I funghi possono aiutare a perdere peso

Mangiare funghi può calmare la fame e dare una maggiore sensazione di pienezza rispetto che consumare carne, secondo un nuovo studio.

“Studi precedenti sui funghi avevano suggerito che questi alimenti possono essere più sazianti della carne, ma questo effetto non è stato studiato fino ad ora in relazione alla quantità di proteine”, ha dichiarato Joanne Slavin, professore dell’Università del Minnesota negli Stati Uniti, autore dello studio.

“Come con la precedente ricerca, il nuovo studio indica che ci possono essere sia vantaggi nutrizionali che di sazietà, sostituendo i funghi alla carne in alcuni pasti”, ha detto Slavin.

Poiché le proteine sembra siano il macronutriente più saziante, i ricercatori hanno voluto abbinare la stessa quantità di proteine dei funghi e della carne per controllare essenzialmente l’influenza delle proteine sulla sazietà.

Lo studio ha incluso 17 donne e 15 uomini che hanno consumato due porzioni di funghi o di carne per 10 giorni.

Ai partecipanti sono stati somministrati funghi a fette o carni macinate per un totale di 10 giorni, due volte al giorno. Le dimensioni della porzione sono state calcolate sulla corrispondenza dello stesso contenuto di proteine ​​e calorie.

I risultati hanno mostrato una differenza significativa sul senso di sazietà tra il consumo di funghi e il consumo di carne.

I partecipanti hanno avvertito meno fame, maggiore pienezza e dopo aver mangiato funghi piuttosto che carne.

L’obiettivo dello studio, pubblicato su Appetite, era quello di valutare le differenze di sazietà ottenute con l’assunzione di cibo per dieci giorni mangiando  funghi (226g) e carne (28g).

Questo nuovo studio aggiunge un crescente numero di prove al fatto che i funghi possano aiutare la gestione del peso e della sazietà, contribuendo al benessere generale, dice lo studio.

 

Mangiare alcuni alimenti, come pollo, sgombro, mandorle e avocado, può aiutare a tenere sotto coltrollo
Se si desidera eliminare i chili di troppo e anche mantenere il peso forma mangiare
I microbi intestinali potrebbero essere responsabili del senso di sazietà secondo un nuovo studio, pubblicato

I cibi che sopprimono l’appetito

Mangiare alcuni alimenti, come pollo, sgombro, mandorle e avocado, può aiutare a tenere sotto coltrollo le cellule del cervello preposte per il senso di sazietà.

Secondo una recente ricerca, fatta nella University of Warwick, di Coventry (Regno Unito) si può controllare la fame, prediligendo quei cibi che stimolano nel cervello le cellule che fanno sentire più pieni.

Lo studio ha scoperto che gli alimenti ricchi di aminoacidi innescano sensazioni di sazietà più di altri.

Pollo, sgombro e avocado sono solo alcuni dei cibi chiave che hanno a questo effetto e che potrebbero essere estremamente vantaggiosi per perdere peso.

Precedenti ricerche avevano già dimostrato che le noci potrebbero attivare un’area nel cervello che diminuisce la fame.

Quanto velocemente ci sentiamo pieni dopo un pasto è determinato da un gruppo di cellule del cervello note come taniciti, che sono stimolate dagli aminoacidi.

Il dottor Nicholas Dale, professore di neuroscienza della University of Warwick, ha dichiarato: “I livelli di acido amminico nel sangue e nel cervello dopo un pasto sono un segnale molto importante che conferisce la sensazione di sazietà”.

Dale e il suo team hanno ottenuto l’effetto sazietà dopo aver aggiunto al cibo un elevato dosaggio di aminoacidi. I taniciti hanno risposto solo trenta secondi dopo, trasmettendo segnali al cervello nelle aree che gestiscono l’appetito e stimolano il senso di pienezza.

I taniciti sono neuroni gliali di un’area del cervello chiamata ipotalamo.

Recenti studi hanno suggerito che queste cellule possano controllare i livelli di energia e il peso corporeo.

Largo, perciò, ad albicocche, prugne, mandorle, lenticchie, oltre a spalla di maiale, pollo, bistecca di lombata, avocado e mandorle, che rendono le persone più piene di altri alimenti.

I risultati del recente studio inglese potrebbero anche essere fondamentali nello sviluppo di farmaci soppressori dell’appetito, che potrebbero essere utilizzati con successo per trattare l’obesità.

I risultati della nuova ricerca, fatta in UK, sono stati illustrati su ‘Molecular Metabolism’.

 

Se si desidera eliminare i chili di troppo e anche mantenere il peso forma mangiare
I microbi intestinali potrebbero essere responsabili del senso di sazietà secondo un nuovo studio, pubblicato

I legumi sono utili per perdere peso

Se si desidera eliminare i chili di troppo e anche mantenere il peso forma mangiare alimenti come fagioli, piselli, ceci e lenticchie, secondo un nuovo studio, può aiutare.

Bastano 130 grammi ogni giorno di questi alimenti per una perdita di peso di 0,34 chilogrammi, secondo una revisione sistematica e una meta-analisi di tutti gli studi clinici disponibili su questo argomento.

Lo studio fatto al St. Michael’s Hospital di Toronto, su 940 partecipanti, ha trovato che i volontari avevano perso in media 0,34 kg in sei settimane con l’aggiunta di una singola porzione di legumi alla dieta e senza fare uno sforzo particolare per ridurre gli altri alimenti.

Il nuovo studio è in linea con un lavoro precedente il quale aveva trovato che i legumi aumentano la sensazione di pienezza del 31 per cento, inducendo a una minore assunzione di cibo.

I legumi hanno un basso indice glicemico, cioè sono alimenti che si assimilano lentamente, e possono essere utilizzati per ridurre o sostituire le proteine ​​animali, così come i grassi “cattivi” di un pasto.

Mangiare funghi può calmare la fame e dare una maggiore sensazione di pienezza rispetto che
Mangiare alcuni alimenti, come pollo, sgombro, mandorle e avocado, può aiutare a tenere sotto coltrollo
I microbi intestinali potrebbero essere responsabili del senso di sazietà secondo un nuovo studio, pubblicato

I microbi intestinali sono responsabili del senso di sazietà

I microbi intestinali potrebbero essere responsabili del senso di sazietà secondo un nuovo studio, pubblicato su ‘Cell Metabolism’.

Quando alcuni batteri nello stomaco sono sazi informano il cervello, hanno detto i ricercatori dell’Università di Rouen in Francia, che hanno fatto lo studio, esaminando le proteine ​​prodotte dai batteri E. coli, che sono prevalenti nell’intestino umano.

I ricercatori hanno notato che circa 20 minuti dopo aver mangiato si moltiplicano questi batteri e producono varie proteine.

Quando i ricercatori hanno iniettato piccole dosi di proteine ​​post-pasto nei roditori, hanno notato che essi hanno ridotto l’assunzione di cibo, indipendentemente dal fatto che avessero mangiato o no.

Ulteriori analisi hanno rivelato che le proteine stimolano il rilascio di un ormone che svolge un ruolo nella sazietà.

Secondo i ricercatori, l’esposizione continua alle proteine ​​di E. coli possono influenzare il modello dell’alimentazione, a lungo termine.

Mangiare funghi può calmare la fame e dare una maggiore sensazione di pienezza rispetto che
Mangiare alcuni alimenti, come pollo, sgombro, mandorle e avocado, può aiutare a tenere sotto coltrollo
Se si desidera eliminare i chili di troppo e anche mantenere il peso forma mangiare