Carcere, lo Yoga come strumento di riabilitazione

Migliora l’umore e lo stato di salute mentale in cella, riduce la propensione a comportamenti aggressivi e antisociali dei carcerati e fa calare il tasso di recidiva. Sono questi alcuni dei benefici derivati dallo Yoga come strumento di educazione e recupero per la vita dei detenuti. Una pratica che potrebbe tornare utile alle oltre 50mila persone che affollano le carceri italiane.

 

Il percorso che i detenuti devono affrontare per avere nuovi contatti con l’ambiente esterno ed essere reinseriti nella società è alle volte lungo e tortuoso anche per via di numerosi problemi psicologici. Basti pensare che secondo i dati del Ministero della Salute il 40% dei reclusi soffre di disturbi psichici, causati da forme di dipendenza da sostanzeproblemi nevrotici e di adattamento. Secondo numerose ricerche scientifiche internazionali una soluzione utile per il loro recupero arriva dallo Yoga: stando a quanto riportato da una ricerca della Oxford University e pubblicata sulla BBC, infatti, sessioni prolungate di yoga in carcere aiutano a migliorare lo stato di salute mentale dei detenuti, alleviando i livelli di ansia e depressione, e portano a un calo della recidiva. Pratica che potrebbe tornare utile alle oltre 50mila persone che affollano le carceri italiane, secondo i dati ISTAT, e al 68% di coloro che tendono nuovamente a finire tra le sbarre ripetendo gli stessi errori. Ma non è tutto, perché da una ricerca della Washington State University e pubblicata su Science Daily praticare yoga in carcere aiuta i detenuti nel creare relazioni più sane con i compagni di cella, aumenta la loro sensazione di autostima e riduce la propensione a comportamenti aggressivi e antisociali.

“La pratica dello yoga può essere un valido aiuto per compensare i numerosi problemi psicofisici generati dalla carcerazione. Molto spesso si crea un circolo vizioso che nel tempo può solo aggravarsi ed è per questo che l’apprendimento di una corretta respirazione può mitigare disturbi fisici e stati di tensione crescente – spiega Andrea Di Terlizzi, fondatore di Inner Innovation Project, tra i massimi esperti in Italia di Yoga e scienze antiche – La mia personale esperienza nel carcere di San Vittore a Milano e in quello di Cremona, risalente agli anni ’80, ha portato alla luce un fenomeno rilevante, ovvero che i carcerati, così come le persone libere, possono aver sentito parlare di Yoga e Meditazione oppure non saperne nulla. Tendono subito ad accogliere positivamente o respingere colui che potrebbe insegnarli queste discipline e il fattore rapporto è più importante della pratica in sé. Per questo motivo ci tengo a sottolineare che l’azione riabilitativa dello Yoga non dipende unicamente dall’efficacia della disciplina trasmessa ma soprattutto dall’esperienza di chi la comunica e, nel caso dei detenuti, e dalle sue capacità empatiche nello stabilire con loro il giusto rapporto”.

Ma non è tutto, perché alcuni esercizi di yoga, armonizzati con tecniche respiratorie e di concentrazione mentale, consentono la sperimentazione di uno stato di equilibrio nervoso che si riflette sulla percezione generale del carcerato, fornendogli una diversa condizione di calma e autocontrollo. Una ricerca compiuta dalla University of Pennsylvania, pubblicata sulla rivista scientifica Journal of Clinical Psychiatry, ha rilevato un miglioramento significativo in un gruppo di pazienti colpiti da gravi stati di ansia e depressione. E ancora, le sessioni di yoga possono risultare utili anche agli operatori nelle carceri, spesso sottoposti a un grave peso psicologico dovuto al loro lavoro: da un’indagine britannica condotta in un carcere di Manchester e pubblicata su The Telegraph è emerso che oltre 60 addetti dello staff hanno migliorato la propria condizione di salute fisica e mentale grazie a questa disciplina.

L’utilizzo positivo dello yoga come strumento di riabilitazione per i detenuti è un pensiero condiviso dalla dottoressa Amy Bilderbeck del dipartimento di psichiatria e psicologia alla Oxford University, che ha dichiarato alla BBC: “I nostri ricercatori hanno individuato come i detenuti sottoposti a una sessione intensiva di 10 settimane di yoga hanno migliorato notevolmente le loro condizioni di salute mentale, risultando più inclini alla partecipazione di attività educative rispetto a coloro che continuavano la solita routine. Più della metà dei carcerati adulti torna dietro le sbarre dopo un anno ripetendo gli errori del passato. Per questo motivo sensibilizzare le carceri nell’utilizzo di sedute di yoga e meditazione diventa un monito fondamentale per ridurre il tasso di recidiva e aiutare i detenuti nel loro percorso di riabilitazione all’interno della società”.

Ecco infine i 10 benefici dello yoga come strumento di riabilitazione dei detenuti emersi dalle ricerche:

  • Riduce la propensione a comportamenti aggressivi e antisociali
  • Allevia i livelli di ansia e depressione
  • Favorisce lo sviluppo di autodisciplina e concentrazione
  • Aiuta i detenuti a essere meno impulsivi e a intraprendere attività educative
  • Aumenta la sensazione di autostima
  • Porta i detenuti a essere meno inclini all’abuso di sostanze stupefacenti
  • Aiuta a dormire meglio
  • Fa calare il tasso di recidiva
  • Favorisce la socializzazione e permette di creare relazioni più sane con i compagni di cella
  • Potenzia la consapevolezza di sé e aiuta a prendere coscienza del crimine commesso

 

Yoga garudasana eagle pose Meno occhiaie, meno rughe e pelle più
Il sovrappeso e l'obesità portano migliaia di persone a iniziare una dieta e a fare
Yoga garudasana eagle pose La pratica dello yoga, scienza ed arte

Yoga: i 5 benefici nascosti

Yoga garudasana eagle pose

Meno occhiaie, meno rughe e pelle più luminosa: sono soltanto alcuni dei segreti di bellezza legati alla pratica dello yoga. A rivelarli è Abiby, talent scout di prodotti must have e delle ultime novità nel mondo beauty che proprio allo yoga dedica la beauty box di settembre “Feed your soul”.

Settembre rappresenta il momento ideale per riprendere la propria beauty routine ma è anche il mese più adatto per impegnarsi in nuove e sane abitudini. Tra queste, lo yoga: anno dopo anno, cresce il numero di persone che si dedica a questa pratica che è un toccasana sotto ogni punto di vista. Anche beauty: i benefici mentali e fisici di questa disciplina si legano infatti al benessere del viso, influendo in maniera positiva sullo stato di salute della pelle.

 

Per questo Abiby, talent scout di prodotti must have e delle ultime novità nel mondo beauty, svela 5 segreti di bellezza legati a questa disciplina: meno occhiaie, pelle più luminosa, più elasticità e meno rughe.

Addio alle borse sotto gli occhi: lo yoga migliora la circolazione corporea e rallenta l’invecchiamento cellulare

Lo yoga è una disciplina che ha un grande impatto sull’intera circolazione corporea, sia quella sanguigna che quella del sistema linfatico. Immaginando il corpo come una grande rete autostradale, dopo ore seduti a una scrivania o dopo un’intera giornata in piedi l’intero sistema ha bisogno di far circolare il traffico in maniera regolare:  lo yoga permette di farlo con movimenti lenti e mirati favorendo una buona circolazione sanguigna che rallenta l’invecchiamento cellulare, aiuta ad avere arti meno gonfi ed eliminare le borse sotto gli occhi.

 

Stop alle rughe: lo yoga aiuta a rilassare i muscoli, anche quelli del viso

Con lo yoga ogni muscolo è stimolato e riattivato. Più forza e resistenza, flessibilità ed elasticità: i primi risultati sono già visibili dopo poche settimane di pratica. Spesso quelli più rigidi e contratti sono quelli della schiena e del collo, che se sforzati possono causare forti mal di testa. Oppure quelli del viso, che invece possono anticipare la comparsa delle rughe.

 

Lo yoga previene e combatte le infiammazioni, inclusi sfoghi cutanei e acne

Alla base delle infiammazioni possono esserci cause molto diverse tra loro tra cui lo stress; lo yoga aiuta a combatterli sia dal punto di vista corporeo, con l’attivazione e il rilassamento dei muscoli e la stimolazione del sistema circolatorio, sia dal punto di vista mentale, grazie alla meditazione. Anche quelli causati dal sistema digerente possono essere limitati o addirittura eliminati: molte posizioni yoga favoriscono infatti la digestione e il movimento intestinale. Lato “beauty”, uno dei primi benefici è la riduzione e l’eliminazione degli sfoghi cutanei, brufoli in primis.

 

Lo yoga facilita il sonno ed elimina le occhiaie

Una buona nottata di sonno insieme a una buona idratazione aiutano a ridurre e a prevenire le occhiaie in modo naturale. A volte però è difficile godere di un buon riposo a causa delle giornate frenetiche che viviamo. Diverse posizioni yoga insegnano a governare corpo e mente, a quietare i pensieri e concentrarsi sul respiro e non sugli avvenimenti passati. Queste attività garantiscono un sonno più profondo e ristoratore che aiuta il corpo e la mente a rigenerarsi e ristabilire gli equilibri.

 

Lo yoga tiene a bada i pensieri negativi per una pelle luminosa

Lo yoga non coinvolge solo il corpo ma prima di tutto mette in moto la mente: è lei che pone i limiti, aiuta a mantenere le posizioni, regola ogni singolo movimento. Lo yoga è quindi un allenamento anche per il cervello e per lo spirito: aiuta a concentrarsi, migliorando la nostra capacità di trovare e mantenere un focus, permette di controllare ed eliminare i pensieri negativi. Così facendo, lascia più spazio alla positività, migliorando anche la flessibilità dei nostri pensieri oltre che quella dei nostri muscoli. Il risultato beauty? Una pelle luminosa e distesa che non conosce stress.

“La pratica dello yoga ha grandi benefici dal punto di vista beauty: insieme ad una routine di bellezza dedicata, aiuta a valorizzare il proprio corpo e soprattutto il proprio viso”, sottolinea Valentina Abramo, Brand Partnership Manager di Abiby. “Inoltre, Abiby dedica proprio allo yoga la beauty box di settembre ‘Feed your Soul’, con una selezione di prodotti per lo skincare che si prendono cura del corpo ma anche della mente. Il benessere della pelle passa per i piccoli gesti quotidiani: per questo abbiamo scelto per la box prodotti in grado di detergere e rigenerare in profondità, ideali per realizzare quotidianamente un delicato rituale beauty. In perfetto stile #YogaSkin, l’ultimo trend del 2019 che punta a rendere il proprio aspetto più rilassato e luminoso, proprio come dopo una lezione di yoga”.

Migliora l’umore e lo stato di salute mentale in cella, riduce la propensione a comportamenti
Il sovrappeso e l'obesità portano migliaia di persone a iniziare una dieta e a fare
Yoga garudasana eagle pose La pratica dello yoga, scienza ed arte

Gli esercizi che contrastano i geni dell’obesità

Il sovrappeso e l’obesità portano migliaia di persone a iniziare una dieta e a fare esercizio fisico, tutte cose che non si seguono facilmente  e che spesso non generano i risultati attesi.

Gli esercizi fisici che vengono eseguiti, le diete prescritte e i fattori genetici hanno alcune implicazioni. E sebbene i risultati possano essere raggiunti, alla fine, per alcuni il processo è più semplice che per altri.

Un gruppo di scienziati dell’Università Nazionale di Taiwan, ha condotto uno studio, analizzando gli esercizi che più aiutano nella perdita di peso, anche le persone geneticamente inclini all’obesità.

In questo studio, pubblicato su PLOS Genetics, sono stati esaminati 18.424 adulti cinesi, le cui età andavano dai 30 ai 70 anni, tenendo conto dell’interazione della genetica con l’esercizio fisico eseguito.

Sono stati utilizzati dati come l’indice di massa corporea, la percentuale di grasso corporeo e il rapporto vita-fianchi.

E’ emerso che cinque esercizi sono più efficaci per perdere peso nelle persone con una maggiore predisposizione genetica all’obesità:

– Correre
– Camminare senza fermarsi
– Camminare intensamente
– Arrampicarsi
– Fare Yoga

Altri sport, come il ciclismo, il nuoto o la danza, non sarebbero invece così efficaci in persone con predisposizione all’obesità.

Tuttavia, lo studio sottolinea che la regolarità influisce anche sul raggiungimento dei buoni risultati e non esclude la pratica abituale di qualsiasi esercizio fisico, oltre a una dieta messa a punto da un medico nutrizionista.

 

Migliora l’umore e lo stato di salute mentale in cella, riduce la propensione a comportamenti
Yoga garudasana eagle pose Meno occhiaie, meno rughe e pelle più
Yoga garudasana eagle pose La pratica dello yoga, scienza ed arte

Civitanova Marche, torna lo yoga al Faro Rosso

Yoga garudasana eagle pose

La pratica dello yoga, scienza ed arte di vita, dà appuntamento a tutti gli amanti e i curiosi della millenaria disciplina sabato 18 maggio alle ore 16.30 al Faro Rosso, molo est di Civitanova Marche.

Organizzato come ogni anno dalla Scuola di yoga Surya Om Candra con sedi a Macerata e a Civitanova Marche, sceglie un luogo di grande energia, tra mare, cielo e terra, in cui gli elementi della natura, terra, acqua, aria, fuoco e spazio, vengono espressi attraverso la pratica degli asana, l’orientamento spaziale del corpo, le tecniche respiratorie del pranayama, la meditazione nella connessione tra il macro ed il micro cosmo umano. Il faro rappresenta simbolicamente la luce che guida i naviganti nella vita verso la giusta direzione, auspicando una buona partenza e la strada del ritorno a casa.

L’evento alla sua quarta edizione, è patrocinato dal comune di Civitanova Marche, Assessorato alla Cultura e Turismo, ed è condotto da Stefano Sattwa e Irene Pagnanelli.

Per la partecipazione è richiesta l’iscrizione on line www.yogasuryaomcandra.it/iscrizioni

Migliora l’umore e lo stato di salute mentale in cella, riduce la propensione a comportamenti
Yoga garudasana eagle pose Meno occhiaie, meno rughe e pelle più
Il sovrappeso e l'obesità portano migliaia di persone a iniziare una dieta e a fare