Il frutto che aiuta ad abbassare la pressione

Soffrire di ipertensione è molto comune nell’epoca contemporanea, ma alcuni alimenti possono aiutare a tenerla sotto controllo, sono quelli sono ricchi di potassio.

È noto che le banane sono ricche di potassio, ma un altro frutto, forse a sorpresa, ne contiene molto: è l’arancia.

Il potassio è un minerale che aiuta a controllare l’equilibrio dei liquidi nel corpo. In questo modo, può aiutare i reni a eliminare il sale in eccesso.

I reni, infatti, aiutano a controllare la pressione sanguigna controllando la quantità di liquido immagazzinato nel corpo. Maggiore è il fluido, più alta è la pressione sanguigna.

Filtrando il sangue e aspirando ogni altro liquido, che viene poi immagazzinato nella vescica, sotto forma di urina, i reni si servono di un delicato processo di equilibrio tra sodio e potassio per trascinare via l’acqua dal sangue in un canale di raccolta che conduce alla vescica.

Consumare troppo sale aumenta la quantità di sodio nel sangue e distrugge il delicato equilibrio, riducendo la capacità dei reni di rimuovere l’acqua.

Consumando invece più cibi ricchi di potassio, è possibile ripristinare l’equilibrio.

Il potassio è un minerale chiave che permette al corpo di funzionare correttamente, aiutando ad abbassare la pressione sanguigna e bilanciando gli effetti negativi del sale.

AIRC, dopo le arance della ricerca sul cancro continua la sfida

Non è mai troppo tardi per cambiare, non è mai troppo tardi per fare qualcosa per sé e per gli altri. Se l’evento organizzato dall’AIRC, l’Associazione italiana per la ricerca sul cancro, “Le arance della salute” si sta concludendo, continua l’iniziativa “Hai il coraggio di cambiare?

L’AIRC propone 5 sfide, che possono cambiare la vita: Smetti di fumare, Inizia a muoverti, Mangia più frutta e verdura, Non bere bevande zuccherate, Non bere alcolici.
Leggi tutto “AIRC, dopo le arance della ricerca sul cancro continua la sfida”

Fare da sé il proprio deodorante

I deodoranti che sono in commercio quasi sempre contengono sali di alluminio, un prodotto chimico che copre i pori e impedisce loro di respirare. A lungo, andare, interrompendo il naturale processo di regolazione della temperatura del corpo, possono insorgere dei problemi, dato che alcune aree devono essere raffreddate. Alcuni studi hanno trovato che l’uso frequente dei prodotti antitraspiranti può causare il cancro al seno.

Fare un deodorante casalingo, evitando i dannosi prodotti chimici che sono in commercio, è semplice. Le ricette sono molte. Eccone una facilissima:

OCCORRENTE
scorza di 3 limoni
scorza di 3 arance
1 litro di acqua
3 cucchiai di bicarbonato di sodio
1 tazza di sale marino

PREPARAZIONE
Grattugiare la scorza delle arance e dei limoni, farla bollire nell’acqua, mettere il preparato in un contenitore. Aggiungere il sale e il bicarbonato di sodio. Mescolare bene, filtrare e versare in uno spruzzino.

Il deodorante così preparato si può utilizzare per deodorare le ascelle o qualsiasi altra parte deel corpo. Il liquido ottenuto può essere utilizzato anche per un bagno a base di prodotti naturali. Mettere qualche cucchiaio del preparato nella vasca da bagno per una deodorazione integrale.

Il consumo di agrumi aumenta il rischio di melanoma

Il consumo di agrumi è associato a un aumentato rischio di melanoma, secondo un nuovo studio fatto nella Brown University e pubblicato sul ‘Journal of Clinical Oncology’.

Gli agrumi contengono psoralens e furocoumarins, sostanze chimiche fotocarcinogeniche, che rendono la pelle più sensibile all’esposizione al sole.

Per giungere a queste conclusioni, uno studio è stato fatto su 41.622 uomini, dal 1986 al 2010, e su 63.810 donne, dal 1984 al 2010, valutando le informazioni dietetiche su di loro, ripetutamente, ogni 2-4 anni.

Dopo 24 – 26 anni, è emerso che chi aveva consumato molti agrumi aveva avuto il 36% maggiore rischio di melanoma, rispetto a chi aveva mangiava questi frutti meno di due volte a settimana.

I ricercatori, autori dello studio, dicono, comunque, che ulteriori ricerche sono necessarie per confermare i risultati trovati dal loro lavoro.

Ucciso a colpi di arance

Un lavoratore agricolo è stato ucciso lunedì con delle arance da due colleghi in una disputa scoppiata in una piantagione in Sudafrica.

Alcuni lavoratori agricoli hanno iniziato a litigare e due uomini hanno cominciato a lanciare delle arance sulla vittima, fino a che l’uomo non è morto.

Per l’accaduto, due lavoratori agricoli sono apparsi mercoledì dinanzi alla corte di Tzaneen, cittadina in cui è avvenuta la tragedia.