Il ruolo della melatonina nei pesci che cantano

Si dice muto come un pesce, ma i pesci non sono muti, almeno non tutti. Infatti, anche alcuni pesci cantano, ad esempio i maschi della specie Porichthys notatus, che emettono un ronzio per attrarre le femmine e cercare di accoppiarsi con loro.

I maschi di questa specie utilizzano loro vesciche natatorie per creare rumori che sono stati paragonati a uno sciame di API.

I ricercatori dellaCornell University ritengono che questi pesci cantino puntualmente grazie alla melatonina, un ormone prodotto da molte piante e animali, rilasciato nell’oscurità.

Negli animali che dormono la notte, come fanno gli esseri umani, la melatonina si crede che contribuisca a regolare l’orologio biologico interno che avvisa il corpo quando è il momento di dormire.

Ma il ruolo della melatonina nella vita dei vertebrati notturni rimane abbastanza misterioso. In questi animali infatti l’ormone non induce a dormire la notte.

Il nuovo studio pubblicato in ‘Current Biology’ suggerisce che la melatonina possa agire dando più di un segnale per attivare i comportamenti notturni. Nei pesci Porichthys notatus, sembra che l’ormone induca i maschi a iniziare a cantare.

La melatonina, dunque, può esercitare effetti simili o differenti negli animali diurni e notturni.

Per analizzare il ruolo della melatonina nel ronzio emesso dai Porichthys notatus, gli scienziati hanno verificato i cicli del canto dei pesci tenuti in totale oscurità e alla luce costante. Al buio, gli animali hanno mantenuto all’incirca la stessa pianificazione, passando a un ciclo di 25 ore. Ma esposti alla luce, non hanno mai cantato. Quindi i ricercatori hanno dato ai pesci della melatonina artificiale e le melodie sono ricominciate anche se a intervalli casuali.

Il pesce Porichthys notatus vive lungo la costa del Pacifico, dall’Alaska alla Baja California. Le femmine non emettono lo stesso ronzio dei maschi, ma vocalizzano in modo solo quando non sono fertili o diventano aggressive.

Le donne che vogliono avere un bambino evitino di far tardi la notte

Le donne che vogliono concepire è meglio che smettano di restare sveglie fino a tardi la notte, perché la luce rallenta la produzione dell’ormone della fertilità.

“L’oscurità è importante per la salute riproduttiva delle donne e per la protezione del feto in via di sviluppo”, ha detto Russel J Reiter, dell’Università del Texas a San Antonio.

La melatonina, un ormone secreto dalla ghiandola pineale nel cervello in risposta all’oscurità, è importante quando le donne stanno provando a concepire.

“La melatonina ha forti proprietà antiossidanti che proteggono l’ovulo dai danni dei radicali liberi, particolarmente quando le donne ovulano.

Se le donne stanno provando a rimanere incinte, devo stare almeno otto ore all’oscurità, hanno detto i ricercatori.

“L’oscurità è necessaria affinché il cervello produca la melatonina”, ha detto Reiter nello studio comparso su ‘Fertility and Sterility’.