Una insalata verde quotidiana giova alla salute degli occhi

Se si vuole avere una vista forte fino alla vecchiaia, bisogna consumare una porzione di ortaggi verde scuro al giorno, secondo gli scienziati della Harvard University.

Uno studio, che questi ricercatori hanno condotto, ha rilevato che le persone che mangiavano tutti i giorni mezza scodella di insalata verde, avevano fino al 30% meno probabilità di sviluppare il glaucoma.

Il nuovo studio, pubblicato sulla rivista ‘JAMA Ophthalmology’, è stato fatto sulla base dei dati provenienti da 104.987 uomini e donne, di 40 anni e più, regolarmente sottoposti a visite oculistiche, ogni quattro anni, e a questionari dietetici dettagliati.

Durante i 25 anni di monitoraggio, ci sono stati 1.483 casi di glaucoma.

I ricercatori hanno esaminato la dieta, a seconda della malattia, e hanno concluso che coloro che avevano consumato in media di 1,5 scodelle di verdure ogni giorno erano stati significativamente protetti dalla patologia del glaucoma, rispetto a quelli che avevano mangiato un piatto di verdura ogni tre giorni o meno frequentemente.

“Il nostro studio ha dimostrato che il consumo giornaliero di verdure riduce del 20-30% il rischio di sviluppare il glaucoma”, ha detto Jae Ch. Kang, professore alla Harvard Medical School.

“Crediamo che questo sia dovuto a un gruppo di componenti delle verdure chiamati nitrati, che vengono convertiti nel corpo in ossido nitrico, una sostanza necessaria per il buon apporto di sangue e quindi per la salute del nervo ottico”, ha spiegato

Studi precedenti avevano mostrato che le persone con glaucoma spesso hanno un’alterata produzione di ossido nitrico nei loro occhi.

Il glaucoma è una malattia dell’occhio molto comune caratterizzata da un aumento della pressione all’interno dell’occhio e dalla graduale distruzione del nervo ottico, che può infine far diventare ciechi.

Insalata di avocado e seppie

Ingredienti

3 etti di seppioline pulite, 1 avocado maturo, 1/2 cipolla rossa, 1 pomodoro, mezza arancia, una manciata di prezzemolo o di coriandolo fresco, peperoncino, sale, 2-3 cucchiai di olio extra vergine di oliva.

Preparazione

Lessare le seppioline con una foglia di alloro. Raffreddare, scolare e asciugare bene. Tagliare le seppioline a fette e condirle con sale e peperoncino.

Sbucciare l’avocado e togliere l’osso. Tagliarlo a cubetti. Tagliare a julienne una cipolla rossa. Tagliare il pomodoro a cubetti, scartando i semi. Mescolare tutti gli ingredienti aggiungendo prezzemolo o coriandolo tritato, condire il tutto con il succo di arancia e dell’olio d’oliva.

Per l’ipertensione olio d’oliva e insalata sono un toccasana

Uno studio fatto nel King’s College di Londra ha confermato i benefici della dieta mediterranea, a base di legumi, verdure e un po’ d’olio d’oliva.

Lo studio, pubblicato sulla rivista PNAS, ha cercato di capire esattamente perché questa dieta possa abbassare la pressione sanguigna, risultando benefica per le malattie cardiovascolari.

Ha trovato che i benefici della dieta mediterranea provengono dalla composizione degli alimenti e dalla loro interazione.

La dieta mediterranea prevede olio di oliva, frutta secca (ad esempio le noci), frutta e verdura (come spinaci, sedano e carote).

Quando l’olio si combina con un’insalata verde o con delle verdure al vapore, una reazione chimica provoca la formazione di una nuova molecola, che abbassa la pressione sanguigna.