Ponte dell’Immacolata in mongolfiera

In occasione del Ponte dell’Immacolata, nelle giornate di venerdì 8 e sabato 9 dicembre 2017, un nuovo appuntamento con la mongolfiera in Friuli Venezia Giulia. I voli, organizzati da Visitait.it – Sport & Adventure Booking, si svolgeranno come da tradizione nei due momenti più romantici della giornata:  l’alba (con partenza da Primulacco – UD) e il tramonto (con partenza da Palmanova – UD).

Le prime settimane di dicembre sono il periodo ideale per i voli: l’aria è frizzante ma all’interno della cesta i partecipanti sono riscaldati dal tepore proveniente dal bruciatore che fa volare alta la mongolfiera, il cielo è incredibilmente limpido e dona uno spettacolo grandioso dalle montagne innevate fino al mare in una panoramica a 360° sul Friuli Venezia Giulia.

Inaugurati i voli per Sant’Elena, dove morì Napoleone Nell’isola sperduta nell’Atlantico oggi c’è un aeroporto
Ryanair ha recentemente annunciato che annullerà fino a 50 voli al giorno nelle prossime sei
Un italiano su tre ha cercato di flirtare con hostess e steward  Ma solamente il

Cresce il turismo nelle isole remote

Inaugurati i voli per Sant’Elena, dove morì Napoleone

Nell’isola sperduta nell’Atlantico oggi c’è un aeroporto per accogliere i sempre più numerosi turisti “estremi”. Dai consulenti di viaggio CartOrange altre idee per vacanze lontano dalla folla: Flores e Raja Ampat in Indonesia, Ishigaki-jima in Giappone e la selvaggia Tofino, nell’Isola di Vancouver in Canada

 

Per secoli c’è stato un solo modo per raggiungere Sant’Elena, la remota isola dell’Atlantico meridionale dove fu esiliato Napoleone Bonaparte: via mare, con una traversata di cinque giorni da Cape Town. Ora non è più così: il 14 ottobre scorso è stato ufficialmente inaugurato l’aeroporto di Jamestown, capoluogo dell’isola, e i turisti possono arrivare in questo luogo fuori dal mondo in sole sei ore di volo dal Sudafrica. Sono attese 30mila presenze all’anno. E la curiosità cresce anche in Italia: «Qualche nostro cliente si è già informato per un viaggio, e come tour operator abbiamo cominciato a studiare le potenzialità di questa destinazione. Stiamo verificando le soluzioni migliori per raggiungerla» spiega Catia Ballotta, Travel Stylist di CartOrange, la più grande azienda italiana di consulenti di viaggio, specializzata in vacanze esperienziali e su misura. «Sant’Elena rimane una destinazione remota –ricorda Ballotta–. Non ci sono spiagge balneabili, né grandi strutture ricettive: il suo fascino risiede nella natura, nell’isolamento e nella tranquillità».

I cultori del turismo estremo possono dunque stare tranquilli: Sant’Elena rimarrà incontaminata. Mentre per coloro che sono tentati dall’idea di viaggiare in un’isola remota, lontano dalla folla, ma senza rinunciare a qualche comodità, esistono destinazioni non convenzionali che possono regalare grandi emozioni. I consulenti di viaggio CartOrange ne hanno individuate tre.

 

Indonesia: Flores e Raja Ampat – L’Indonesia è formata da una miriade di isole e arcipelaghi grandi e piccoli, e se si vogliono evitare i percorsi più battuti non è certo un problema trovare una destinazione un po’ fuori mano. «A chi desidera venire in contatto con la natura più autentica e con tradizioni ancestrali uniche consigliamo Flores, una delle Piccole Isole della Sonda –spiega Catia Ballotta–. In quest’isola a un’ora e mezza di volo da Bali la popolazione vive ancora lontana dalla modernità, secondo i ritmi lenti. Il paesaggio è modellato da tredici vulcani ricoperti da foreste». Se invece si cerca un luogo spettacolare per le immersioni, la meta ideale è Raja Ampat, arcipelago di 1.500 isole e isolotti: «È uno sterminato parco marino caratterizzato da una spettacolare barriera corallina. Ed è ancora poco frequentato, dato che occorrono sei ore di volo da Giacarta, con scalo a Makassar. Ma vale la pena fare un lungo viaggio per questo paradiso incontaminato».

 

Giappone: Ishigaki-jima – Le isole dell’estremo sud del Giappone offrono un clima tropicale, splendide spiagge, mare cristallino il fascino di una cultura unica. «In più sono veramente lontane da tutto: sono a duemila chilometri da Tokyo, tre ore e mezza di volo –commenta Ballotta–. A Ishigaki-jima si trovano le spiagge più belle del Giappone, e questo ne fa la meta conclusiva ideale per rilassarsi dopo un tour del paese del Sol Levante. Cultura, tradizioni e cucina sono autenticamente giapponesi, ma conservano le loro peculiarità locali diverse da tutto il resto del Paese: questa piccola isola riserva sorprese a ogni angolo». Fra le esperienze consigliate da CartOrange ci sono snorkeling e diving per ammirare gli splendidi fondali. Da non perdere anche le escursioni in kayak sul fiume Fukido e a piediper esplorare l’interno dell’isola.

 

Canada: Tofino, Vancouver Island – A chi predilige climi più freddi e vacanze piene di sport e camminate i consulenti CartOrange consigliano Tofino, sull’Isola di Vancouver, costa pacifica del Canada. «Tofino è un paradiso per chi ama le escursioni e la vita all’aria aperta –spiega Catia Ballotta–. È amata sia dalle famiglie, sia dai viaggiatori più avventurosi, perché ci sono proposte di ogni tipo, ma tutte all’insegna della natura e del turismo sostenibile». Lo sport è in primo piano: a detta dei canadesi Tofino è la capitale del surf e si pratica anche il sup (una variante più semplice da imparare, in cui con una pagaia si sta in piedi sulla tavola e si ha la sensazione di camminare sull’acqua). Altri sport che trovano il loro ambiente ideale sono kayak, canoa, pesca, trail e biking. Il tutto ha luogo in uno scenario naturale incredibile, protagonista delle esperienze consigliate da CartOrange: «Proponiamo escursioni nell’area del Clayoquot Sound –spiega Catia Ballotta–, riserva della biosfera tutelata dall’Unesco, e del Pacific Rim National Park, uno dei più selvaggi territori del Canada affacciato sull’oceano Pacifico e popolato di animali come orsi, alci, balene; è possibile osservare gli animali sia dalla terraferma che dal mare a bordo di imbarcazioni appositamente attrezzate oppure volando con elicotteri e idrovolanti. Da non perdere l’esperienza di avvistamento degli orsi sulle locali imbarcazioni chiamate Zodiac».

In occasione del Ponte dell’Immacolata, nelle giornate di venerdì 8 e sabato 9 dicembre 2017, un nuovo
Ryanair ha recentemente annunciato che annullerà fino a 50 voli al giorno nelle prossime sei
Un italiano su tre ha cercato di flirtare con hostess e steward  Ma solamente il

Ryanair cancella migliaia di voli: ecco cosa devono sapere i passeggeri

Ryanair ha recentemente annunciato che annullerà fino a 50 voli al giorno nelle prossime sei settimane, per migliorare e garantire la puntualità dei propri voli. AirHelp, il servizio di reclami per disservizi di volo più importante del mondo e che in 4 anni ha aiutato oltre 3 milioni di passeggeri ad ottenere oltre quasi 200 milioni di euro dalle compagnie aeree per i loro voli in ritardo o cancellati, anche in questo caso sottolinea come i passeggeri debbano fa valere i propri diritti e richiedere i risarcimenti ove disponibili.

I passeggeri possono avere diritto a un rimborso fino a 400 euro, se la compagnia aerea fornisce meno di 14 giorni di preavviso, ma meno del 2% degli aventi diritto richiede il risarcimento.

In occasione del Ponte dell’Immacolata, nelle giornate di venerdì 8 e sabato 9 dicembre 2017, un nuovo
Inaugurati i voli per Sant’Elena, dove morì Napoleone Nell’isola sperduta nell’Atlantico oggi c’è un aeroporto
Un italiano su tre ha cercato di flirtare con hostess e steward  Ma solamente il

Gli italiani in volo ci provano

Un italiano su tre ha cercato di flirtare con hostess e steward 
Ma solamente il 10% ha avuto successo secondo un nuovo sondaggio

È di qualche mese fa la notizia che il 14% delle hostess e degli steward britannici ha fatto sesso con un passeggero in volo, ma guardando l’altra faccia della medaglia, quanti sono i passeggeri che cercano di flirtare con gli assistenti di volo? In realtà, molti di più di quanto si possa immaginare. La ricerca di un flirt ad alta quota è una fantasia comune e antica. Secondo il potente motore di ricerca di voli e hotel www.jetcost.it, almeno il 30% dei viaggiatori italiani ci ha “provato”, anche se solo il 10% è riuscito nel suo intento.

Secondo un sondaggio sui modi preferiti dei passeggeri di trascorrere il tempo in volo, le risposte più frequenti sono state:

1. Ascoltare musica.
2. Parlare con i compagni di viaggio.
3. Guardare film.
4. Dormire
5. Leggere un libro o una rivista.

Ma la ricerca di Jetcost ha svelato, a sorpresa, che uno su tre degli intervistati (il 30%) ha dichiarato anche di aver tentato un approccio con il personale di bordo. E quando gli è stato chiesto cosa li aveva spinti a “provarci”, queste sono state le motivazioni: il 37% ha detto che si sentiva attratto dalla hostess o dallo steward, il 23% ha ammesso di essersi fatto trasportare dalle storie piccanti sul conto degli assistenti di volo, il 17% ha dichiarato di essere stato spinto solo dalla voglia di trasgredire.

Anche se in molti sono andati a caccia di un’avventura, solo uno su dieci (il 10%) ci è però riuscito. Inoltre, a tutti coloro che hanno ammesso di aver flirtato con gli assistenti di volo, è stato chiesto come ha reagito il personale al loro tentativo di approccio. Il 42% ha detto di essere stato guardato con stupore, il 30% ha detto che l’assistente di volo è stato al gioco, il 21% ha confessato che hostess o steward hanno cercato di evitarli per il resto del viaggio, mentre il 7% è stato trattato male. C’è poi da dire che, in base al sondaggio, gli uomini che ci hanno “provato” in volo sono risultati il doppio delle donne.

In paragone agli altri europei gli italiani sembrano molto interessati alle “avventure aeree”, secondi solo agli spagnoli. Ma cosa accade nel resto d’Europa?

– il 36% degli spagnoli ci ha provato (il 15% ha raggiunto l’obiettivo)
– il 22% dei tedeschi ci ha provato (l’8% ha raggiunto l’obiettivo)
– il 20% dei portoghesi ci ha provato (il 9% ha raggiunto l’obiettivo)
– il 15% dei francesi ci ha provato (l’8% ha raggiunto l’obiettivo)
– il 14% degli inglesi ci ha provato (il 6% ha raggiunto l’obiettivo).

Un rappresentante di Jetcost ha dichiarato: “Sembra che avere un’avventura con un assistente di volo sia una fantasia comune a molti italiani e mi chiedo se a crearla abbia contribuito anche qualche film. Per il personale di bordo, però, non è poi così piacevole, ma ha sicuramente l’esperienza sufficiente per individuare subito il soggetto che si accinge a fare delle avances per tenerlo a freno fin dall’inizio. Se ci pensate, essere costretti in aria, su un aereo, per diverse ore, con qualcuno che tenta di flirtare con te, non è facile; bisogna mantenere la calma e continuare a sorridere. Tutti dovrebbero cercare di essere più gentili con chi lavora a bordo, immedesimatevi con loro e immaginate quello che a volte sono costretti a sopportare”. 

In occasione del Ponte dell’Immacolata, nelle giornate di venerdì 8 e sabato 9 dicembre 2017, un nuovo
Inaugurati i voli per Sant’Elena, dove morì Napoleone Nell’isola sperduta nell’Atlantico oggi c’è un aeroporto
Ryanair ha recentemente annunciato che annullerà fino a 50 voli al giorno nelle prossime sei