Clima: da Marrakech l’auspicio che Donald Trump capisca

Il Segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon ha espresso la speranza che il futuro presidente Usa, Donald Trump, “capisca l’urgenza” dell’azione contro il riscaldamento globale, in occasione della Conferenza sul clima di Marrakech.

Ban si è detto “convinto” che il futuro Presidente Usa “prenderà una saggia decisione” e capirà che le forze di mercato stanno già agendo per spingere l’economia mondiale verso le energie più pulite, lontane dai combustibili fossili.

Quasi 180 autorità, tra capi di stato e ministri, dei paesi firmatari dell’accordo di Parigi, partecipano martedì e mercoledì alla Conferenza sul clima delle Nazioni Unite, la COP 22, una settimana dopo l’elezione di Donald Trump.

Il magnate di New York, che durante la sua campagna elettorale aveva definito il riscaldamento globale una “bufala” frutto di una cospirazione cinese, ha promesso di “annullare” l’accordo di Parigi e di spingere la produzione statunitense di carbone. Poi, non ha ancora detto nulla su questo argomento, dalla sua elezione.

La comunità internazionale si è impegnata a limitare l’aumento del riscaldamento globale.

Il presidente uscente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha recentemente detto che il suo successore Donald Trump è un “pragmatico” e avrà difficoltà a smantellare gli storici accordi, che funzionano, firmati dagli Stati Uniti sul programma nucleare iraniano e sul clima.

Intanto, l’anno 2016 dovrebbe segnare un nuovo record con una temperatura media globale superiore circa 1,2 ° C rispetto al livello dell’era pre-industriale, come ha annunciato lunedì l’Organizzazione meteorologica mondiale (WMO).

(Fonti Afp e Reuters)

Hiv: al via i test di un primo vaccino

I test di un primo vaccino contro l’infezione da HIV saranno fatti su 5.400 entro quest’anno in Sudafrica, dopo i risultati incoraggianti ottenuti in uno studio, fatto in totale su 252 persone che avevano partecipato ai 18 mesi di sperimentazione in Sudafrica.

Il sistema immunitario ha risposto bene al vaccino. “Abbiamo voluto determinare se questo vaccino fosse sicuro (…) e sopportabile” per i pazienti, ha spiegato all’AFP il dottore Kathy Mngadi, un ricercatore che ha partecipato al progetto.

La versione di prova si basa sui risultati significativi ottenuti nel 2009 da un vaccino sperimentale che ha ridotto di un terzo il rischio di contaminazione dal virus dell’AIDS in Thailandia.

Circa 2,5 milioni di persone sono infettate ogni anno nel mondo dal virus dell’AIDS (HIV), una cifra che non è diminuita negli ultimi 10 anni, secondo uno studio pubblicato sulla rivista medica The Lancet HIV.

Questa nuova analisi offre “un’immagine inquietante sulla lentezza dei progressi fatti per ridurre i nuovi casi di infezione da HIV”, ha detto Wang Haidong, dell’Università di Washington a Seattle (USA), autore principale dello studio.

il numero annuo di nuove infezioni è rimasta relativamente costante a circa 2,5 milioni di infettati al mondo per anno, circa 7.000 al giorno, negli ultimi dieci anni, dopo un periodo di rapido declino tra il 1997 e il 2005.

Sono numeri che hanno indotto a prendere posizione anche il Segretario Generale dell’Onu Ban Ki-moon, il quale ha definito i progressi registrati nella lotta all’Aids “inadeguati e fragili”.

Oltre la metà delle persone affette dal virus Hiv in tutto il mondo, circa 20 milioni, ancora non hanno accesso alle cure, ha detto il Segretario.

(Con Afp e Ansa)

Giornata internazionale della pace: Ban Ki Moon chiede di fermare i conflitti

Ban Ki Moon, Segretario generale dell’ONU, ha esortato all’unità e alla lotta per la pacifica convivenza e giustizia per tutti, durante la cerimonia effettuata per la Giornata internazionale della pace.

Dopo aver azionato la campana della pace a New York, sede dell’organizzazione internazionale, Ban Ki Moon ha invitato tutti coloro che combattono nei vari conflitti del mondo a cessare gli scontri.

Durante la cerimonia, il leader delle Nazioni Unite ha ricordato che quest’anno ricorre il 70 anniversario della Fondazione dell’Onu, organismo creato dopo la Seconda guerra mondiale.

Onu: serve un miliardo per combattere l’Ebola

Il Segretario generale dell’ONU, Ban Ki-moon, ha chiesto alla comunità internazionale nuovi fondi per combattere l’epidemia di ebola.

Parlando ai giornalisti presso la sede dell’ONU, Ban ha chiesto “solidarietà”.

Abbiamo bisogno di più medici, infermieri, attrezzature, centri di trattamento e di evacuazione. Faccio appello alla comunità internazionale affinché fornisca il denaro necessario per ridurre il tasso di trasmissione della malattia per i primi di dicembre, ha detto.

Cuba, Venezuela, Cina, Stati Uniti, Francia e Regno Unito sono alcuni degli Stati che hanno dimostrato la loro solidarietà nella lotta contro l’ebola, ha ricordato il Segretario. E’ ora che altri paesi contribuiscano, ha aggiunto.

Secondo gli ultimi dati dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), l’attuale epidemia di ebola ha causato 4.493 morti ed ha contagiato 8.997 persone.

Ban Ki-moon: sradicamento povertà è priorità assoluta

povertàIl Segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, ha detto martedì nella sede delle Nazioni Unite a New York che lo sradicamento della povertà deve essere una “priorità assoluta” del nuovo programma di sviluppo.

Lo sviluppo sostenibile deve diventare “l’elemento centrale” e la governance il “cemento”. Esso si deve esprimere in un’unica serie di obiettivi tra le tre dimensioni dello sviluppo, vale a dire la protezione dell’ambiente, la giustizia sociale e la crescita economica.

Circa 800 giorni prima la scadenza del 2015, i paesi membri delle Nazioni Unite hanno comunque notato con soddisfazione che la povertà è diminuita fortemente in tutto il mondo. Questo era uno degli obiettivi principali del millennio, adottati nel 2000.
Leggi tutto “Ban Ki-moon: sradicamento povertà è priorità assoluta”

Ban Ki-moon ha messo in guardia sul rischio di una “azione punitiva” in Siria

ban-ki-moonIl Segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon ha avvertito martedì contro il rischio di una “azione punitiva” in Siria, in risposta all’uso di armi chimiche.

Dobbiamo considerare l’impatto che avrebbe un effetto punitivo e fare sforzi per evitare altro spargimento di sangue e facilitare una soluzione politica del conflitto, ha detto alla stampa.

Ban Ki-moon ha inoltre detto che qualsiasi azione militare dovrebbe passare attraverso il Consiglio di sicurezza dell’ONU, esortando a “superare il blocco” attuale tra gli occidentali e russi.
Leggi tutto “Ban Ki-moon ha messo in guardia sul rischio di una “azione punitiva” in Siria”

La ricerca della felicità è un obiettivo umano fondamentale

Ieri, 20 marzo, è stata festeggiata la Giornata Mondiale della felicità, l’International Day of Happiness, un giorno scelto lo scorso anno dalle Nazioni Unite per festeggiare e riflettere su cosa si possa fare per essere felici.
Leggi tutto “La ricerca della felicità è un obiettivo umano fondamentale”