Nato in Messico bambino con tre genitori

Fa discutere il caso del bambino con tre genitori, nato tramite un intervento medico fatto negli Stati Uniti trasferendo il DNA dei mitocondri, su una madre che per più di dieci anni aveva cercato di avere figli senza successo.

La donna, con il tempo aveva scoperto di avere un disordine genetico, che le negava la possibilità di avere figli in grado di sopravvivere, così aveva deciso di ricorrere a un trattamento che combina il DNA di tre persone e che le ha permesso, infine, di avere un figlio sano.

L’annuncio giunge dopo diversi mesi dall’intervento umano sull’atto di creazione, dopo che i medici hanno constato che il bambino generato non ha alcun problema di salute.

La donna aveva partorito il 6 aprile e il piccolo era stato curato da alcuni specialisti della fertilità degli USA, guidati da John Zhang, del centro di fertilità di New Hope a New York.

Per dieci anni la coppia, originaria della Giordania, aveva provato con tutti i mezzi di concepire un bambino, ma la donna ha una malattia rara che causa la morte dei bambini. Lei aveva avuto quattro aborti, prima di riuscire a partorire una bambina nel 2005, morta all’età di sei anni. Un secondo bambino che, era riuscito a nascere era vissuto solo otto mesi. La madre era in buona salute, ma i suoi geni uccidono i bambini, perché è affetta da una rara condizione degenerativa chiamata sindrome di Leigh, che danneggia il sistema nervoso nello sviluppo dei bambini, tramite il DNA dei mitocondri, che vengono trasmessi dalla madre al figlio.

La coppia non ha potuto fare l’intervento negli Stati Uniti, ma ha dovuto farlo in un posto in cui non ci sono problemi legali, in Messico.

In un’intervista rilasciata alla rivista ‘New Scientist’, il dottor Zhang ha detto di essere andato in Messico, perché lì non ci sono regole e ha ripetuto di non aver rimpianti per averlo fatto. “Salvare vite umane è eticamente corretto”, ha detto.

La procedura, nota come trasferimento mitocondriale, è applicata alle coppie che hanno un alto rischio di trasmissione di malattie genetiche debilitanti e anche mortali ai loro figli.

La tecnica è stata legalizzata nel Regno Unito lo scorso anno, ma finora nessun altro paese ha formulato leggi che consentono la sua realizzazione.

Quando la coppia ha chiesto aiuto a Zheng, il medico ha deciso di provare il trasferimento mitocondriale. Ha preso il nucleo di uno degli ovuli della madre e lo ha inserito in un ovulo donato da cui aveva rimosso il nucleo. Quindi lo ha fertilizzato con lo sperma del marito donna.

I medici hanno creato cinque embrioni, ma solo uno di loro si è sviluppato normalmente. Questo è stato impiantato nella madre e il bambino è nato regolarmente nove mesi più tardi, dopo una gravidanza normale e senza contrattempi.

Nel neonato meno dell’1% dei mitocondri hanno la mutazione che porta alla sindrome di Leigh, mentre la soglia oltre iniziano i rischi è del 18%.
La sindrome di Leigh colpisce il cervello, i muscoli e i nervi dei bambini portandoli alla morte.

Ma questo bambino non è il primo nato con il DNA di tre persone. Nel 1990, alcuni medici avevano tentato di migliorare la qualità degli ovuli delle donne iniettando in loro del materiale cellulare contenente i mitocondri, da ovuli provenienti da donatori sani. Tuttavia, alcuni dei bambini nati avevano sviluppato malattie genetiche e la procedura era stata proibita.

In Vietnam, ci sono un paio di gemelli che hanno due padri diversi. I test
Una donna di 28 anni ha partorito un bambino sano utilizzando il tessuto ovarico che

Abbandonato dalla moglie si evira

‘Per fare un dispetto alla moglie se lo taglia’, ossia si evira…In Italia non è inconsueto udire questa espressione scherzosa.

Purtroppo, in Messico, un uomo abbandonato dalla sua partner ha tentato, per davvero, di tagliarsi il pene.

Il fatto è accaduto nel comune di Santiago, nello stato del Nuevo Leon.

L’uomo un 35enne, verso la metà della settimana appena trascorsa, ha cercato di amputarsi, a causa della depressione derivante dall’abbandono della moglie, come hanno riferito ai sanitari alcuni parenti che l’avevano accompagnato in clinica.

Ora, a causa della gravità della lesione, l’uomo è stato portato all’ospedale dell’Università in cerca di uno specialista che lo aiuti a riattaccare l’organo.

Non è noto con quale strumento l’uomo abbia effettuato il taglio del suo pene.

Un uomo, nato senza pene, finalmente, potrà essere normale e fare sesso. Andrew Wardle, questo
Dal 14 al 18 giugno avrà luogo in  la 4° edizione della 100km del Caribe,
Belen Rodriguez in un video caricato su Instragram si mostra in piscina, felice, con il

Garcia Marquez ricoverato in Messico, nulla di grave

Lo scrittore colombiano, premio Nobel per la letteratura nel 1982, Gabriel García Márquez è ricoverato in ospedale da lunedì a causa di un’infezione alle vie urinarie.

Márquez era entrato nell’Instituto Nacional de Ciencias médicas y Nutrición Salvador Zubirán, in Messico, il 31 marzo scorso, con disidratazione e infezione polmonare e delle vie urinarie.

Curato già con degli antibiotici, “il paziente ha risposto al trattamento”, hanno fatto sapere dall’ospedale.

“Non è niente di grave”, ha detto il figlio dello scrittore, Gonzalo García Barcha.

La moglie Mercedes e il figlio Gonzalo, come pure l’altro figlio Rodrigo, che risiede negli Stati Uniti, seguono costantemente l’autore di “Cent’anni di solitudine” (1967) e di “Cronaca di una morte annunciata” (1981).

García Márquez aveva festeggiato il suo 87esimo compleanno, all’inizio di marzo.

Il principale esponente del realismo magico aveva avuto problemi di salute nel 1999, quando gli era stato diagnosticato un cancro linfatico, che aveva superato dopo le cure.

In Italia ogni anno circa 700 mila pazienti contraggono un’infezione correlata all’assistenza durante il periodo
I fiori e le piante non sono solo belli da vedere, essi possono anche essere
Su 10 milioni di pazienti ricoverati ogni anno negli ospedali italiani, circa il 6% contrae
Mangiare bene in Casa di Cura? Si può. Parola di chef JRE Italia. Giunge a

La nuova vita di Ruby Rubacuori

Dopo le sue avventure con la giustizia italiana Karima El Mahroug, conosciuta come Ruby Rubacuori, protagonista delle feste di Arcore, nella villa di Berlusconi, vive una nuova vita.

Ora, la giovane marocchina, al centro dello scandalo che ha accelerato il collasso politico dell’ex primo ministro Silvio Berlusconi, si muove tra gli Emirati Arabi Uniti e il Messico, dove quando non si diverte, investe diversi milioni di euro.

Tra i due paesi, Ruby sembra preferisca il Messico, dove ha recentemente aperto un resort di lusso a Playa del Carmen, popolare destinazione turistica sulle coste dei Caraibi.

Per quanto riguarda gli investimenti negli Emirati Arabi, pare che stia acquistando tre appartamenti per un totale di 2 milioni di euro.

(Nella foto, Ruby e Risso a Monterrey, in Messico)

'Per fare un dispetto alla moglie se lo taglia', ossia si evira...In Italia non è
Lo scrittore colombiano, premio Nobel per la letteratura nel 1982, Gabriel García Márquez è ricoverato