Incontra l’uomo che ha ricevuto il volto di suo marito

In America un uomo che ha fatto un trapianto facciale ha incontrato la moglie del donatore del suo nuovo volto.

Così, Lilly Ross, una vedova del Minnesota, ha visto l’uomo che ha ricevuto la faccia del suo defunto marito, Rudy.

Lei e suo figlio hanno avuto la possibilità di toccare e sentire ancora una volta il volto dell’uomo, che si era ucciso nel 2016.

Il volto di Andy Sandness, il ricevente, invece era stato rovinato dopo che egli aveva tentato di suicidarsi, un decennio fa.

Nel 2006, Andy si era messo una pistola contro il mento e aveva premuto il grilletto. Anche se i medici erano riusciti a tenerlo in vita, la sua faccia era stata distrutta. Aveva solo 21 anni.

Anche si era salvato, l’uomo si vergognava del suo aspetto. Evitava di uscire, di visitare nuovi posti e si nascondeva alla gente.

Un decennio dopo l’incidente di Andy, nel giugno 2016, Rudy Ross dal Minnesota si era sparato ed era morto. Aveva 21 anni e sua moglie, Lily, era incinta di 8 mesi.

Quando Rudy Ross è morto, Andy ha avuto la possibilità di cambiare la sua vita con un trapianto facciale.

Anche se Lilly era desolata per il suicidio del marito, aveva accettato di donare il volto di Rudy a un’organizzazione che si occupa di donazioni di organi e tessuti.

E’ stato così che l’anno scorso, Andy dopo un’operazione chirurgica di 56 ore, fatta nella Mayo Clinic, in Minnesota, ha avuto il nuovo volto.

I medici hanno cambiato il naso di Andy, la mascella superiore e inferiore, i denti, il palato, le guance, i muscoli facciali, la mucosa orale, alcune ghiandole salivari e la pelle del viso.

Ora, che le ferite di Andy sono guarite, egli ha deciso di incontrare Lilly, la persona che ha reso possibile il trapianto.

L’incontro è avvenuto nella biblioteca dell’ospedale a fine ottobre.

Lilly sapeva che vedere il volto del suo defunto marito su qualcun altro sarebbe stato difficile, ma lei ha detto di aver accettato di farlo perché voleva che suo figlio conoscesse le cose buone che suo padre ha fatto per le altre persone, dopo la sua morte.

Andy così ha pure incontrato il figlio del suo donatore, Leonard Ross, 17 mesi.

L’incontro è stato molto emozionante.

L’uomo trapiantato ha detto che non ringrazierà mai abbastanza chi gli ha permesso di fare l’operazione.

Ora, ha avuto una promozione sul lavoro, esce, va al ristorante e a ballare. Col suo nuovo volto fa una vita normale.

Prince morto per un’overdose da fetanyl

Il cantante Prince è morto per un’overdose causata da un oppiode. Lo ha rivelato l’Istituto forense del Minnesota dopo aver fatto l’autopsia.

La morte dell’artista 57enne è stato un “incidente” causato da automedicazione di fetanyl, hanno detto i medici legali.

Il fentanyl è usato, in genere, nella gestione del dolore e come anestetico.

Prince era stato trovato senza vita il 21 aprile scorso nei suoi studi di Minneapolis.

La pop star aveva dato il suo ultimo concerto ad Atlanta, in Georgia, all’inizio di aprile, dopo aver preventivamente annullato due spettacoli in quella città, nel sud-est degli Stati Uniti, per problemi di salute.

Tornato a Minneapolis dopo il concerto, l’aereo privato di Prince aveva dovuto fare un atterraggio di emergenza in Illinois, a causa dei disturbi avvertiti dal cantante.

Il medico di famiglia dell’artista aveva prescritto dei farmaci a Prince oltre ad avevarlo visitato varie volte prima del decesso, anche un giorno prima che venisse trovato morto.

Morto improvvisamente Prince, in Minnesota

Il cantante Prince è morto giovedì. Il genio della musica e icona del pop, aveva 57 anni.

Sue sono alcune canzoni famose come “Purple Rain”, “Girls & Boys” o “Kiss”.

Con 39 album pubblicati, più di 100 copie vendute e la vincita di sette Grammy Awards, l’artista è stato trovato dai soccorritori privo di sensi in un ascensore del suo Studio di Paisley Park, in Minnesota.

I sanitari non sono riusciti a rianimarlo e il cantante è stato dichiarato morto alle tre del pomeriggio.

Per il momento le cause della sua morte non sono note.

Un’autopsia sul corpo del musicista avrà luogo venerdì.

I giornali americani dicono che un aereo privato di Prince aveva fatto un atterraggio di emergenza a Moline, in Illinois, venerdì scorso, dopo che il cantante si era esibito a Atlanta. L’artista si era sentito male, secondo il suo portavoce, perché non si era ancora ripreso da un’influenza che lo aveva colpito giorni prima.

Prince era stato dimesso dall’ospedale, dopo essere stato ricoverato d’urgenza. Il sito TMZ, citando varie fonti, dice che a Prince era stata fatta “un’iniezione” per contrastare gli effetti della droga. I medici, sottoporrebbero a quel trattamento quando devono neutralizzare gli effetti di un oppiaceo.

I sanitari avevano consigliato al cantante di rimanere ricoverato per almeno 24 ore, ma l’artista aveva deciso di firmare per uscire dall’ospedale tre ore più tardi, quando aveva saputo che non poteva avere una camera privata.

In Minnesota le autorità stanno cercando di indagare sul trattamento medico ricevuto da Prince, mentre i rappresentanti dell’artista non hanno fatto dichiarazioni al riguardo.

Il cantante un po’ di tempo prima della sua morte aveva combattuto contro una forte influenza che lo aveva costretto a cancellare diversi spettacoli.