A caccia di like anche in viaggio

Instagram è il social preferito da chi viaggia. Forse perché è quello che offre maggiore rilievo alle proprie immagini, esponendole, grazie ai tag giusti, non soltanto alla ristretta platea dei propri amici (come avviene su Facebook), ma ad un pubblico potenzialmente infinito. I serial traveller amano in particolare postare le testimonianze dei loro fantastici viaggi su Instagram per tenere alta l’attenzione dei propri follower e procurarsene di nuovi. Gli italiani che amano viaggiare cercano spesso su Instagram i suggerimenti di influencer, attori o altri personaggi famosi. Lo scopo è quello di raggiungere le mete più suggestive per poi postare foto strepitose e ottenere valanghe di like. Come fare? Immortalando paesaggi straordinari oppure animali rari, i trucchi sono tanti. Abbiamo selezionato su Pitchup.com, la piattaforma di instant booking che dispone di 4200 strutture in 65 Paesi, 6 mete affascinanti e lontane dai soliti itinerari (tutte daranno il benvenuto anche al vostro cane) dove sarà facile realizzare foto spettacolari. Leggi tutto “A caccia di like anche in viaggio”

Facebook ha lanciato Threads di Instagram

Facebook ha lanciato Threads di Instagram, una nuova app di messaggistica che consente di rimanere in contatto con la propria cerchia ristretta di amici e condividere solo con loro foto, video, messaggi, Storie in uno spazio dedicato e privato.

Tra le novità, la possibilità di indicare il proprio Stato agli amici appartenenti alla cerchia ristretta. Solo gli amici più stretti che avremo deciso di inserire nella nostra cerchia potranno vedere il nostro Stato, che comunque è a nostra discrezione attivare, per la massima tutela della privacy.

Tendenze, la top 10 dei capi estivi più instagrammabili

È l’estate il periodo più social dell’anno, basti pensare che l’hashtag #summer da solo conta più post rispetto alle altre tre stagioni messe assieme. Per scattare foto glamour e invidiabili da condividere sui social sono 10 i capi amati da star e influencer da portare con sé in vacanza: al primo posto i sandali, scarpa estiva per eccellenza, seguito da crop top, caftano, hair band e minibag.

 

Dopo aver cercato l’estate tutto l’anno, all’improvviso è finalmente tempo di lasciarsi lo stress alle spallechiudere il portone di casa e partire per le vacanze. Tutto perfetto se non fosse che fare la valigia è sempre un momento di stress: la check list di cose da portare è lunga e le probabilità di dimenticarsi un capo fondamentale piuttosto alte. A questo si aggiunge il rischio di indossare abiti stropicciati dopo essere stati in valigia per ore e l’annoso problema delle lavatrici da fare al ritorno. Non solo: occorre prestare estrema attenzione all’outfit anche in vacanza perché è proprio l’estate il momento più social dell’anno. Infatti, l’hashtag #summer conta oltre 420 milioni di post, una cifra superiore rispetto a quella delle altre tre stagioni sommate, che si fermano a 305 milioni. Ma quali sono i 10 capi estivi più instagrammabili che non possono mancare negli outfit da sfoggiare durante le vacanze? Al primo posto svettano i #sandals, le scarpe estive per eccellenza regnano sovrane con 5,5 milioni di post e sono state sfoggiate da Chiara Nasti, seguite a sorpresa dal #croptop con 4,2 milioni di post, indossato in una versione scintillante dall’influencer Giulia Valentina, sul podio anche il #caftano con quasi 1 milione di post, capo amato da Alice Campello. Al quarto posto si trova l’#hairband, foulard da intrecciare tra i capelli che totalizza 634mila post e portato da Ludovica Sauer, mentre chiude la top 5 la #minibag con 608mila post, la borsetta scelta da Chiara Biasi. È quanto emerge da un monitoraggio condotto da Espresso Communication per Dressyoucan (dressyoucan.com), startup al femminile protagonista del fenomeno fashion renting, che ha classificato gli hashtag dei più popolari capi e accessori estivi su Instagram.

Ma come fare per avere a disposizione tutti i must-have dell’estate senza spendere cifre da capogiro ed evitando le solite dimenticanze e l’ansia da bagagli? La soluzione esiste ed è la vacanza luggage-light: si parte solo con lo stretto necessario e, grazie al fashion renting, vestiti e accessori arrivano direttamente in hotel, un nuovo stratagemma utile anche per i più sbadati. “Affittare un vestito per le vacanze è semplice e conveniente – spiega Caterina Maestro, fondatrice di DressYouCan – Tintoria, messa a misura, assicurazione e prova gratuita a domicilio sono comprese nel noleggio e tengono lontana qualsiasi preoccupazione. A far sì che il servizio sia unico è poi la possibilità di farsi arrivare i capi direttamente in hotel, una soluzione particolarmente comoda per gli abiti più delicati e voluminosi come quelli da sera. E per rendere ancor più glamour l’estate, fino al 21 settembre chi effettuerà una spesa pari o superiore a 199 euro potrà noleggiare gratuitamente un abito corto, un capo imprescindibile per un weekend estivo con le amiche o in coppia”.

Ma cosa occorre indossare per un perfetto e instagrammabile outfit vacanziero? Ecco la classifica dei 10 capi estivi che spopolano su Instagram:

  1. #Sandals – I sandali dominano con 5,5 milioni di post e sono stati indossati anche da Chiara Nasti: scarpa estiva per eccellenza, dorati o gioiello sono perfetti per una serata elegante.
  2. #CropTop – Vanta 4,2 milioni di post grazie alla sua versatilità: quest’anno, il più ricercato è quello con le paillettes, che ha catturato anche la blogger Giulia Valentina.
  3. #Caftano – Un capo fresco e trasparente, adatto all’estate, che sui social totalizza quasi 1 milione di post, apprezzato da Alice Campello, fotografata in spiaggia con questo modello.
  4. #HairBand – Foulard da intrecciare tra i capelli o a mo’ di fiocco come copri costume che aggiunge un tocco vintage: è stata usato 634mila volte e sfoggiato anche da Ludovica Sauer.
  5. #Minibag – Accessorio pratico che si adatta a ogni outfit estivo che su Instagram ha raccolto oltre 608mila post: a indossarla è stata Chiara Biasi che ha scelto una versione in pelle nera.
  6. #StrawHat – Il cappello di paglia è immancabile con 553mila post, fondamentale per farsi ritrarre nella posa dell’anno: la “hat clasp” lanciata da Nicole Scherzinger.
  7. #BeachBag – Tra i capi più social non può mancare la borsa da mare fotografata 540mila volte; il must è quella di paglia con manici in cuoio indossata anche da Valentina Ferragni.
  8. #BalletFlats – Le ballerine sono perfette per viaggiare comode, ma senza dimenticare lo stile; sono 177mila i post con questo hashtag e questa scarpa è stata scelta da Meghan Markle.
  9. #Slingback – Scarpe del sapore sofisticato, sono la tendenza del momento e collezionano 71mila post; tra le fashion victim che non hanno saputo sottrarsi al trend, Chiara Ferragni.
  10. #Chemisier – Sono 50mila i post del romantico abito: uno bianco sottolinea alla perfezione l’abbronzatura, d’ispirazione, quello scelto da Pippa Middleton.

Instagram Food Stories perfette, un concorso

Secondo il report di “Mangiare fuori nel 2019”, studio condotto da TheFork e Doxa a inizio 2019, andare al ristorante oggi è un’esperienza sensoriale da condividere attraverso l’immagine. Del resto, il food è uno dei trend più gettonati sulle piattaforme social e le Instagram stories – più di tutto – si sono con il tempo popolate di foto di piatti e ristoranti. Ma come realizzare scatti e “stories” perfette al ristorante da condividere sui propri account? TheFork, sito e app per Android e iOS che permette di prenotare in oltre 60.000 ristoranti nel mondo di cui 15.000 in Italia, ha cercato di rispondere a questo interrogativo coinvolgendo il videomaker specializzato in food, Simone Campanella, che collabora con l’azienda nell’ambito dei TheFork Restaurants Awards 2019, iniziativa realizzata con Identità Golose per promuovere le nuove aperture più promettenti. Ne emerge un elenco di 5 consigli da tenere a mente per ottenere il miglior risultato nelle Instagram food stories, “consigli semplici e veloci, per non far freddare le pietanzeper un approccio immediato e alla portata di tutti per la food photography” – aggiunge Simone.

 

  1. L’estetica: ci vuole ordine sul tavolo

Appena arriviamo dopo aver letto il menù, spesso succede che assaggiamo il pane che ci viene portato, beviamo dell’acqua o del vino, usiamo subito i tovaglioli, insomma sconvolgiamo già quello che era fino a poco prima una apparecchiatura precisa e ordinata, magari anche cospargendola di briciole. Bene, se vogliamo prepararci a fotografare il piatto che ci arriverà, dobbiamo per prima cosa stare attenti a non sporcare il tavolo e soprattutto scegliere con cura il punto in cui vogliamo fare il nostro scatto.

 

  1. L’impiattamento: ci sono piatti e piatti

C’è da dire che ci sono piatti e piatti. Ad esempio se abbiamo ordinato un’insalata, un minestrone o una zuppa, un po’ di disordine nella pietanza è ammesso, ma se abbiamo scelto un piatto con un impiattamento ben disposto, dobbiamo essere bravi a cogliere il dettaglio o il suo insieme in maniera precisa.

 

  1. La luce: qual è l’illuminazione migliore?

Molti ristoranti hanno un’illuminazione perfetta anche per i nostri scatti, molti invece hanno delle luci molto soffuse e con tonalità tendenti troppo al giallo o troppo bianche. Una luce comunque neutra o lievemente tendente al caldo farà apparire i vostri piatti più appetitosi. Ovviamente una volta che ci siamo seduti e il piatto è lì di fronte a noi, dobbiamo adattarci all’illuminazione presente. Sconsiglio vivamente l’utilizzo di Flash, che crea delle ombre troppo nette e punti luminosi troppo definiti. Al contrario, se abbiamo una forte luce e il piatto è bianco o di un colore chiaro, è bene andare anche aggiungere delle ombre.

 

  1. L’inquadratura: non tutte le angolazioni sono uguali!

La scelta dell’inquadratura è una parte fondamentale dello scatto che andremo a comporre. Non esiste un modo preciso di fotografare, ogni piatto o portata sarà unico e di conseguenza anche l’inquadratura è molto soggettiva. In tutti i casi, di seguito ecco alcuni consigli base. Possiamo inquadrare i nostri piatti verticalmente dall’alto, come ad esempio un’insalata o un tagliere o un risotto, oppure di lato, come ad esempio con la carne, tagliandola e facendo vedere il suo interno, che sia esso ben cotto o al sangue, oppure un panino, anche in questo caso tagliandolo a metà per mostrare il suo contenuto. Ad ogni modo è importantissimo tenere conto dello sfondo: tutto intorno deve essere ordinato perché il protagonista è il piatto e non devono esserci distrazioni! Anche mettere in risalto un singolo particolare del piatto a volte può essere efficace: provate ad avvicinarvi al dettaglio scelto del vostro piatto e lasciate sfocato lo sfondo. Fate un po’ di esercizi a casa prima, vedrete come in questa maniera le foto dei vostri piatti assumeranno un aspetto professionale. Possiamo anche inserire elementi che ci rimandano alla tavola, come delle posate, o un bel bicchiere con una bevanda abbinata magari, ma sempre ben ordinati e messi in punti precisi. Altra cosa importante è il formato. Posteremo la nostra foto sul feed di Instagram o come Instagram Stories? La cosa migliore è sempre quella di chiedersi prima di scattare o riprendere dove vogliamo pubblicare, così da sapere prima che cosa inquadrare!

 

  1. L’editing finale: come rendere i piatti davvero appetitosi!

Esistono diverse App che ci permettono di modificare al meglio le nostre foto così da pubblicare gli scatti sui social praticamente in tempo reale.

Le cose principali da fare sono:

1. Rendere i contorni più nitidi e definiti (utilizzando il cosiddetto sharpen, chiamato anche semplicemente nitidezza)

2. Giocare con il bilanciamento del bianco per far sì che la luce del vostro piatto sia regolata al meglio. Se il vostro scatto ha una luce tendente al blu, regolando questo parametro potete ottenere una luce più neutra spostandola verso il giallo. Viceversa se è troppo gialla, ci sposteremo verso il blu. Se poi volete essere proprio precisi potete andare a regolare anche le ombre o addirittura i mezzitoni.

3. La luminosità e il contrasto (Brightness & Contrast) rendono le foto più vivaci. Un lieve aumento di luminosità e contrasto farà uscire i diversi colori, oltre alle luci e le ombre della foto, così facendo renderete la vostra immagine ancor più affascinante.

4. La saturazione (Saturation) regola l’intensità dei colori. Colori più caldi e saturi, rendono i piatti più golosi.

 

Sulla scia di questa tendenza, TheFork ha anche lanciato il concorso #theforkexperience che permette di vincere un weekend gastronomico in Italia o Europa dal valore di €3.000 IVA inclusa e scorporabile ove possibile. Per partecipare, basta recarsi al ristorante prenotato con TheFork, vivere l’esperienza gastronomica condividendola su Instagram e caricare poi gli screenshot sul sito dedicato (www.theforkexperience.it). Il concorso dura fino al 14 luglio e il vincitore viene decretato tramite estrazione. Il regolamento del concorso è pubblicato sul sito ufficiale dell’iniziativa nella sezione dedicata.

 

Instagram ha lanciato il nuovo sticker Chat

Instagram ha lanciato il nuovo sticker Chat, che consente di avviare conversazioni via Direct con gli amici direttamente dall’interno di una Storia.

Come funziona:

  • Per invitare gli amici a chattare da una Storia, basta selezionare lo sticker Chat e dare un nome alla chat.
  • Gli amici che visualizzano la tua Storia, possono cliccare sullo sticker per unirsi alla chat e tu vedrai le loro richieste nella lista di visualizzazione delle tue Storie.
  • Basta scegliere con chi vuoi chattare e una chat viene automaticamente creata in Instagram Direct.
  • La chat può essere interrotta in qualsiasi momento.

A questo LINK, si possono scaricare immagini del nuovo Chat Sticker e un video che ne mostra il funzionamento.

Per ulteriori info sugli sticker di Instagram, andare sull’Instagram Help Center.

Un concorso fotografico per raccontare le foreste

Un concorso fotografico internazionale, aperto a professionisti e a semplici fotoamatori, per raccontare, con la potenza evocativa delle immagini, la bellezza del nostro patrimonio forestale. A lanciarlo, in occasione della Giornata Mondiale della Terra che si celebra il 22 aprile, è il PEFC, organismo garante della corretta e sostenibile gestione del patrimonio forestale e del legno.

 

Le foreste offrono infinite opportunità sia per i fotografi amatoriali che per i professionisti: dalla fotografia di paesaggi mozzafiato, di magnifici alberi e degli animali del bosco, passando per gli scatti d’azione di mountain biker ed escursionisti fino ad arrivare a immagini che documentino i lavori forestali, la vita delle comunità rurali o le tradizioni locali.

 

Il concorso prenderà il via proprio domenica 22 aprile e terminerà il 5 giugno, in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, e si svolgerà attraverso il social network di Instagram: infatti per partecipare sarà sufficiente pubblicare tramite il proprio account al massimo 10 foto corredate dall’hashtag #scattailboscoPEFC. I vincitori saranno selezionati e annunciati entro il 16 giugno 2018.

 

Tanti i premi sostenibili in palio: al primo classificato andrà un week-end per due persone a Borgo Val di Taro, presso l’agriturismo “Il cielo di Strela”, tra i boschi certificati PEFC nella provincia di Parma; al secondo un paio di occhiali in legno certificato PEFC, realizzati da DOLPI azienda certificata Pefc di Rovereto;  al terzo una giornata esperienziale presso la “Fattoria del legno”, in provincia di Vicenza.

 

In più, tra i vincitori delle 17 Nazioni partecipanti, verrà scelto il vincitore assoluto che riceverà come premio un viaggio a Ginevra (Svizzera) per partecipare alla Forest Certification Week del PEFC del 2018 o un premio in denaro di 3.000 franchi svizzeri.

 

“L’obiettivo del PEFC è quello di aumentare la gestione forestale sostenibile delle foreste di tutto il mondo attraverso la promozione della certificazione forestale”, dichiara Maria Cristina D’Orlando, Presidente del PEFC Italia. “Per questo abbiamo deciso di affidarci anche alla potenza dei social network, per cercare le immagini più sorprendenti e stimolanti delle foreste che possano aiutarci a comunicare ciò per cui l’intera alleanza PEFC (presente in 49 Paesi) si impegna ogni giorno: un mondo in cui le persone gestiscono le foreste in maniera sostenibile”.

 

E’ incinta, ma non ha la pancia

Una donna australiana incinta di sei mesi ha condiviso una foto della sua pancia piatta su Instagram a sei mesi di gravidanza.

Yiota Kouzoukas, 29 anni, è incinta del suo primo figlio, ma non ha una pancia arrotondata.

“Nei primi quattro mesi, il mio utero era retroverso”, ha spiegato la donna.

Si ha un utero retroverso quando questo si inclina all’indietro, non in avanti nel corpo della donna incinta.

La maggior parte delle persone che hanno questo tipo di utero che cresce verso la colonna vertebrale e non verso la parte esterna della pancia può notare che dalla dodicesima settimana di gravidanza,la pancia  continua a crescere normalmente.

L’utero retroverso è una condizione piuttosto comune, interessa il 20% delle gravidanze.

Se in passato, in questi casi si interveniva chirurgicamente, adesso la maggior parte dei ginecologi consiglia di non fare nulla, a meno che non vi siano forti disagi per la donna.