Donne e ragazze italiane con bassa autostima

Il 75% delle donne e ragazze italiane dichiara di avere una media o bassa autostima, facendo posizionare l’Italia penultima nella classifica dei Paesi coinvolti nella ricerca, in cui fa peggio solo il Giappone. 8 donne su 10 evitano di partecipare ad eventi pubblici per paura di non apparire perfette e l’80% di donne e ragazze con una bassa considerazione del loro corpo non effettua i controlli clinici di routine, mettendo a rischio la propria salute. Sono solo alcune delle evidenze emerse dalla ricerca “Beauty Confidence e Autostima”, promossa da Dove e realizzata in collaborazione con Edelman Intelligence in 17 Paesi europei ed extraeuropei tra i quali l’Italia ([1])La ricerca è stata presentata oggi in occasione del lancio in Italia del progetto “Dove Progetto Autostima”.

“Dove Progetto Autostima” promuove l’importanza dell’autostima come elemento fondamentale del benessere psico-sociale della persona, come valore alla base di relazioni positive con la propria immagine. Dal suo lancio internazionale, il progetto è riuscito a raggiungere oltre 35 milioni di giovani in 140 Paesi del mondo, è stato presentato all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e in alcuni Paesi, come Stati Uniti, Canada e Francia è stato inserito all’interno dei programmi scolastici ministeriali. In Italia il progetto prevede un programma formativo integrato, con workshop realizzati in collaborazione con l’associazione Fondo Scuola Italia e con materiali a supporto sia delle scuole che delle famiglie, fruibile gratuitamente sul sito web Dove. Potrà inoltre contare sul supporto di due ambasciatrici sensibili al tema quali l’attrice e presentatrice tv Katia Follesa e la creator CamiHawke.

IL REPORT ITALIANO “BEAUTY CONFIDENCE E AUTOSTIMA” RIVELA IL LIVELLO DI AUTOSTIMA NELLE RAGAZZE E DONNE ITALIANE

La situazione italiana è una delle peggiori tra gli stati coinvolti nello studio, ma da cosa nasce questa mancanza di autostima?

Tra le cause più rilevanti evidenziate c’è sicuramente una pressione sociale sempre maggiore verso ideali irrealizzabili di perfezione: in Italia il 49% delle ragazze sostiene di avvertire la pressione di dover essere sempre bella e più della metà di donne e ragazze pensa addirittura di non poter mai sbagliare o dimostrare debolezza2 donne su 3 inoltre sentono il peso e la pressione di dover raggiungere tutti i propri obiettivi (“Essere e fare tutto”).

In questo senso anche i media hanno una grande responsabilità nel veicolare un’immagine della donna e un ideale di bellezza reali e che possano essere sentiti vicini dalle persone comuni. Emerge infatti che, nonostante 7 ragazze e 8 donne su 10 siano consapevoli delle alterazioni delle immagini spesso presenti sui media, il confronto con questi modelli genera una forte pressione sul proprio modo di essere che incide sull’insoddisfazione generale della propria vita. Un declino importante del livello di soddisfazione e felicità si registra con l’ingresso nell’adolescenza: dai 14 ai 17 anni c’è un calo di 16 punti percentuali (dal 21% in età compresa tra i 10 e i 13 anni al 9%).

La prospettiva cambia completamente quando la persona ha un alto livello di autostima, convivendo bene con il proprio corpo e abbracciando la propria unicità.

Quando infatti una donna ha una percezione positiva di sé e della propria immagine, nell’83% dei casi si sente positiva nei confronti della vita (contro il 63% delle donne con bassa autostima) ed nel 78% si apprezza di più (contro il 63% delle donne con bassa autostima). La ricerca fa luce anche sul modo delle donne e delle ragazze di vedere le rappresentanti dello stesso sesso. Il 71% delle donne ed il 63% delle ragazze pensano che le donne non sappiano davvero quanto siano realmente belle e l’81% delle ragazze e l’87% delle donne crede che essere uniche sia più importante che allinearsi all’immagine delle altre persone.

Andrea Bocchiola, psicoanalista della Società Psicoanalitica Italiana spiega come “l’autostima sia il nome, conosciuto al grande pubblico, di questioni che interrogano profondamente i legami familiari, la trasmissione e la costruzione dell’identità di genere, arrivando fino al punto di danneggiare la capacità di prendersi cura di sé della donna e di porsi come soggetto politico, protagonista della propria vita. Di fronte a tutto questo la pressione mediatica, quando alimenta ideali irrealistici di bellezza, ha significato ed efficacia solo nella misura in cui tocca nervi già scoperti nello sviluppo adolescente, ma al contrario può fare molto quando si esercita nel fornire alle giovani donna una visione realistica e non artefatta del femminile”.

“Da sempre Unilever sostiene e valorizza le donne, sia nel contesto lavorativo che familiare, credendo fortemente nel valore dell’inclusione e dell’equilibrio di genere. L’azienda opera secondo il modello di business Unilever Sustainable Living Plan per una crescita sostenibile e ha fra i suoi obiettivi quello di aiutare più di 1 miliardo di persone a migliorare le proprie condizioni di salute e il proprio benessere entro il 2020 – spiegaGianfranco Chimirri, Direttore Risorse Umane e Comunicazione di Unilever Italia – E DOVE è uno dei principali brand che contribuisce a questo obiettivo”.

DOVE promuove da sempre un ideale di bellezza autentica, lontano dagli stereotipi e dagli schemi imposti dalla società. Negli anni ci siamo impegnati con campagne di comunicazione che avessero come protagoniste le donne comuni, con la loro immagine unica. La capacità di apprezzare la propria bellezza, a prescindere dai canoni che ogni giorno ci vengono comunicati e che diventano un riferimento per molti, si fonda sullo sviluppo, sin da bambini, dell’autostima. Per questo motivo abbiamo deciso di focalizzare i nostri investimenti su programmi finalizzati al rafforzamento dell’autostima soprattutto nei più giovani- spiega Ugo De Giovanni, Direttore Marketing Home e Beauty&Personal Care di Unilever Italia – Come azienda e come brand che raggiunge milioni di persone, crediamo di avere la responsabilità di contribuire alla creazione di un diverso ideale di donna in tutti i contesti, familiare, sociale, lavorativo”.

AMARE IL PROPRIO CORPO È UN LAVORO CHE INIZIA DA PICCOLI

Sulla base delle evidenze emerse dalla ricerca e dell’impegno che DOVE ha da anni riposto sul tema autostima, all’interno del progetto “Dove Progetto Autostima” è stato sviluppato il primo programma formativo integrato, perché pensato sia per la scuola che per la famiglia, che rappresentano i due più importanti interlocutori per i bambini e i ragazzi.

Grazie al contributo di Fondo Scuola Italia e dei suoi formatori, nelle scuole aderenti d’Italia saranno organizzati dei workshop per gli insegnanti e delle lezioni tenute dai docenti stessi, per educare bambini e ragazzi a costruire una relazione positiva con il proprio corpo, con la propria identità e con gli altri. A disposizione di insegnanti e genitori, ci sarà il materiale educativo sviluppato da DOVE insieme ad esperti del Center for Appearance research dell’Università di Bristol (da scaricare su “Progetto autostima Dove”)

formatori di Fondo Scuola, Roberta Barzagli ed Emanuele Breveglieri, coinvolti nei primi workshop hanno così commentato l’attività: “I bambini hanno accolto i workshop con entusiasmo ed intelligenza; abbiamo lavorato sulla percezione che hanno di sé e della propria immagine e sui modelli che prendono come riferimento. È importante renderli consapevoli ed educarli ad un giudizio critico di loro stessi e di ciò che li circonda, insegnando a distinguere il vero dal falso e ad apprezzare la loro unicità”.

L’AUTOSTIMA SI INSEGNA (ANCHE) CON l’IRONIA: KATIA FOLLESA E CAMIHAWKE AMBASCIATRICI DEL PROGETTO

Ambasciatrici del progetto “Dove Progetto Autostima” sono due figure molto amate e seguite nel panorama televisivo e del web: l’attrice e presentatrice, volto noto della tv Katia Follesa e la creator CamiHawke. Due personaggi “irriverenti” e positivi che hanno fatto della loro simpatia travolgente un cavallo di battaglia. Le due ambasciatrici si fanno portatrici di un messaggio importante da lanciare a tutte le persone che le seguono: la vera bellezza è accettare la propria unicità, l’autostima è la forza per costruire una solida identità e delle relazioni sociali positive.

Essere ambasciatrice di un progetto e di messaggio così rilevante è una grande responsabilità. La bellezza è un valore importante nella nostra società ma spesso viene limitato alla sola bellezza estetica. Da donna e mamma sento la necessità di contribuire attivamente per aiutare le nuove generazioni a difendere la propria unicità” – spiega Katia Follesa.

“Credo sia importante iniziare a spezzare questo circolo vizioso per cui esistono degli standard di bellezza imposti dalla società e chiunque non vi rientri è di conseguenza meno desiderabile; le prime che hanno il potere di avviare questo cambiamento sono proprio le donne, la cui perfetta unicità deriva proprio dalle particolarità e dai piccoli difetti di ognuna – afferma CamiHawke – Da donna che lavora nel web conosco bene la pressione che arriva dall’esterno nel volerci sempre perfette e canonizzate o spesso semplicemente diverse da quelle che siamo. In molte occasioni ho criticato gli haters che si esaltano ad offendere o a sputare sentenze crudeli su chiunque capiti a tiro. Essere sicure di noi stesse e della nostra unicità è il primo passo per tutelare noi stesse.”

In occasione della Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi Indifesa, Terre des Hommes lancia i risultati dell’indagine effettuata
Un recente studio condotto dagli esperti dell'Università di Cambridge ha evidenziato che le ragazze e
Sempre più ragazze mostrano il loro desiderio di fare la labioplastica, ossia un intervento per

Giovani: è allarme sexting

In occasione della Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi IndifesaTerre des Hommes lancia i risultati dell’indagine effettuata tra gli adolescenti italiani nell’ambito dell’Osservatorio sulla Violenza e gli Stereotipi di Genere realizzato in collaborazione conScuolaZoo.

I dati sono significativi ed offrono una fotografia sulla percezione delle ragazze in rapporto ad argomenti di grandissima attualità come sextingsicurezza onlinebullismo e cyberbullismomolestie e violenzediscriminazioni e stereotipi di genere.

Con la Campagna di raccolta fondi Indifesa, Terre des Hommes realizzerà interventi di prevenzione della violenza, discriminazioni e stereotipi di genere nelle scuole superiori italiane e fino all’8 marzo si può donare con sms o chiamata al numero solidale 45549.

E’ emerso dall’indagine che 6 ragazze adolescenti su 10 nel nostro Paese ammettono di trascorrere la maggior parte del proprio tempo libero online e sui social network (il 21,3% dice di passarlo giocando con il cellulare e il 12% guardando video in rete), ma è proprio nella solitudine del mondo online che le ragazze si sentono meno sicure.

Quasi il 60% di loro ha infatti indicato la piazza virtuale come quella in cui si sentono maggiormente vulnerabili.

1 ragazza su 5 (il 19%) ammette di aver praticato il sextingmentre 4 ragazze su 10 dicono di aver visto circolare foto o video intimi o a sfondo sessuale loro o di amici sui social network, online o sui servizi di messaggistica.

La società italiana, specializzata nella gestione dei contenuti audio e video, provvederà a costruire un
Estate da ricordare al SettemariClub Alonissos Beach per la straordinaria apparizione di un cucciolo di foca monaca
Beyoncé ha, per la seconda volta, assicurato un suo spettacolo al Coachella Festival (a Indio,

La depressione colpisce in modo diverso le ragazze e i ragazzi

Un recente studio condotto dagli esperti dell’Università di Cambridge ha evidenziato che le ragazze e i ragazzi reagiscono in modo diverso, quando sono depressi.

Lo studio, pubblicato sulla rivista “Frontiers in Psychiatry” dice che le ragazze hanno probabilmente più di due volte dei ragazzi il rischio di depressione, all’età di 15 anni.

Inoltre, mentre i ragazzi sono più inclini a sperimentare la depressione a lungo termine, le loro controparti femminili possono sperimentare il male con attacchi.

Gli uomini hanno, inoltre, maggiori probabilità di dover affrontare gravi conseguenze in caso di depressione, rispetto alle donne.

I risultati dello studio hanno portato i ricercatori ad esaminare come alcune regioni del cervello reagiscano in modo diverso negli uomini e nelle donne nelle situazioni stressanti o negli stati depressivi.

Gli esperti hanno anche suggerito la necessità di misure preventive durante l’adolescenza precoce.

Pure la dieta può svolgere un ruolo importante nel far sentire meglio, poiché alcuni prodotti alimentari possono ridurre o controllare l’infiammazione nel cervello, che può causare alterazioni dell’umore o depressione.

La limonata, l’acqua di cocco o il latticello speziato, se naturali (evitando le bevande confezionate, zuccherate e frizzanti),  le bacche e la frutta, come le ciliegie e l’uva insieme alle verdure verdi, sono piene di antiossidanti, che possono davvero aiutare la salute mentale. Importante è anche consumare i cibi di color arancione contenenti carotene, che sono eccellenti per affrontare lo stress e altri disturbi mentali.

La depressione è una delle cause primarie di disabilità al mondo, con molte persone affette che hanno meno di 25 anni.

L’adolescenza è una fase a rischio, perché caratterizzata da cambiamenti non solo fisici e ormonali, ma anche psicologici.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la depressione nelle persone è aumentata del 18% tra il 2005 e il 2015.

 

Per molti il Natale non è solo sinonimo di magia ma anche di stress e
Il Natale: un’occasione da non perdere! La Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale, in occasione delle
L'esposizione a lungo termine alle avversità può alterare il sistema della dopamina nel cervello , secondo un nuovo
Troppo stress fa male. Un nuovo studio ha scoperto che quando lo stress interrompe il ritmo

Operasi a 11 anni per avere la vagina di Barbie

Sempre più ragazze mostrano il loro desiderio di fare la labioplastica, ossia un intervento per ridurre le labbra della loro vagina.

Lo ha detto la ginecologa britannica Naomi Crouch lanciando un allarme sulla BBC e dicendosi estremamente preoccupata per il crescente numero di ragazze che cercano di avere un sesso da Barbie.

Il servizio sanitario nazionale britannico (NHS) riferisce che nel 2015-2016, sono stati effettuati più di 200 interventi su giovani donne, che avevano al di sotto dei 18 anni. Di queste, 150 avevano meno di 15 anni.

Naomi Chourch, che presiede alla società pediatrica e ginecologica dell’adolescenza in Gran Bretagna, ha detto che alcuni anni fa incontrava una o due pazienti in un paio di mesi per questo problema. Adesso ogni settimana riceve tante adolescenti di 14-15 anni, una sua paziente aveva addirittura 9 anni .

Il ginecologo dice che questi interventi, in precedenza rari, si moltiplicano negli studi medici, ma dovrebbero essere fatti solo in presenza di gravi anomalie.

Paquita de Zulueta, medico da oltre 30 anni, ha confermato alla BBC di aver visto ragazze di 11, 12, 13 anni, che pensano di avere qualcosa di sbagliato nella loro vulva.

Molte giovani donne hanno un quadro completamente distorto della loro anatomia, ha detto la dottoressa.

Il National Health Service britannico dice che è necessario vietare la labioplastica per motivi estetici.

Il diabete può essere una fonte di disfunzione erettile, ma i disturbi causati da questa
Smettere di fare sesso può essere dannoso per il corpo, in particolare delle donne. Il
Non è una patologia molto conosciuta, eppure esiste e angustia molte donne. Nel mondo, infatti,