Aglio e cipolla possono ridurre il rischio di cancro al seno

Si sapeva che l’aglio e la cipolla hanno proprietà anticancro. Ora, uno studio, fatto su 800 donne portoricane (314 con carcinoma mammario e 346 sane), ha trovato che aglio e cipolla possono ridurre il rischio di cancro al seno.

Abbiamo scoperto che l’assunzione combinata di cipolla e aglio, nel soffritto, era associata a un ridotto rischio di cancro al seno”, ha affermato Gauri Desai, della University of Buffalo, autrice principale dello studio.

Nella ricerca, fatta nell’Università di Buffalo e nell’Università di Puerto Rico, quelle che avevano consumato cipolle e aglio, più di una volta al giorno, avevano ridotto del 67% il rischio di sviluppare un carcinoma mammario, rispetto alle donne che non avevano consumato questi alimenti.

Le cipolle e l’aglio sono ricchi di flavonoli e di composti organosolfuri.

In particolare, l’aglio contiene la S-allilcisteina, il diallil solfuro e il diallil disolfuro, mentre le cipolle contengono alch (en) ilil cisteina solfossidi, composti che hanno mostrato proprietà anticarcinogene.

 

Il farmaco che blocca il tumore

La moltiplicazione delle cellule tumorali potrebbe essere prevenuta usando un farmaco disponibile sul mercato, secondo i risultati di un nuovo studio condotto da un gruppo di scienziati della Purdue University (West Lafayette, USA), recentemente pubblicato su Cancer Research.

È il fostamatinib, usato per il trattamento delle malattie immunitarie croniche.

L’esperimento ha dimostrato che la sua capacità di inibire la proteina “Syk”, blocca le cellule del cancro al seno impedendo loro di creare delle metastasi.

Se il metodo dimostrerà la sua efficacia con gli esseri umani, questo potrà cambiare il trattamento di quella malattia, bloccando la crescita delle cellule tumorali.

Così, il tumore potrebbe essere considerato e trattato come una malattia cronica.

Fortunatamente, il fostamatinib ha una bassa tossicità, quindi lo si può assumere per anni.

Per ora, non è noto se il farmaco è efficace con altri tipi di cancro.

Lotta anche tu contro il cancro rosa, metti un nastro rosa alla tua immagine

L’ottobre in rosa mira a sensibilizzare l’opinione pubblica sul cancro al seno, che rimane la forma più comune e più letale di tumore tra le donne. Per tutto il mese, varie azioni per sensibilizzare su questa patologia e raccogliere fondi per far progredire la ricerca, sono organizzate in tutto il mondo.

Anche i social network si sono mobilitati offrendo di modificare il profilo aggiungendo un fiocco rosa e/o il sistema per fare una donazione per la ricerca sul cancro al seno

Facebook non è da meno. Infatti, il social network offre la possibilità, durante il mese di ottobre, di aggiornare la foto del proprio profilo in modo che sia evidenziata una fascia rosa, che simboleggia la lotta contro il cancro al seno. Si può anche fare una donazione tramite il social network.

Per aggiornare il proprio profilo, si può cliccare su questo link. È anche possibile scegliere la durata dell’applicazione del nastro all’immagine del proprio profilo.

L’esercizio fisico regolare scongiura 5 temibili malattie

Un nuovo studio ha trovato che le persone che fanno regolarmente esercizio fisico sono meno esposte al rischio di soffrire di cinque comuni malattie mortali, tra cui il cancro al seno, il cancro del colon, il diabete, le patologie cardiache e l’ictus.

Secondo lo studio, condotto da alcuni ricercatori di Australia e Stati Uniti, un maggiore livello di attività fisica alla settimana riduce il rischio di sviluppare queste cinque malattie comuni.

Ai fini dello studio, pubblicato su BMJ, i ricercatori hanno analizzato 174 diversi studi che erano stati pubblicati tra il 1980 e il 2016. Hanno trovato che maggiori guadagni in salute c’erano stati con un livello di attività settimanale compreso tra 12 e 16 ore di attività moderata o tra 6 e 8 ore di esercizio fisico vigoroso.

“Con l’invecchiamento della popolazione e un numero crescente di malattie cardiovascolari e di morti per diabete dal 1990, è richiesta una maggiore attenzione nella promozione dell’attività fisica”, ha detto l’autore principale dello studio Hmwe Kyu.

exercise, esercizio vigoroso, equivalente metabolico, MET, che attaccano il cancro, malattia cardiaca, cuore, diabete, cancro al seno, cancro del Colon

Cancro: esercizio fisico e dieta aumentano la sopravvivenza

I pazienti a cui recentemente è stato diagnosticato il cancro dovrebbero fare esercizio fisico e stare a dieta, perdendo chili, perché questo è il modo migliore per combattere la malattia, dicono i ricercatori dall’Università di Yale, negli Stati Uniti.

Gli scienziati hanno trovato che una camminata giornaliera di 25 minuti ha quasi dimezzato la mortalità fra le pazienti con cancro al seno.

I ricercatori hanno trovato che tre ore di camminata a passo veloce a settimana erano associate al 46 per cento di mortalità in meno.

Anche avere un girovita sottile, insieme all’esercizio fisico, aiuta chi ha un cancro avanzato.

Secondo gli esperti, perdere il cinque per cento del peso corporeo può portare a un aumento del 20% di  sopravvivenza in caso di cancro al seno.

“Dopo il trattamento, la perdita di peso è la cosa più potente che si può fare. È la migliore pillola successiva al trattamento ed è una cosa gratuita che non ha effetti collaterali”, ha detto Melinda Irwin dell’Università di Yale.

Ogni donna con diagnosi di cancro al seno dovrebbe perdere peso e gestire la forma fisica con dieta ed esercizio, ha aggiunto.

Anche quando le donne dello studio non avevano messo in pratica per molto tempo questi stili di vita, dopo decenni di una vita inattiva, la mortalità era scesa del 33 per cento, con dieta e movimento, hanno detto i ricercatori.

Gli scienziati ritengono che il grasso superfluo favorisca il rilascio degli ormoni (estrogeni, insulina, leptina) che alimentano la crescita dei tumori.

Penelope Cruz senza capelli brilla di luce interiore in ‘Ma Ma’

Penelope Cruz, nel suo ultimo film dello scrittore-regista Julio Medem, interpreta il dramma di un’insegnante disoccupata, madre single, a cui è stato diagnosticato il cancro al seno.

Il film, intitolato ‘Ma Ma’ racconta tutta la forza interiore della protagonista che lotta contro la terribile malattia.

Medem ha definito ‘Ma Ma’ “un inno alla vita… un dramma che ha anche molta luce e amore”, infatti la donna protagonista, nella sua lotta contro il cancro, trasforma ciò che la circonda con umorismo, coraggio e ottimismo, anche se deve passare attraverso cicli di chemioterapia e una mastectomia (asportazione del seno).

In Spagna, il film è uscito l’11 settembre 2015 e gli spagnoli dicono che potrebbe anche presentarsi al Festival di Cannes.

Da parte sua, l’attrice Penelope Cruz ha già vinto, infatti il film è stato presentato al premio Feroz.

L’attrice, nella pellicola è apparsa senza capelli, e ha detto a radio Cadena Ser che questo è stato uno dei ruoli più belli che le siano stati offerti.

“Mi sono innamorata della storia di questa donna, che è come una dea, una saggia. È stato veramente importante per me prendere questo rischio e non preoccuparmi mai del fatto se fossi bella, brutta o bruttissima. È un tributo a tutte le donne che devono affrontare questa malattia”, ha spiegato.

Lo screening mammografico ha ridotto le morti del 40%

Le donne che si sottopongono allo screening mammografico riducono il loro rischio di morte da cancro al seno del 40 per cento, secondo uno studio internazionale pubblicato sul ‘New England Journal of Medicine’.

Lo studio è stato condotto da esperti provenienti da 16 paesi, che hanno valutato diversi metodi di rilevazione del cancro al seno attraverso 11 studi clinici controllati e 40 studi osservazionali.

E’ emerso che le donne della fascia di età 50-69 avevano beneficiato maggiormente dello screening del cancro al seno, ma anche le donne di età compresa tra i 70 e i 74 anni avevano trovato dei benefici facendo la mammografia.Lo studio dice anche che i benefici della mammografia superano i rischi.

Il cancro al seno è la seconda causa di morte per cancro nei paesi sviluppati e il primo nei paesi a basso e medio reddito, hanno detto i ricercatori della Queen Mary University of London.

Il cancro al seno ha causato 521.000 morti in tutto il mondo nel 2012, secondo gli ultimi dati dall’Organizzazione mondiale della sanità.