Si avvicina l’asteroide 2004 BL86

Alle 17,49 del 26 gennaio, ora italiana, un asteroide di più di 500 metri di larghezza passerà vicino alla terra. Ma non è pericoloso e non sarà in rotta di collisione con il nostro pianeta.

Ad assicurarlo i ricercatori del Near Earth Object Program Office del Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa.

Il corpo celeste non si potrà vedere ad occhio nudo ma potrà essere individuato con un piccolo telescopio o un binocolo avanzato.

Battezzato ” 2004 BL86″, l’asteroide arriverà a poco più di 1 milione di chilometri dalla terra, ossia l’equivalente del triplo della distanza tra la terra e la luna.

L’asteroide “2004 BL86″ è stato scoperto dagli astronomi il 30 gennaio 2004 da un telescopio a White Sands, in New Mexico.

L’asteroide 2004 BL86 si sta avvicinando alla Terra

La prossima settimana, il 26 gennaio, un asteroide di più di 500 metri di larghezza passerà vicino alla terra. Ma non è pericoloso e non sarà in rotta di collisione con il nostro pianeta.

Il corpo celeste non si potrà vedere ad occhio nudo ma potrà essere individuato con un piccolo telescopio o un binocolo avanzato.

Battezzato ” 2004 BL86″, l’asteroide arriverà a poco più di 1 milione di chilometri dalla terra, ossia l’equivalente di circa tre volte la distanza tra la terra e la luna.

“2004 BL86” è stato scoperto dagli astronomi il 30 gennaio 2004.

L’asteroide 2004 BL86 si avvicina alla Terra

Una quarantina di grandi asteroidi passerà vicino alla terra tra gennaio e febbraio, secondo gli ultimi dati della NASA. La maggior parte di loro sarà più grande di un autobus a due piani… Ma per gli esperti sono improbabili dei pericoli e delle collisioni.

La minaccia principale proverrà dall’asteroide 2004 BL86, classificato come ‘potenzialmente pericoloso’ dagli scienziati.

Con quasi 1 km di diametro, il 26 gennaio il corpo celeste sarà a 1, 2 milioni di chilometri dal nostro pianeta, ossia tre volte la distanza esistente tra la terra e la luna.

L’Osservatorio Goldstone, situato nel deserto del Mojave in California, osserverà l’asteroide durante il suo approccio invisibile ad occhio nudo.

In confronto, questa massa è 20 volte più grande del meteorite Chelyabinsk, i cui detriti caddero in Russia il 15 febbraio 2013. Migliaia di persone, allora, furono ferite, soprattutto per le finestre rotte in seguito all’onda d’urto. Ma fortunatamente per noi, il 2004 BL86 passerà a una distanza maggiore.