Ortopedia nello sport e responsabilità professionale in Italia

RomaProseguono i lavori per la Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia, riunita fino a domenica 10 novembre a Roma per il 104° Congresso Nazionale.

Leggi tutto “Ortopedia nello sport e responsabilità professionale in Italia”

Una delle cose significative che una persona può fare per ridurre il rischio di malattie
È stato appena pubblicato sul New England Journal of Medicine uno studio epidemiologico retrospettivo condotto
Disponibile da novembre nei centri medici Cerba HealthCare l’analisi su 34 geni, affiancata dalla valutazione

Il gomito si muove di nuovo con le ossa di un cadavere nella protesi

Ridare la mobilità a un gomito utilizzando le ossa di un cadavere: un’operazione che potrebbe sembrare impossibile è diventata reale nell’Ortopedia e traumatologia dell’ospedale dell’Angelo di Mestre.

Un paziente che aveva completamente perso la mobilità del gomito, a causa di un danno cerebrale, e che aveva il braccio ‘fermo’ a 90 gradi, ha riavuto il movimento e ha riacquistato la capacità di compiere di nuovo gesti semplici, come vestirsi.

Nell’operazione chirurgica, il gomito del paziente è stato ricostruito utilizzando “una protesi composita con ossa prelevate da cadavere”, come ha detto all’Adnkronos Salute Andrea Miti, direttore dell’Unità operativa dell’ospedale che ha compiuto l’operazione chirurgica.

“L’intervento – ha detto Miti – non è il primo che viene effettuato, ma è di particolare interesse perché solitamente avviene su pazienti che hanno un tumore. In questo caso si è intervenuti in presenza di un blocco di un gomito a causa del quale si erano sviluppate ossificazioni, rimosse, però, come se fossero il tumore. Si è proceduto con la resezione dell’omero e dell’ulna asportando tutto ciò che era stato inglobato dall’ossificazione, dopodiché è stata inserita la protesi composita, con 5-6 centimetri di tessuto osseo ottenuto da cadavere”.

«Il paziente – ha spiegato l’esperto – operato quasi un anno fa con un intervento durato 5 ore, non ha recuperato tutta la mobilità ma gli è stato restituito il suo fisiologico flettersi e distendersi: ora può muoversi, vestirsi, compiere azioni anche se limitate dal fatto che ha bisogno di un deambulatore per camminare”.

I chirurghi di Mestre in passato avevano fatto altri tre interventi di questo tipo. Ma, come hanno spiegato, questi interventi non sono comuni, dato che non è facile applicare una protesi all’anca e al gomito.

Il paziente operato ha 55 anni e aveva nel gomito una grande massa ossea compatta, dovuta a un’ossificazione, sviluppatasi progressivamente, come conseguenza di un infarto con ipossia cerebrale. La sua articolazione era avvolta in un blocco unico e solidificato, «grande quanto un grosso limone”.

Ora, il paziente ha un nuovo omero, per metà originario e per metà trapiantato da cadavere, e ha una nuova ulna, anch’essa per metà originaria e per metà trapiantata. Tra le due ossa, sta l’articolazione artificiale, cioè la classica protesi che garantisce il movimento del gomito.

Dopo un incidente o un ictus, alcuni uomini non riescono più ad avere un'erezione. Ora,
Le protesi al seno per chi fa sport? Sono in poliuretano: dopo l’intervento meno complicazioni
L'intervento all'anca è più eseguito in ortopedia, in Italia e riguarda molti pazienti che hanno