Emerald è la più spaziosa, seguita dalla Gold. Entrambe le categorie di suite, arredate con gusto, sono dotate di un’area salotto e un bagno privato con doccia. Shongololo Express offre ai propri ospiti l’opzione “Pre-Night” ovvero la possibilità di passare a bordo del treno la notte precedente la partenza del tour.

Nelle cabine gli ospiti dispongono di ampio spazio in cui riporre i propri effetti personali e di tutto il necessario per trascorrere una vacanza a bordo del treno.

Il treno dispone di diverse aree comuni ad esempio la Lounge Car, dove ci si può rilassare, leggere o semplicemente guardare il panorama sorseggiando un drink.

La Dining Car, l’elegante carrozza ristorante, storicamente arredata, dove ogni sera si cena con piatti della cucina africana moderna o tradizionale per un’autentica esperienza di viaggio.

Particolarmente suggestiva, l’Observation Car: posta in coda al treno, è un terrazzino che permette ai passeggeri di trascorrere del tempo all’aria aperta e, in parte, al riparo dal sole. Da qui si può godere la vera esperienza di viaggio in treno attraverso i magnifici paesaggi che il sud dell’Africa offre.

Sul sito www.shongololo.com, è possibile scoprire tutti gli itinerari di Shongololo Express che raggiungono anche altri paesi dell’Africa meridionale: Good Hope Golf South Africa- Northbound Itinerary, Dune Express Namibia – Westbound Itinerary, Dune Express Namibia – Eastbound Itinerary, Southern Cross Zimbabwe – Northbound Itinerary, Southern Cross Zimbabwe – Southbound Itinerary.

In viaggio con il cane: consigli e regole per treno, aereo, carpooling e pullman

Pronti a partire? Avete preparato la valigia per il vostro cane? Anche i fedeli amici a quattro zampe meritano una vacanza: per festeggiare i pelosi compagni di viaggio e in occasione della Giornata Mondiale del Cane che si celebrerà il 26 agostoVirail, la piattaforma e app che compara tutti i mezzi di trasporto, ha stilato 5 consigli sempre validi per viaggiare in aereo, pullman, carpooling e trenoin compagnia del proprio cane.

 

E mentre organizzare trasportino e visite dal veterinario potrà richiedere un po’ di impegno, per trovare la soluzione più conveniente per viaggiare basterà andare sul sito di Virail o scaricare l’app, inserire data e luogo di partenza e di arrivo e confrontare in tempo reale tutte le proposte di viaggio, dal treno all’aereo, dal carpooling (BlaBlaCar) ai bus (Flixbus e altri).

 

1 – PASSAPORTO Anche il cane ha bisogno dei suoi documenti per partire! Soprattutto nel caso in cui si viaggi in aereo o in treno sarà fondamentale avere con sé il certificato di iscrizione all’anagrafe canina, il libretto sanitario o il passaporto. Per i viaggi all’estero, potrebbero essere necessari tatuaggio o microchip, e alcune vaccinazioni.

2 – TRASPORTINO Preparate il vostro cane al viaggio che dovrà affrontare facendogli prendere confidenza con il trasportino, utilizzandolo come cuccia nelle settimane precedenti la partenza.

3 –  VALIGIA Oltre al kit di pronto soccorso, portate i suoi oggetti preferiti, come cuccia, giochi e ciotole per farlo sentire a suo agio anche fuori casa.

4 – CIBO E ACQUA Per evitare che il vostro animale soffra di mal di trasporto, non fatelo mangiare prima della partenza. Tenete acqua fresca a portata di mano, in un recipiente ermetico. Se il cane viaggia in stiva in aereo dovrà avere con sé nel trasportino una ciotola per l’acqua.

5 – PAUSA Fate delle pause durante il tragitto. Se viaggiate in macchina fermatevi presso le aree di sosta, se state organizzando un viaggio in treno informatevi se ci sono fermate più lunghe in alcune stazioni e approfittatene.
Ma quali sono le regole per viaggiare in aereo, treno, pullman o carpooling? Virail ricorda le norme da tenere a mente quando si organizza un viaggio a 6 zampe.

 

Viaggiare in aereo con il cane

Se navigando su Virail scegliete come opzione di viaggio l’aereo,  ricordate che dovrete fare un biglietto anche per il vostro cane. A seconda della taglia potrà volare in cabina oppure in stiva: in ogni caso, dovrà rimanere dentro al trasportino o al kennel omologato IATA (International Air Transport Association). Attenzione: non possono volare i cuccioli che hanno meno di 3 mesi di età.

 

Viaggiare in treno con il cane

Come ricorda Virail, in treno è ammesso un solo animale per ciascun viaggiatore. I cani di taglia piccola viaggiano gratuitamente – previa comunicazione – all’interno dell’apposito contenitore (dimensioni 70x30x50). I cani di taglia medio-grande, con guinzaglio e museruola, hanno invece bisogno del biglietto. Per il mese di agosto tante società per il trasporto ferroviario propongono offerte per portare gli amici animali in carrozza.

 

Viaggiare in carpooling con il cane

Su Virail è possibile visualizzare anche le offerte per spostarsi in carpooling: per prendere un passaggio insieme a Fido, controllate che il conducente indichi nel suo annuncio la possibilità di portare cani a bordo. Per questioni di sicurezza gli animali possono viaggiare su BlaBlaCar solo in presenza del legittimo proprietario. Preferibilmente, il cane dovrebbe viaggiare in un kennel rigido, per non creare problemi al guidatore, oppure nell’abitacolo con la cintura di sicurezza, per non farsi male in caso di frenate brusche. Portate un telo per proteggere i sedili e un mini aspirapolvere per auto per ripulire l’auto dai peli del cane.

 

Viaggiare in pullman con il cane

Per chi si sposta per lunghe distanze con i pullman in compagnia del proprio amico a 4 zampe, bisogna tener conto che non sempre purtroppo gli animali domestici sono ammessi a bordo. In alcuni casi possono viaggiare – pagando un biglietto – i cani di piccola taglia, trasportati in una borsa o in altro mezzo idoneo.

Treno sotto controllo con un colpo d’occhio

Sui treni locali la sicurezza è in un colpo d’occhio. Su 64 convogli i Driver Console Panel di Ermetris

L’azienda di Gorizia incaricata di rinnovare i classici treni pendolari a due piani dotandoli dell’innovativa console di monitoraggio che controlla il funzionamento del treno: dai freni alle porte, al condizionamento fino ai servizi igienici

 

Tutto il treno sotto controllo con un colpo d’occhio con i Driver Console Panel di Ermetris. È finalizzato ad incrementare la sicurezza dei treni ad alta frequentazione – i cosiddetti Taf a due piani – l’intervento che l’azienda di Gorizia sta facendo per i treni di Trenitalia. In totale 64 treni a due piani in servizio sulle tratte locali verranno dotati di 256 innovative console che permettono di monitorare tutto il funzionamento del treno. «Più che un computer di bordo, possiamo dire che si tratta del “cuore” del treno. Da questi pannelli da 10.4 pollici passano tutte le informazioni relative al convoglio: lo stato dell’impianto frenante, l’efficacia del condizionamento, l’apertura e la chiusura delle porte e persino le informazioni relative al funzionamento dei servizi igienici», spiega Claudio Borrello, ingegnere che nel 2011 ha fondato Ermetris come start-up basata sulle soluzioni innovative per il settore ferroviario. In pochi anni, l’azienda goriziana ha saputo ritagliarsi un ruolo di primo piano in un settore ad elevata innovazione conquistando clienti in Italia, Canada, Danimarca, Francia, Germania, Norvegia e Usa.

«L’intervento, che si colloca in un piano più ampio di revamping della flotta, non va solamente nella direzione di un ammodernamento della dotazione strumentale, ma soprattutto di introdurre sofisticate architetture elettroniche che incrementano la sicurezza del treno. Il macchinista può tenere sotto controllo l’intero stato del treno, sia dal punto di vista del suo corretto funzionamento, sia per quanto riguarda il confort dei passeggeri non lasciando così guasti o malfunzionamenti al campo delle segnalazioni e delle lamentele poste dai passeggeri. Infatti al monitor interattivo fanno capo tutta una serie di rilevatori che sono disposti sugli impianti e nelle carrozze e che permettono la gestione di tutti i servizi safety critical».

Con la tecnologia sviluppata e applicata da Ermetris, il passo in avanti è stato notevole. Innanzitutto «parliamo di sistemi che utilizzano un’elettronica di nuova generazione basata sul principio del “low power”, quindi con un minore consumo di energia, e con una vita superiore – quasi doppia – alle precedenti tecnologie», spiega Borrello. Anche sotto il profilo dell’utilizzo, la nuova interfaccia garantisce diverse innovazioni. «Lo schermo è “sun readable”, ovvero facilmente leggibile anche con il sole o in presenta di molta luce. Questo assicura sempre la possibilità di avere sotto controllo tutti gli strumenti. Inoltre, è antivandalico: risulta particolarmente difficile romperlo. Non certo ultimo, ha fatto propria la tecnologia touch screen, tecnologia che non solamente è ormai entrata a far parte in modo diffuso della nostra vita quotidiana, ma soprattutto garantisce un più agevole utilizzo. Sono tutti accorgimenti fondamentali per un sistema di controllo della sicurezza. E qualora il monitor non dovesse funzionare, il treno non può entrare in servizio».

Nel complesso, l’intervento di Ermetris vale circa un milione di euro . «È un ulteriore tassello che mettiamo sul cammino della crescita», conclude Borrello. L’azienda in pochi anni è infatti cresciuta in modo esponenziale vincendo gare per diciassette carrozze bistrot-ristorante delle ferrovie norvegesi, per una ventina di treni della nuova tramvia di Firenze, per 40 treni della circumvesuviana di Napoli, per manutenzioni e fornitura di componentistica per i vecchi “Etr 500” ed “Etr 480” di Trenitalia e per la manutenzione dei sistemi di bordo dei treni di TreNord.

TGV: basta un click per vivere la magia di un viaggio in treno

Fino al 14 aprile le Ferrovie Francesi vanno online con la promo più importante dell’anno: i biglietti per raggiungere Parigi in TGV da aprile a giugno costano 35 euro*

Un’offerta promossa anche attraverso una massiccia campagna affissioni sui mezzi pubblici di Milano e Torino con l’acquisto di oltre 500 spazi tra metropolitana, tram autobus e spazi pubblici.

Contemporaneamente Voyages-sncf.com, il portale viaggi online numero uno per le tratte da e per la Francia,

dedicato al viaggiatore 2.0 e sempre più focalizzato sull’innovazione digitale, lancia una campagna video che punta sulla magia del viaggio, inteso nell’accezione più introspettiva e aspirazionale del termine. Lo spot emozionale è da batticuore, grazie alla coinvolgente interpretazione dell’attore e web star Edoardo Mecca, testimonial e partner di comunicazione di un brand sempre più digital oriented, in espansione in rete e su mobile. Voyages-sncf.com offre anche la APP “V.”, rapida come i TGV che vende, in più personalizzabile, semplice e innovativa. Con più di 13 milioni di download dalla sua creazione, è certamente la più in voga tra i viaggiatori europei.

Basta un click per vivere la magia di un viaggio in treno, dove abbandonarsi alla bellezza dei paesaggi ammirandoli scorrere dai finestrini, sorseggiando un caffè, rivivendo le emozioni del passato e immaginando con le trame disegnate dalle nuvole un disegno di futuro. Questa l’anima del video storytelling scelto dal portale viaggi, in cui le scene si alternano in maniera fresca e dinamica accompagnate da una musica allegra e frizzante per evidenziare la bellezza del viaggio e insieme il suo aspetto ‘smart’.
 
Le immagini dei paesaggi della tratta Milano/Torino – Lione/Parigi, battuta dai TGV tre volte al giorno, raccontano l’esperienza di un viaggio onirico, accompagnato da una voce narrante e una musica ritmata.

Sono seduto in questo vagone che corre veloce, e ho la speranza di raggiungere presto i miei sogni affinché io possa realizzarli tutti: uno per uno.
In parte li ho già raccontati a questi vetri che mi uniscono al paesaggio fuori, e mi insegnano ad avere il coraggio di essere forte e determinato.
Forse è proprio questa la meta di questo treno e di me, di me che con lui
corro veloce verso i miei desideri: conoscere le sensazioni e non perdere mai più le esperienze.
Sono pronto per vivere un’esperienza veramente indimenticabile… partendo da un click
.”