Pasqua e Pasquetta alla cascata delle Marmore, tra natura e sport

Image

Il weekend si Pasqua e Pasquetta è vicino e si sa come ogni festività il dilemma è: “Che cosa facciamo?”.

Bene, nessuno stress in questo caso, che voi siate in famiglia, in coppia, oppure con gli amici la soluzione esiste e si chiama cascata delle Marmore tra natura e sport.

Tra poco più di una settimana sarà Pasqua che al solo nome fa pensare solo al cioccolato, alle colombe, al pranzo con i parenti, ma è anche un weekend per uscire, perchè no, un po’ fuori dalla tradizione.

Segui la #Papera su i nostri social e scoprirai la bellezza delle Marmore e le nostre tante attività.

DOVE ANDARE

Essendo due giorni si potrebbe optare per una gita fuori porta alla cascata delle Marmore che si trova a Terni a solo un’ora di macchina da Roma.

Facilissima da raggiungere questo luogo è meta tutto l’anno di turisti da ogni parte d’Italia e non solo che si recano in Umbria per ammirare la cascata più alta d’Europa.

Ci si potrà quindi immergere nella natura e rilassarsi facendo una passeggiata per i sentieri che costeggiano la cascata e fare anche un giro della zona visitando la bella città di Terni e mangiando in una delle tante osterie umbre i prodotti tipici del luogo che sono tantissimi.

Se invece l’idea è quella di divertirsi, beh accomodatevi c’è solo da scegliere cosa volete fare. A cinque minuti dalla Cascata infatti si trova il Centro Rafting Marmore che organizza, anche e soprattutto in questi due giorni di festa, discese in gommone, in Hydrospeed e Kayak lungo il fiume Nera.

 

PARTICOLARITA’

La partenza è situata proprio ai piedi della cascata e questo rende il tutto molto suggestivo, il divertimento è assicurato e soprattutto nessun partecipante deve avere un’esperienza pregressa. Basterà infatti saper nuotare ed essere in buona condizione fisica per partecipare alla discesa.

 

COSA PROVARE

Il rafting è sicuramente il più indicato se siete una comitiva di amici in quanto ogni gommone ospita fino a sei persone, se invece si vuole vivere a pieno la natura ci sono altre due possibilità: una discesa in hydrospeed dove sarete solo voi e il fiume e vivrete un’esperienza che farete fatica a dimenticare!. Per coloro i quali vogliono invece vivere una giornata di relax ma a stretto contatto con la natura c’è il River Walking: una camminata lungo il letto del fiume Nera. Direte: “Come è possibile camminare sul letto di un fiume?” Bene, dovete sapere che la Cascata delle Marmore è artificiale e ci sono delle ore della giornata in cui le dighe vengono chiuse e il flusso dell’acqua diminuisce facendo in modo che il letto del Nera sia percorribile a piedi. Se poi si vuole provare qualcosa di veramente estremo il Centro Rafting Marmore offre anche lezioni di Kayak con maestri esperti che vi prepareranno per la discesa.

 

SICUREZZA

Ovviamente il tutto è svolto nella massima sicurezza e prima della discesa, qualunque essa sia, verrà svolta una lezione teorica e una pratica per far si che oltre al divertimento, che è fondamentale, ci sia anche coscienza di quello che si fa per evitare spiacevoli inconvenienti. Il Centro Rafting Marmore ha pensato anche alle famiglie, infatti anche i bambini potranno fare Soft Rafting e come i “grandi” verranno dotati di tutta l’attrezzatura necessaria (muta, caschetto, giubbotto salvagente) e seguiti da uno dei maestri del centro.

 

E SE PIOVE?

Ultimo ma non per importanza non dovrete preoccuparvi del meteo e cercare soluzioni alternative in caso di maltempo, tutte le attività infatti possono essere praticate anche con la pioggia!. Insomma le possibilità sono molteplici e se avete voglia di passare un weekend pasquale in modo diverso non vi resta che organizzare al più presto questa giornata!.

Image

Giovanni De Gennaro

Image

Michele Ramazza

 CENTRO RAFTING MARMORE

 

ATTIVITA’ RAFTING

Image
Image

In Umbria, sotto la Cascata delle Marmore, a meno di un’ora d’auto da Roma, c’è un posto ideale per fare rafting: la fantasticadiscesa delle rapide in gommone.

Qui il fiume Nera scorre veloce ribollendo sulle rocce per oltre tre chilometri, formando rapide di quarto grado, (da 1 a 6 le difficoltà del rafting), contornato da una vegetazione rigogliosa, in un ambiente che sembra tropicale.

Come è avvenuto per le migliaia di appassionate persone che negli ultimi venti anni ne hanno voluto provare l’emozione, non bisogna avere particolari doti per farlo: basta saper nuotare bene, essere in buone condizioni di salute, età tra 18 e 55 anni e peso inferiore a 100 kg.

La lezione teorica

Una volta indossata la muta in neoprene, l’aiuto al galleggiamento “salvagente”, le scarpe in neoprene,  il casco e la giaccia d’acqua forniti dall’organizzazione, e dopo aver seguito la lezione teorico pratica che precede la discesa, si raggiunge il punto di imbarco posto proprio sotto la Cascata delle Marmore, la più alta d’Europa.

Su ogni gommone trovano posto sei persone, generalmente alla loro prima esperienza, e la guida abilitata della F.I.Raft (Federazione Italiana Rafting) che impartisce gli ordini durante la discesa che dura circa un’ora, per l’intera attivita, inclusa la doccia, circa due ore e mezza- tre.

ATTIVITA’ SOFT RAFTING

Image
Image
Image

Le attività cominciano dandoci appuntamento nella base nautica di ARRONE (v. delle Palombare 1).

Dopo l’iscrizione viene fornita l’attrezzatura completa per adulti e bambini (muta -giacca- scarpe – aiuto al galleggiamento”salvagente” e casco).

 

Vestiti andremo con il furgone all’imbarco di Ferentillo, da li si comincia il percorso Rafting-soft che dura 1 ora circa.

Lo sbarco è alla base nautica di Arrone dove ci siamo dati l’appuntamento, a quel punto potrete farvi una bella doccia e rilassarvi nell’area pic-nic vicino il Fiume.

 

Rafting-soft

Aperto a tutti, anche ai bambini e a chi non sa nuotare.

La discesa avviene all’interno del Parco Fluviale del Nera nel tratto tra i Comuni di Ferentillo ed Arrone di 5 chilometri, e per gruppi di almeno 6 persone.

 

Novità: Il Tubing-soft

 

Tubing-soft

Un’altro modo divertente di scendere il tratto soft, leggermente sopra il livello dell’acqua ed in maniera indipendente, coadiuvati da una guida che spiega le traiettorie è possibile affrontare il percorso in piena autonomia rischiando solo un sano divertimento!

ATTIVITA’ HYDROSPEED

Image
Image

Il fiume rimbomba infrangendosi tra le rocce, le rapide ti avvolgono trasmettendoti la loro energia, il tuo cuore batte forte, ma non c’è il problema di finire in acqua perché tu ci sei già dentro.

 

Questo è il nuovo modo, molto coinvolgente, per scendere nella corrente. Ogni partecipante indossa una muta di neoprene, il salvagente, il casco e le pinne da subacqueo.

 

E poi c’è l’hydrospeed, una specie di piccolo “bob” in plastica galleggiante da tenere ben saldo con le mani che consente di flottare con sicurezza nelle rapide.

 

E’ necessario essere in stato di buona salute, saper nuotare bene, età tra 18 e 55 anni ed essere sportivi ed in forma; basta assecondare le linee d’acqua del fiume e attenersi alle indicazioni della Guida che ti segue nei tuoi giochi nella corrente ti  aiuterà a svelarne i segreti facendoti divertire in sicurezza.

La discesa dura circa due ore ed  è necessario inoltre saper nuotare bene ed essere in buona salute.

 

Tra arte, musica e spiagge d’incanto... L’ Avana si è fatta ancora più bella per festeggiare i
Visioninmusica ha confezionato per la sua XIV edizione 2018 sette imperdibili concerti serali e due eventi fuori abbonamento.
Si è spento martedì sera ad Amelia (Terni) don Pierino Gelmini, fondatore della della Comunità Incontro.

Visioninmusica 2018 dal 12 gennaio al 20 aprile

Visioninmusica ha confezionato per la sua XIV edizione 2018 sette imperdibili concerti serali e due eventi fuori abbonamento. Con alla base solo ingredienti di primissima qualità, la ricetta del Direttore Artistico Silvia Alunni è sapiente e collaudata, ma anno dopo anno trova ancora il modo di rinnovarsi e stupire. Varcando i confini dell’Italia e persino dell’Europa, si è andati alla ricerca delle ultime novità tra i fenomeni musicali più interessanti che incarnassero lo spirito di Visioninmusica: suoni, immagini ed emozioni. Così si è messa insieme una serie di nuove produzioni e lancio di nuovi album e ci si è accaparrati una tappa di tour europei di artisti affermati e di giovani in vertiginosa ascesa. La selezione proposta per il 2018 è diversificata e affascinante nel presentare formazioni in duo, trio e piccoli ensemble, secondo un’ampia gamma di declinazioni: vi si trova musica d’autore, indie, blues, jazz, classica e world music dallo spiccato accento latino americano.

Apre la stagione, venerdì 12 gennaio (ore 21), una delle più insolite e strabilianti formazioni musicali in circolazione: Musica Nuda, con la voce di Petra Magoni accompagnata dal contrabbasso di Ferruccio Spinetti. Il loro ultimo album Leggera esplora in parole e musica il concetto di ‘leggerezza’, ispirato alla prima delle Lezioni Americane di Italo Calvino.

Omar Sosa & Gustavo Ovalles appartengono ad un altro genere di duo strumentale, in scena venerdì 2 febbraio (ore 21): il rigoglioso pianismo di Sosa si sposa con le percussioni etniche e multiformi di Ovalles in un’esperienza sonora – “urban contemporary music” dall’anima latina – con innegabili elementi di spiritualità, ispirata alla pace e alla fratellanza.

Venerdì 23 febbraio (ore 21) sarà la volta di Oren Lavie: artista poliedrico, cantante, compositore, regista teatrale e cinematografico israeliano, naturalizzato francese. Nel suo ultimo disco dal titolo Bedroom crimes echi folk, pop, jazz, orchestrazioni neoclassiche e una lieve ‘saudade’ sono calibrati con uno stile retrò, che lo hanno fatto emergere alla grande nella scena indie pop europea.

Nel quarto appuntamento, venerdì 9 marzo (ore 21), saranno ospiti di Visioninmusica Javier Girotto & Natalio Mangalavite che con il loro Estándars condurranno gli ascoltatori in un appassionante viaggio attraverso l’Argentina, la sua terra e la sua musica. Un’articolata storia musicale frutto di innumerevoli contaminazioni (dall’America, dall’Europa, dall’Africa) e filtrata dalla loro arte e storia personale.

Venerdì 23 marzo (ore 21) salirà sul palco dell’Auditorium Gazzoli il Tingvall Trio, un ‘classico’ trio jazz: piano, contrabbasso e batteria. L’ensemble è formato da un musicista svedese, un cubano e un tedesco, che hanno scelto come base il vivacissimo ambiente musicale di Amburgo. Di classico e tradizionale hanno davvero poco, amano sperimentare ed innovare: la loro ultima uscita discografica si intitola Cirklar e il leader Martin Tingvall così la definisce: “Ogni suo pezzo è una sfida, un gioco, un dramma che gira in circolo finché non si esaurisce”.

Venerdì 6 aprile (ore 21) arriverà il Greg Koch & The Koch-Marshall Trio. Un gruppo formato dal chitarrista americano Greg Koch, da suo figlio Dylan alla batteria e da Toby Lee Marshall all’organo Hammond B3. Il cuore di questo trio batte a ritmo di blues, ma le composizioni originali di Koch sono un amalgama di rock, funk, jazz e country, arricchito da improvvisazioni dinamiche e da un groove potente, dal trascinante coinvolgimento. Il loro nuovo album Toby Arrives uscirà nel 2018 con l’etichetta Mascot.

Si chiude venerdì 20 aprile (ore 21) con un grande ritorno per Visioninmusica: gli Aca Seca Trio. Una band vocale e strumentale – chitarra, piano, percussioni – che si inserisce nel genere della canzone popolare argentina, ma si estende e raggiunge anche le tradizioni musicali del Brasile e dell’Uruguay, con delle note di jazz, bossa nova e musica del folklore. Saranno in tour per presentare il loro ultimissimo lavoro (2018).

Il primo dei due eventi fuori abbonamento, grazie al fondamentale sostegno della Fondazione Carit, ci porta nella magica cornice del Teatro Manini di Narni dove venerdì 2 marzo (ore 21) l’Orchestra Roma Sinfonietta diretta da Gabriele Bonolis affronterà un programma tutto gershwiniano, con al pianoforte il giovane portento Giuseppe Albanese (che ha già inciso per Deutsche Grammophon e Decca): Suite da Porgy and Bess, i Preludi per piano solo, celebri Songs, per culminare con una pirotecnica Rhapsody in blue.

Ancora fuori abbonamento e in collaborazione con Umbria Jazz Spring, lunedì 30 aprile (luogo e orario de definire), per l’international Jazz Day promosso dall’Unesco, un ultimo evento frizzante e ricco di energia: Groovin’ Up! La voce potente e melodica del sax tenore e soprano di Claudio Jr De Rosa è affiancata dal pianista Alessio Busanca, dal contrabbassista Aldo Vigorito e dal batterista Luigi Del Prete. Una band giovane che guarda al futuro con passione ed entusiasmo, ma con profonda ammirazione e sincero rispetto per la tradizione jazzistica di ieri e oggi. Un gruppo capace di entrare in punta di piedi con il coraggio e la consapevolezza di chi si prepara a percorrere un lungo sentiero.

Tutti gli spettacoli, ad eccezione di quello del 2 marzo a Narni e il 30 aprile (luogo e orario da definire), si svolgeranno all’Auditorium Gazzoli di Terni, con inizio alle ore 21. 

Ormai, capita spesso che si venga fotografati in gruppo, se si va a una festa
Si è spento martedì sera ad Amelia (Terni) don Pierino Gelmini, fondatore della della Comunità Incontro.

Morto ad Amelia don Pierino Gelmini

Si è spento martedì sera ad Amelia (Terni) don Pierino Gelmini, fondatore della della Comunità Incontro.

Il sacerdote aveva 89 anni ed era da tempo malato.

Ad assisterlo nelle ultime ore della sua vita, a Molino Silla, i ragazzi della Comunità e i suoi più stretti collaboratori.

Nato a Pozzuolo Martesana (Milano), si stima che don Gelmini abbia aiutato oltre 300 mila persone a uscire dalla tossicodipendenza.

Nel 2007, era stato accusato di violenza sessuale da alcuni ex ospiti della sua Comunità. Il processo a suo carico non si è ancora concluso.

 

ADRIA – Con tutta la sua potenza e maestosità, il grande organo Malvestio/Ruffatti a 3000
Il weekend si Pasqua e Pasquetta è vicino e si sa come ogni festività il dilemma
Visioninmusica ha confezionato per la sua XIV edizione 2018 sette imperdibili concerti serali e due eventi fuori abbonamento.