Economia e Turismo: la piattaforma per gli agenti di viaggio

Gli agenti di viaggio hanno finalmente uno strumento concreto per migliorare il proprio business. Si tratta della piattaforma Office AIAVnata dalla sinergia di più attori: Geoprogress onlus che ha sede presso l’Università degli Studi del Piemonte Orientale, l’Associazione Italiana Agenti di Viaggio AIAV, CNA Piemonte, il Politecnico di Torino Dylog.

Fulvio Avataneo, Presidente AIAV, ha presentato il portale che si compone di più aree: formazione, fiscale e legale, informatica. La parte formativa è erogata da fiscalisti, esperti di marketing, avvocati e specialisti in ambito turistico così da garantire un know-how mirato e adeguato ai diversi livelli di competenza degli agenti di viaggio: sono infatti previsti piani formativi dai più elementari fino a quelli necessari per il conseguimento delle competenze del Direttore Tecnico. Quella fiscale e legale si compone di una banca dati costantemente aggiornata per contribuire alla migliore gestione del lavoro con strumenti specifici e legati alla parte gestionale, alla fatturazione elettronica, allo scontrino elettronico, al protocollo GDPR, ai corsi sulla Legge 81 e ad altri aspetti burocratici. La sezione tecnica, legata all’ambito informatico, si occupa invece delle diverse utility.

“Obiettivo della piattaforma”, sottolinea Fulvio Avataneo “È far confluire in un unico luogo digitale necessità e opportunità per chi lavora nel turismo e in questo Dyalog, società leader in ambito di servizi e soluzioni software, è il partner ideale perché ha l’expertise e gli strumenti gestionali necessari alle agenzie di viaggio, agli alberghi, ai ristoranti: settori che, se collegati in maniera efficace tra loro, sono la base di un turismo più facile e meno costoso”.

I risultati della piattaforma saranno resi noti al Ttg Travel Experience di Rimini del prossimo ottobre insieme con la presentazione di un nuovo portale dedicato alle piccole e micro imprese dell’outgoing.

Due adulti e due bambini che osservano a braccia aperte la Terra intenta a girare.
Ora il lavoro si cerca con un click. Il portale CONAPI fa  incontrare la domanda
"Comincia la rivoluzione nella trasparenza dei sistemi sanitari, è un vero cambiamento culturale, la realizzazione

Biosphera 2.0: il modulo abitativo autosufficiente

E’ molto interessante il modulo abitativo di 25 metri quadrati nato con il progetto Biosphera 2.0, di Aktivhaus e promosso dal Politecnico di Torino e dall’Università della Valle d’Aosta.

La piccola casa, provvista di tutti i servizi e costruita mettendo al centro l’uomo e il suo benessere è stata installata a Curmayeur. Per tutto l’anno girerà l’Italia e sarà ad Aosta, Milano, Rimini, Torino e Lugano, per terminare il monitoraggio, ambientale e fisiologico, e testare l’autonomia energetica e il benessere.

I test prevedono i -17 gradi ai piedi del Monte Bianco, in inverno, e i +39 gradi sulla riviera adriatica in estate. Saranno fatte anche prove urbane sull’inquinamento iin città come Milano e Torino.

“E’ un organismo nato – ha detto Mirko Taglietti, ceo di Aktivhaus – per proteggere l’individuo che lo abita. Sarà osservato il benessere che deriva da vari parametri fisici”.

Sperare che anche in Italia un modulo abitativo del genere possa essere sistemato su un proprio terreno, come avviene, entro certi limiti, nei paesi nordici, però, pare pura utopia, visti i lacci e i lacciuoli legislativi che ci sono se uno vuol fare qualcosa, tra leggi complicatissime, funzionari presumibilmente corrotti e funzionari, presumibilmente ignoranti e poco propensi dallo staccarsi dal seminato, che pongono ogni ostacolo fino a scoraggiarti, se vuoi essere sobrio e hai la pazienza di rispettare la legge, talora assurda.

“E’ casa tua, decidi tu!” diceva una pubblicità televisa. Seeee… Figurarsi!

(Paola Ort.)

1 bambino su 7 (il 14%) in Italia, anche quest’anno affronta l’inverno in una condizione
Il Natale è magia, amore e condivisione. Ciò che ci rende così felici è l’atmosfera