Broccoli, cavolfiori e cavoletti di Bruxelles aiutano il cuore

Broccoli, cavolfiori e cavoletti di Bruxelles dovrebbero essere cibi da privilegiare nella dieta, secondo i ricercatori dell’University of Western Australia, i quali hanno scoperto che consumare verdure crocifere nelle donne anziane può contrastare l’indurimento delle arterie e sarebbe benefico per il cuore.

Gli scienziati, per giungere ai loro risultati, hanno fornito dei questionari a 954 donne australiane di età pari o superiore a 70 anni. Alle partecipanti è stato chiesto di  riferire quanto mangiassero verdure dei seguenti tipi: crucifere come broccoli, cavolfiori o cavoletti di Bruxelles; allium come cipolle, aglio, scalogno, porri ed erba cipollina;  verdure a foglia larga come il cavolo rosso, il cerfoglio, gli spinaci o la lattuga romana; legumi come lenticchie, piselli o fagioli.

I ricercatori hanno quindi eseguito dei test con un sonogramma per misurare lo spessore della parete della carotide di ciascuna donna, un importante vaso sanguigno situato nel collo. L’arteria carotidea si ispessisce a causa dell’accumulo di placca, formata dai depositi di grasso. Questo ispessimento, noto come aterosclerosi, è una causa di malattia cardiovascolare.

I risultati dello studio, pubblicati sul Journal of American Heart Association, dicono che le donne che avevano mangiato tre o più porzioni di verdura al giorno avevano una parete arteriosa carotidea che era 0,05 cm in meno delle donne che non avevano mangiato verdure.

“Questo è probabilmente significativo perché una diminuzione di 0,1 millimetri dello spessore della parete carotidea è associata ad una diminuzione del 10-18% di rischio di ictus e infarto”, ha detto Lauren C. Blekkenhorst, l’autore principale dello studio.

Gli scienziati hanno anche notato che le verdure crocifere erano particolarmente efficaci. Le donne che avevano aumentato il consumo di crucifere di 10 grammi al giorno avevano lo spessore della loro parete arteriosa carotidea in media dello 0,8% inferiore .

Tuttavia, questo studio è di natura osservativa e quindi non può stabilire una vera relazione causa-effetto. ha detto Lauren C. Blekkenhorst, aggiungendo che “le linee guida dietetiche dovrebbero enfatizzare l’importanza di aumentare il consumo di verdure crocifere per proteggersi dalle malattie vascolari”.

Una nuova ricerca ha trovato che un pisolino diurno, fatto un paio di volte a settimana,
Le verdure ricche di nitrati come la rucola, gli spinaci e le barbabietole, garantiscono una
Molte ricerche scientifiche, negli ultimi anni, hanno trovato che le carni cotte alla griglia sono

Le verdure ricche di nitrati abbassano la pressione sanguigna

Le verdure ricche di nitrati come la rucola, gli spinaci e le barbabietole, garantiscono una riduzione della pressione sanguigna, secondo alcuni studiosi di Maastricht, che hanno pubblicato i risultati di una loro ricerca sulla rivista scientifica ‘Journal of Nutrition’.

I benefici del succo di barbabietola rossa sono ben noti tra gli atleti, perché aumentano le prestazioni. La barbabietola rossa contiene un nitrato che il corpo può convertire in nitrito, che a sua volta può essere convertito in ossido nitrico (NO), che si crede abbia un effetto positivo sui vari processi che svolgono un ruolo negli sport. L’ossido di azoto potenzia i muscoli mentre i vasi sanguigni si dilatano per consentire che più ossigeno ai muscoli.

Gli scienziati di Maastricht hanno esaminati se questo effetto si anche con altre verdure ricche di nitrati e con un sale nitrato disciolto in acqua.

Rucola e spinaci sono due ortaggi freschi che sono ancora più ricchi di nitrati delle barbabietole rosse.

Se dei volontari hanno dato tutte queste verdure contenti 0,8 grammi di nitrato, circa la quantità raccomandata per gli atleti, ossia l’equivalente di circa 200 grammi di spinaci o 350 grammi di rucola.

Sono state poi date una bevanda concentrata di succo di barbabietole rosse e del nitrato di sodio sciolto in acqua, entrambe con 0,8 grammi di nitrato. I livelli di nitrato e nitrito nel sangue sono aumentati molto dopo l’assunzione di tutte e quattro le bevande, ma solo con le verdure era scesa anche la pressione sanguigna. Il nitrato di sodio disciolto in acqua non aveva avuto quasi alcun effetto antipertensivo.

“Se si ha la pressione alta, mangiare tante verdure può essere sufficiente, non c’è nessun supplemento da assumere”, ha detto Lex Verdijk, aggiungendo: “Sembra che la composizione delle verdure, che contengono anche vitamine, fibra e altre sostanze, produca l’effetto positivo del nitrato“.

Broccoli, cavolfiori e cavoletti di Bruxelles dovrebbero essere cibi da privilegiare nella dieta, secondo i
Molte ricerche scientifiche, negli ultimi anni, hanno trovato che le carni cotte alla griglia sono
Mangiare cibi che contengono tirosina, come spinaci, ricotta, soia o uova, può migliorare i riflessi,

Grigliate di verdure e carne ricche di antiossidanti

Molte ricerche scientifiche, negli ultimi anni, hanno trovato che le carni cotte alla griglia sono nocive per la salute.

In effetti, in alcuni casi la carne diventa addirittura cancerogena. Ma tutto dipende dalla cottura, dice uno studio spagnolo, pubblicato sul ‘Journal of Food Science’.

Si può evitare la potenziale tossicità della carne semplicemente marinandola prima.

L’intenso calore sviluppa composti tossici noti come ammine eterocicliche. Questo succede in particolare quando il grasso della carne è esposto a una fiamma viva.

Gli idrocarburi policiclici aromatici che si producono danneggiano il DNA e in alcuni casi causano il cancro, così, come le ammine eterocicliche.

Ma la buona notizia è che questi composti nocivi possono essere prevenuti, in primo luogo, marinando la carne.

Le marinate, oltre a creare una barriera protettiva, contengono erbe, spezie e altri agenti che sono ricchi di antiossidanti.

Uno studio del 2012 aveva trovato che una varietà di effetti anti-ammine eterocicliche sono importantissimi quando vi si espongono le carni.

Un misto di aglio, zenzero, timo, rosmarino e peperoncino riduce la produzione di ammine eterocicliche del 74 per cento. Analogamente, vino e birra riducono il contenuto di ammine eterocicliche nella carne.

Altri studi hanno trovato che i marinati acidi contenenti succo di limone sono più efficaci nel ridurre la produzione di idrocarburi policiclici aromatici nella carne durante l’esposizione a temperature elevate.

Sembra che la marinatura della carne la protegga per almeno 30 minuti durante la cottura.

Uno studio italiano, pubblicato sul ‘Journal of Agricultural and Food Chemistry’, dice che le melanzane grigliate sono ricche di polifenoli che aumentano durante la grigliata.

Le verdure, sono ricche d’acqua e non sviluppano facilmente dei composti nocivi. L’importante è non bruciacchiarle.

Broccoli, cavolfiori e cavoletti di Bruxelles dovrebbero essere cibi da privilegiare nella dieta, secondo i
Le verdure ricche di nitrati come la rucola, gli spinaci e le barbabietole, garantiscono una
I cibi cotti ad alte temperature, fritti o alla griglia, possono produrre una serie di