Innamorati: ricordare l’importanza del sesso sicuro

“Fate l’amore…con protezione!”. Non è il claim rivisitato di uno storico spot pubblicitario, ma l’appello che l’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici (WAidid) lancia in occasione della Festa degli Innamorati con l’obiettivo di sottolineare  (non solo a San Valentino!), unico modo per prevenire le Malattie Sessualmente Trasmissibili (MTS).

Dal Papilloma virus (HPV) all’HIV, dall’ Herpes genitale (HSV) alla Candida, fino alla Sifilide. Queste sono solo alcune delle MTS incostante aumento, soprattutto tra i giovani. Circa 340 i milioni di casi nel mondo, di cui oltre 110 milioni tra i ragazzi al di sotto dei 25 anni.

 

Si stima, infatti, che ogni anno 1 adolescente su 20 contragga una malattia a trasmissione sessuale. Numeri che tendono a salire vertiginosamente quando si parla di HIVoltre il 50% delle nuove infezioni colpisce ogni anno giovani di età compresa tra i 15 e i 24 anni. Attorno ai 20 anni, inoltre, la maggiore prevalenza di infezioni da HPV: “La conoscenza tra i giovani in tema di infezioni e malattie a trasmissione sessuale è ancora troppo superficiale – ha dichiarato la Prof.ssa Susanna Esposito, Presidente WAidid e Ordinario di Pediatria all’Università degli Studi di Perugia-. Sono pochi, per non dire pochissimi, i giovani che conoscono queste malattie, le modalità di contagio e lo specialista cui rivolgersi. Molti non sono informati, ad esempio, sulla possibilità di contrarre alcune infezioni sessuali anche attraverso rapporti sessuali non completi. Basti pensare alle infezioni da Papilloma Virus (HPV) per cui l’unica potente arma per proteggere i nostri ragazzi, femmine e maschi, è la vaccinazione, una vera e propria recente conquista della ricerca scientifica. Il 20% degli adolescenti confonde contraccezione e prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse”.

 

L’infezione da HPV può essere transitoria, cioè può durare qualche mese, o persistente, prolungandosi per anni. L’HPV è condizione necessaria perché si sviluppi il tumore dell’utero e rappresenta il principale fattore di rischio per il tumore ai genitali maschili, con 1 caso su 3. Ad associarsi all’HPV, sia nella donna sia nell’uomo, altre neoplasie: dall’88% al 94% dei tumori dell’ano, circa il 26% dei tumori della bocca e della laringe, il 30%-50% dei tumori non melanoma della cute.

Per questa ragione, nel nuovo Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale 2017-2019 e nei nuovi LEA, la vaccinazione gratuita nel corso del 12esimo anno di età è stata estesa anche ai soggetti di sesso maschile. Quando si parla di HPV, l’incidenza nel soggetto maschile è simile a quella nel soggetto femminile, mentre a colpire principalmente gli uomini è l’HIV: nel 2017 le persone di sesso maschile che hanno ricevuto una diagnosi rappresentano oltre il 76% dei casi. La maggioranza di questi è attribuibile a rapporti sessuali non protetti, che costituiscono l’84,3% dei casi.

 

“Importante sottolineare come questa infezione possa essere prevenuta grazie all’educazione e all’adozione di comportamenti che possono contrastare il rischio di contagio – ha aggiunto la Prof.ssa Susanna Esposito-. Oggi in Italia l’HIV viene trasmesso soprattutto attraverso rapporti sessuali non protetti e il numero di giovani che contraggono l’infezione è in crescita, soprattutto tra le ragazze, anche a causa dell’assenza di campagne informative adeguate. Infine, per sfatare pregiudizi, è bene ricordare che il contagio non può avvenire attraverso pratiche quotidiane come stringersi le mani, baciarsi, abbracciarsi o fare un tuffo in piscina”.

 

Bibliografia

  1. https://www.airc.it/cancro/informazioni-tumori/guida-ai-tumori/tumore-del-pene
  2. http://www.epicentro.iss.it/aids/epidemiologia-italia

Sempre più donne regalano ritocchini ai propri compagni

L’amore è cieco, ma a San Valentino ci vede benissimo. Infatti, è proprio in occasione della festa degli innamorati che numerose coppie si rivolgono al chirurgo estetico. In particolare, sono le donne a richiedere consulenze agli specialisti per donare al proprio partner un nuovo sguardo o un addome piatto. A rilevare la tendenza, è stato il dottore Uberto Giovannini, durante la sua partecipazione a al 21° Congresso Imcas (International Masterclass on Anti Aging Science), tenutosi nei giorni scorsi a Parigi (www.imcas.com).

“Tra gli interventi estetici che le compagne regalano ai propri partner, in occasione di San Valentino e non solo, primeggiano la blefaroplasticaper le borse sotto gli occhi e il peeling per le occhiaie. Seguiti dalla rinoplastica, non solo chirurgica, ma anche medica che consiste nel solo utilizzo di acido ialuronico per rimodellare il naso. Allontanandoci dal viso, il rimodellamento dei pettorali, che può essere di riduzione in caso di ginecomastia o di aumento con lipofilling, è in costante crescita. Infine, i trattamenti hair care con iniezioni nel cuoio capelluto per contrastare la caduta dei capelli, la liposuzione dell’addome e, sempre più spesso, anche delle maniglie dell’amore” spiega il dottore Uberto Giovannini, chirurgo estetico milanese formato alla French Touch, una metodica di chirurgia estetica di estrema eleganza, ispirata ai grandi couturier: dove ogni intervento è programmato su misura.

Un regalo senza dubbi molto personale, per questo: “Anche se un ritocco è un dono del partner, l’obiettivo deve sempre essere quello di raggiungere un risultato naturale e personalizzato per ogni paziente, applicando i principi della haute couture alla chirurgia e medicina estetica – continua Giovannini – lontano dagli stereotipi classici, la chirurgia estetica non é né frivola né superficiale, ma permette anzi ai pazienti di riconciliarsi con la propria immagine. E’ una sorgente di realizzazione dei propri desideri, un vero regalo per il proprio benessere, e in questo caso anche per quello del partner”. Rientrato a Milano dopo un lungo percorso internazionale, che gli ha permesso di acquisire tecniche chirurgiche all’avanguardia e di collaborare con i migliori professionisti a livello mondiale, il dottore Uberto Giovannini porta da sempre avanti l’idea di una chirurgia estetica proporzionata e armoniosa.

Anche il MUDEC rende omaggio all’amore

Anche il MUDEC rende omaggio all’amore, in tutte le sue forme e sfumature, e lo celebra per un’intera settimana!

Da lunedì 11 a domenica 17 febbraio, approda al Museo delle Culture il Rossetti Design Park, un’installazione en plein air dell’artista e designer Stefano Rossetti, che per sette giorni animerà il cortile esterno del Museo accogliendo i visitatori con opere artistiche e di design, all’insegna dell’amore in tutte le sue declinazioni, e che sarà al centro di una grande festa il 14 febbraio, proprio in occasione di San Valentino.

Una costante atmosfera onirica caratterizzerà il Rossetti Design Park, a cominciare da una monumentale opera gonfiabile alta ben 16 metri, il “Big man” dal cuore luminoso, che saluterà tutti all’ingresso con il suo messaggio d’amore.

 

Attraverso il simbolo universale del cuore, il Rossetti Design Park invita il pubblico a donare amore, in tutte le sue possibili forme. L’invito trova la sua sintesi visiva in un gesto di grande impatto, tanto elementare quanto rivoluzionario, perché permette di costruire ponti tra le persone, in perfetta antitesi con l’indifferenza che invece alza muri e chiude le porte alla condivisione.

In una chiave accessibile a tutti, il Rossetti Design Park ci ricorda che ognuno di noi ha energia positiva da mettere in circolo nel mondo: per poter stare dalla parte dell’umanità, è necessario dire “I CARE” (mi interessa, mi sta a cuore), seguendo un motto che ha una grande storia di militanza civile. Tutto il set concepito da Stefano Rossetti mette in evidenza questi valori e punta a suscitare nei singoli visitatori una presa di coscienza interiore che è in grado di diventare un fatto collettivo: avere cura degli altri genera un circolo affettivo che si autoalimenta e si propaga con l’interazione tra le persone, diventando un antidoto all’indifferenza.

Ecco perché la sede del Rossetti Design Park non poteva che essere il MUDEC, che ha a cuore e racconta le culture del mondo e gli infiniti strumenti di espressione della natura artistica umana.

Presso il Design Store sarà in vendita una collezione di “oggetti di compagnia” in edizione limitata, pensati per chi ama circondarsi di forme nuove e divertenti.

 

Il Rossetti Design Park al MUDEC sarà una grande festa pop lunga una settimana basata sulla partecipazione del pubblico che la vive e avrà il suo momento clou nella serata di San Valentino, giovedì 14 febbraio a partire dalle ore 19:30 con un “aperitivo a tema” presso il Bistrot del Museo. A San Valentino si potrà anche visitare le mostre in corso con un biglietto speciale: : chi si presenta con una seconda persona (di qualsiasi sesso) accederà con un biglietto a 20 euro (anziché 24 euro) valido per le mostre “A visual protest. The art of Banksy” e “Paul Klee. Alle origini dell’arte”, mentre per la mostra di Steve McCurry “Animals” l’ingresso valido per due persone sarà di 14 euro (anziché 20 euro).

A San Valentino regala un gioiello segnalibro della vita

I designer di Rubinia Gioielli, azienda meneghina che da oltre 30 anni crea gioielli sartoriali, tornano ad incontrare il pubblico per parlare d’amore.

Dall’11 al 15 febbraio, infatti, come già in passato, Rubinia Gioielli tornerà a trasformare una delle vetrine di Brian & Barry Building in un salotto dove ricevere i visitatori per poter creare insieme il gioiello del cuore, da punzonare al momento.

Ancora una volta, Rubinia Gioielli porta l’emozione dell’esperienza d’acquisto,che da sempre fa parte del know-how dell’azienda, dal Second FloorJewels&Watches direttamente in vetrina: gli ospiti saranno accolti da un maestro orafo che li guiderà nella scelta e ideazione di creazioni sartoriali, cucite sui desideri, i ricordi di chi li indossa, grazie all’antica arte della punzonatura.

Un’opportunità per festeggiare il giorno di San Valentino in un modo davvero speciale, dedicando alla persona del cuore un dono romantico, che rappresenti tutte le sfaccettature della propria storia d’amore. Un’esperienza unica per sigillare il proprio legame su un gioiello sartoriale, per stupire il proprio amore con un dono esclusivo. Il gioiello smette così i panni dell’accessorio per diventare un segnalibro della vita, un tesoro che porta con sé l’essenza della propria storia.

Un progetto nel cuore di Milano, che vuole recuperare il piacere delle “cose fatte come una volta”, a cui Rubinia Gioielli ha abituato con la sartorialità dei suoi gioielli.

Le 10 città più romantiche in Italia

Altro che Romeo e Giulietta: è Treviso ad aggiudicarsi quest’anno il titolo di città più romantica d’Italia. La città veneta scalza Bolzano dal primo posto ed è l’unica città del Triveneto nella top 10, con Verona che scende dal 5° posto dello scorso anno all’11° attuale.

A conquistare il secondo posto della top 10 è la città di Brescia, che prende il posto di Milano. Anche il Sud Italia non rimane immune al fascino delle storie d’amore: al 3° posto della classifica si trova la città di Brindisi.

Questi i dati rivelati da Amazon che, in occasione di San Valentino, rilascia per il quinto anno la classifica delle città italiane che leggono maggiormente romanzi rosa, individuata secondo il numero di libri acquistati dai clienti su Amazon.it durante l’ultimo anno su base pro capite, in città con più di 100.000 abitanti.

Il Centro-Sud entra nella top 5 con la città di Pescara, al 4° posto, e Salerno che, con una grande rimonta, sale dalla 36° posizione dell’anno precedente fino al 5° posto.

Dopo Varese, 6a, si posizionano, Ragusa e Modena (7° e 8° posto).

Per finire, il Capoluogo lombardo scende dalla 2a posizione dello scorso anno alla 9a, seguito da Novara che si attesta all’ultimo posto della top 10.

Ecco la top ten delle città più romantiche:

  1.         Treviso
  2.         Brescia 
  3.         Brindisi
  4.         Pescara 
  5.         Salerno 
  6.         Varese
  7.         Ragusa 
  8.         Modena 
  9.         Milano
10.         Novara 


Anche quest’anno città note per i loro scenari da sogno, come Roma, Venezia, e Napoli, non si classificano nelle prime dieci posizioni. La Capitale scende dal 18° al 23° posto, mentre la romantica Venezia passa dal 32a alla 71a posizione. Scende anche Napoli dal 38° al 42° posto attorniata da altre città del sud Italia come Reggio-Calabria (41a), Matera (45a) e Trapani (52a).