Le tappe della super eclissi di luna

Notte magica, con eclissi totale di luna e perigeo, ma non solo, quella tra domenica e lunedì.

IL FENOMENO
Eclissi totale di luna e perigeo congiunti saranno visibili, in Italia, ma anche nel resto d’Europa, nelle Americhe, in Africa e nell’Asia occidentale, nella notte tra domenica e lunedì, quando il nostro satellite apparirà, circa il 14% più grande e il 30% più luminoso del solito, perchè si troverà nel suo perigeo, ossia nel suo punto più vicino al nostro pianeta.

Contemporaneamente si verificherà una eclissi totale di luna. La terra col suo cono d’ombra oscurerà il nostro satellite nell’allineamento sole-terra-luna.

Sarà una notte magica con la luna che si tingerà di rosso a causa della diffrazione della luce del sole che attraversa l’atmosfera celeste del nostro pianeta.

Il fenomeno scientifico, definito popolarmente “Luna di sangue” per alcuni è presagio di sventura o addirittura di apocalisse.

LE TAPPE
Intorno alle 2 di notte la luna inizierà lentamente a essere oscurata dalla terra, penetrando nel cono d’ombra del nostro pianeta. All’inizio dell’eclissi, il fenomeno sarà quasi impercettibile a occhio nudo.

La luna entrerà poi nell’ombra della terra. Ci saranno i classici “morsi” del disco lunare, fino a che il satellite sarà totalmente sommerso dall’oscurità, alle 4:47. Nel corso di pochi minuti, il disco lunare assumerà un colore rossastro che potrà andare dal viola scuro al marrone.

Poi, il nostro satellite inizierà ad uscire dal cono d’ombra della terra, alle 5:23, e ritroverà il suo solito colore alle 6. L’evento si concluderà alle 7:22 del mattino, quando l’alba renderà più difficile osservarlo.

Una ‘super luna’, nella notte tra domenica e lunedì

Un’eclissi totale, che è anche una ‘super luna’, arriverà nella notte tra domenica e lunedì.

La luna sarà eccezionalmente grande e luminosa, prima di tingersi di rosso.

Un’eclissi lunare totale si verifica quando la luna è completamente inghiottita dall’ombra della terra, in un allineamento sole-terra-luna.

Il cono d’ombra della terra è circa tre volte la dimensione del nostro satellite e la luna ne può essere assorbita.

Il prossimo lunedì, davanti ai nostri occhi, la luna scomparirà, privata dei raggi del sole per riapparire di rosso. Da qui l’espressione “Luna di sangue”.

La luna sarà, lunedì, nel suo punto più vicino al nostro pianeta, il perigeo, e sarà dunque particolarmente grande e luminosa nel cielo. Apparirà circa il 14% più grande e il 30% più luminosa.

Bisognerà attendere fino al 2033 nelle nostre latitudini per una nuova ‘super luna’.

La luminosa notte della Super luna e delle stelle cadenti

E’ stata la notte delle stelle cadenti ma anche della Super luna quella appena trascorsa. La seconda delle tre grandi lune dell’anno ha brillato domenica notte, aggiungendosi alla tradizionale caduta delle Perseidi.

Il satellite della terra, nella notte tra domenica e lunedì,, è apparso il 14% più grande del solito e il 30% più luminoso.

Il fenomeno della Super luna, già verificatosi quest’anno il 12 luglio, si ripeterà il 9 settembre.

La Super luna è stata visibile fra le 19.30 – 20 del 10 agosto e lla mattina dell’11 agosto.

Il secondo fenomeno della Super luna di quest’anno si è incrociato con il più famoso fenomeno delle Perseidi, le stelle cadenti che sono state messe in ombra da questo più raro fenomeno.

Nessuna paura, per gli amanti delle stelle cadenti: il picco di caduta delle Perseidi è previsto per il 12 agosto.

La super luna vista durante il week end

Durante il fine settimana, una “super luna”, ha attraversato il cielo. Visibile il 12 luglio, la prima delle tre super lune visibili del 2014 è apparsa più grande e luminosa del solito, dato che distava “solo” 358,257 chilometri dal nostro pianeta.

La super luna di luglio sarà seguita da altre super luna, in agosto e in settembre.

Per il 2014 gli astronomi avevano previsto cinque super lune. Ma solo quelle di luglio, agosto e settembre visibili. Le altre, a gennaio, sono avvenute durante la luna nuova, quando la luna era invisibile dalla terra.

L’effetto della super luna è ancora più impressionante quando l’avvicinamento coincide con la luna piena.

Il termine super luna è stato inventato nel 1979 dall’astrologo Richard Nolle.

Il nostro satellite, che gira in un’orbita ellittica, non è sempre alla stessa distanza dalla terra.

Una super luna accade quando il satellite è più vicino alla terra e, per ovvi motivi, la luna, vista dal nostro pianeta appare più grande.

Quando raggiunge il perigeo (il punto più vicino), la luna è a circa 50.000 km più vicina di quando è più lontana dalla terra (apogeo).

Nel caso della super luna, il satellite può apparire fino al 14% più grande e al 30% più luminosa del solito.

Ma luna di luglio non è stata la più grande dell’anno. La “luna del mais”, il 10 agosto, sarà la più grande, dato che sarà più vicina alla terra rispetto alla luna di luglio, di circa 1.400 km.

Il momento migliore per osservare la super luna rimane quello dell’alba o del tramonto.