Smartphone più importante di sesso e alcol

Nella società tecnologica e sempre connessa di oggi sono cambiati anche le priorità, i bisogni e i lussi. Da uno studio recente è emerso questo inimmaginabile sconvolgimento di priorità.

Meglio di cioccolato, sesso e alcool è, infatti, emerso essere l’uso dello smartphone.

Il fatto è emerso da un sondaggio condotto dalla società iPass, che per uno studio ha intervistato 1.700 persone che di solito viaggiano al lavoro.

Il 75% degli intervistati ha detto in questo contesto che utilizzare lo smartphone è la priorità quotidiana, di fronte al sesso, che costituisce una priorità solo per il 37%, mentre il cioccolato lo è per il 14% degli intervistati e l’alcool per il 9%.

Per il direttore commerciale della società che ha condotto l’indagine, Patricia Hume, il risultato della ricerca rivela che il telefonino è la priorità corrente di molte persone.

“Il wi-fi non è solo il metodo più popolare di connettività per internet, ha superato molti altri bisogni umani e altri lussi”, ha anche detto la Hume.

La maggior parte degli intervistati, il 63%,  preferisce utilizzare hotspot Wi-Fi, invece dei dati mobili e il wi-fi può essere un fattore decisivo, anche quando si viaggia, ha spiegato la società che fornisce ai clienti l’accesso al Wi-Fi, tramite la più grande rete del mondo.

Italiani indisciplinati in volo: 1 su 3 si connette a Internet quando è vietato WhatsApp
Ha destato molta preoccupazione, ultimamente, uno studio fatto sui ratti, secondo cui c'è una correlazione
Le lucine degli alberi di Natale o quelle con cui si addobbano i balconi o

Italiani poco ligi alle regole quando sono in aereo

Italiani indisciplinati in volo: 1 su 3 si connette a Internet quando è vietato
WhatsApp e Facebook sono le applicazioni più usate

Anche se è possibile utilizzare dispositivi elettronici come Smartphone e Tablet durante il volo, impostandoli in “modalità aereo”, e anche se oggi sempre più compagnie aeree offrono il cosiddetto board Wi-Fi, il personale di bordo lo ripete più volte, la connessione a Internet è vietata nelle fasi di decollo e di atterraggio. Ma non tutti rispettano questa regola, anzi, secondo ilpotente motore di ricerca di voli e hotel www.jetcost.it, un italiano su tre elude questo divieto.

Un sondaggio di Jetcost ha rivelato che il 68% degli italiani non rispetta le regole di sicurezza in volo, in particolare, ecco la classifica dei divieti più ignorati:

1. Non prestano attenzione agli assistenti di volo quando spiegano le istruzioni di sicurezza prima del decollo.
2. Utilizzano i dispositivi elettronici durante il decollo e l’atterraggio degli aeromobili.
3. Non indossano la cintura di sicurezza.
4. Non posizionano il bagaglio nel vano superiore o sotto il sedile.
5. Restano in piedi quando bisognerebbe stare seduti.

Tornando al divieto di utilizzare dispositivi elettronici, oltre il 32% degli intervistati ha dichiarato di essere infastidito da questa regola, e quando gli è stato chiesto quali fossero le applicazioni più utilizzate in aereo, nei momenti in cui sarebbe proibito navigare, il 35% ha risposto WhatsApp, il 23% Facebook, e il 12% Instagram.

Quando gli è stato chiesto il motivo, la maggior parte ha detto che voleva condividere le immagini dell’aereo, ciò che si vede dal finestrino o “selfie” scattati con amici e familiari (54%), altri che volevano “taggarsi” in aeroporto prima della partenza (37%).

Allo stesso modo, quelli che hanno ammesso di aver inviato messaggi di testo o effettuato chiamate a bordo, quando il telefono dovrebbe essere già spento o in modalità aereo, hanno spiegato: “Ho usato il telefono quando non eravamo ancora in aria quindi non vedo che problemi di sicurezza potrebbero esserci” (66%). Altri invece hanno risposto: “Volevo dire ai miei amici, al partner o alla famiglia che stavo per decollare” (21%); altri ancora: “Non avrei potuto connettermi a Internet per un lungo periodo quindi volevo utilizzarlo prima di partire” (14%).

Un portavoce di Jetcost ha dichiarato: “É importante ricordare che, mentre alcuni passeggeri ritengono che alcune norme e regolamenti siano obsoleti, e la cosa da una parte potrebbe sembrare giusta visto che alcune compagnie aeree offrono il Wi-Fi a bordo, è sempre meglio mettere il telefono in modalità aereo, perché non si sa mai quali danni potrebbe causare la tecnologia mobile a bordo dell’aeromobile”.

Nella società tecnologica e sempre connessa di oggi sono cambiati anche le priorità, i bisogni
Ha destato molta preoccupazione, ultimamente, uno studio fatto sui ratti, secondo cui c'è una correlazione
Le lucine degli alberi di Natale o quelle con cui si addobbano i balconi o

Il Wi-Fi non provoca il cancro, parola di esperto oncologo americano

Ha destato molta preoccupazione, ultimamente, uno studio fatto sui ratti, secondo cui c’è una correlazione tra le onde dei telefonini e l’insorgenza dei tumori. Ma un oncologo americano ha rassicurato.

Il dottor Gary Larson sostiene che l’esposizione prolungata ai campi elettromagnetici del wi-fi non ha effetti negativi sulla salute umana.

La radiazione elettromagnetica del wireless funziona come quella dei telefoni cellulari e dei televisori, quindi ha lo stesso effetto sulla salute umana e non causa il cancro, dice l’oncologo e direttore medico di ProCure in Oklahoma, il quale ha spiegato che le onde del wifi non sono diverse da quelle trasmesse dalla televisione e hanno una frequenza alta come quella della luce.

“Non esiste alcuna prova credibile che le radiazioni non-ionizzanti abbiano effetti negativi sulla salute. Non esiste un meccanismo radiobiologico che spieghi questa associazione e non vi sono assolutamente prove scientificamente valide” sulla nocività di queste radiazioni, dice l’oncologo.

Larson ha 30 anni di pratica medica con malati di cancro ed ha familiarità con tutti gli agenti cancerogeni conosciuti dall’uomo.

“Posso dire con assoluta certezza che le onde radio non possono danneggiare nessuno, a meno che uno non sia bombardato da un fascio di radiazioni come quelle di un microonde”, ha detto l’esperto.

Nella società tecnologica e sempre connessa di oggi sono cambiati anche le priorità, i bisogni
Italiani indisciplinati in volo: 1 su 3 si connette a Internet quando è vietato WhatsApp
Le lucine degli alberi di Natale o quelle con cui si addobbano i balconi o

Le lucine degli alberi di Natale possono disturbare la connessione Wi-Fi

Le lucine degli alberi di Natale o quelle con cui si addobbano i balconi o altre cose, durante le feste, possono interferire con i segnali Wi-Fi e rallentare la velocità di connessione, secondo una ricerca dell’Ofcom, l’autorità britannica delle comunicazioni.

Tuttavia, non è solo il Wi-Fi a influenzare la velocità della banda larga. Altri altri dispositivi elettronici, tra cui lampade, altoparlanti, televisori e monitor possono farlo.

L’analisi britannica è stata fatta dopo che una ricerca aveva rivelato che quasi sei milioni di case e uffici nel Regno Unito avevano una poco efficiente connessione Wi-Fi.

Le notizie diffuse dall’Ofcom hanno coinciso anche con il lancio dell’applicazione Wi-Fi Checker, disponibile su iOS e Android, che può controllare la forza e la velocità dei segnali della banda larga.

L’app, della stessa Ofcom, offre anche suggerimenti per la risoluzione dei problemi e aiutare gli utenti ad avere una connessione migliore.

Ad esempio si può spostare il router lontano dai dispositivi elettrici ed elettronici, in particolare da quelli che emettono segnali wireless.

Idealmente i router dovrebbero stare in posizione centrale all’interno della casa e collocati su un tavolo o un ripiano anziché sul pavimento, dice Ofcom.

Riavviare il router e utilizzare un cavo Ethernet può anche contribuire a migliorare la velocità della banda larga.

Facebook, il social network più grande del mondo, ha lanciato la versione beta di una
Ai pannoloni dei pazienti anziani e costretti a letto, presto, potrebbe essere applicato un sensore
Una startup portoghese, che mira a utilizzare dei droni a energia solare, per fornire l’accesso