Troppo stress sballa il metabolismo

Troppo stress fa male. Un nuovo studio ha scoperto che quando lo stress interrompe il ritmo circadiano, ossia l’orologio interno del corpo, aumenta il rischio di sviluppare le malattie metaboliche.

Leggi tutto “Troppo stress sballa il metabolismo”

Per molti il Natale non è solo sinonimo di magia ma anche di stress e
Il Natale: un’occasione da non perdere! La Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale, in occasione delle
L'esposizione a lungo termine alle avversità può alterare il sistema della dopamina nel cervello , secondo un nuovo

Un po’ di caffè aiuta a vivere più a lungo

Bere una tazza quotidiana di caffè può aiutare a vivere più a lungo, secondo alcuni scienziati che hanno fatto un nuovo studio, scoprendo che il bere il caffè può abbassare il rischio di morte a causa di malattie cardiache, cancro, ictus e diabete.

Lo studio, pubblicato sulla rivista “Annals of Internal Medicine”, ha utilizzato i dati dello studio Multiethnic Cohort Study e ha coinvolto più di 215.000 partecipanti di quattro diverse etnie.

“Questo studio è il più grande del suo genere e include minoranze che hanno stili di vita molto diversi”, hanno detto gli autori del lavoro, fatto nell’Università del Sud della California (USC), Stati Uniti.

Dalla ricerca è emerso che le persone che consumavano una tazza di caffè al giorno avevano meno probabilità di morire del 12 per cento, rispetto a coloro che non bevevano caffè.

Questa associazione era ancora più forte in coloro che bevevano due o tre tazze di caffè al giorno, con il 18 per cento di riduzione della possibilità di morte.

La mortalità inferiore era presente a prescindere dal fatto che la gente bevesse regolarmente caffè normale o decaffeinato. Ciò suggerisce che l’associazione non è legata alla caffeina, ha dichiarato l’autore leader del lavoro Veronica W Setiawan,

Precedenti ricerche della USC e di altri istituti avevano indicato che il bere il caffè è associato a un ridotto rischio di avere diversi tipi di cancro, diabete, malattie epatiche, malattia di Parkinson, diabete di tipo 2 e altre malattie croniche.

“Il caffè contiene molti antiossidanti e composti fenolici che svolgono un ruolo importante nella prevenzione del cancro”, ha detto Setiawan.

"I Linfomi non Hodgkin di tipo aggressivo sono neoplasie che con la terapia corrente si
A Roma il convegno “Dieta giapponese e prevenzione oncologica”. Proprio la dieta giapponese, insieme a quella
Merck, azienda leader in ambito scientifico e tecnologico, ha pubblicato il report Supporting Women With Cancer, presentando
Una nuova imbarcazione, per l’esattezza una Dragon Boat, da destinare sia a uso sportivo ma

Contro la sedentarietà serve un’ora di attività fisica al giorno

La mancanza di movimento fisico non solo nuoce ai singoli individui, ma pesa anche in modo sostanziale nelle casse e nei bilanci dei vari paesi.

Circa 67 miliardi di dollari (61 miliardi di euro) sono costati nel 2013 i problemi di salute provocati dalla mancanza di attività fisica, secondo uno studio pubblicato giovedì sulla rivista medica britannica ‘The Lancet’.

Di questi 53,8 miliardi di dollari sono stati spesi in ambito sanitario e 13,7 miliardi sono costati in termini di perdita della produttività.

Questo studio, condotto in 142 paesi rappresentanti il 93% della popolazione mondiale, è il primo a quantificare il costo dell’inattività.

Il prezzo potrebbe essere anche superiore, secondo gli autori dello studio, infatti, la loro valutazione ha tenuto conto solo delle cinque principali malattie associate alla sedentarietà: la malattia coronarica, l’ictus, il diabete di tipo 2, il cancro al seno e il cancro del colon.

I paesi ricchi hanno una quota maggiore dell’onere finanziario legato all’inattività mentre i paesi con reddito basso e medio, il costo è pagato in termini di malattia e morte prematura.

Richard Horton e Pam Das, capo redattori della rivista medica The Lancet dicono che l’inattività fisica è associata a più di cinque milioni di morti in tutto il mondo, ogni anno.

Gli studiosi britannici dicono che per contrastare gli effetti negativi provocati dalla sedentarietà serve un’ora di attività fisica al giorno.

Camminare di buon passo, andare in bicicletta, nuotare…non sono necessarie attività difficili o competitive, l’importante è muoversi.

Se l’OMS ha raccomandato di fare 150 minuti a settimana di attività fisica di media intensità, lo studio apparso su ‘The Lancet’ dice che sono necessari 60-75 minuti di attività al giorno.

Un nuovo studio ha trovato che non fare esercizio fisico è altrettanto dannoso che fumare,
Le donne che hanno più di 60 anni, non non debbono stare sedute a lungo,
Stare seduti per ore, senza muoversi, può rallentare il flusso di sangue nel cervello, secondo
Un nuovo studio ha mostrato che due settimane di inattività fisica sono sufficienti per scatenare

L’obesità diminuirà la speranza di vita

Anche se, adesso, gli adulti hanno una maggiore aspettativa di vita rispetto al passato, risulta che essi sono meno sani dal punto di vista metabolico rispetto ai loro coetanei delle generazioni precedenti, secondo una nuova ricerca scientifica olandese.
Leggi tutto “L’obesità diminuirà la speranza di vita”

Bere un po' di alcol aiuta, più che fare esercizio fisico, le persone anziane, permettendo
Secondo Save the Children, in Italia, 1 milione e 131 mila minori vivono in povertà
L'aspettativa di vita globale è aumentata, ma non si vive in buona salute, in vecchiaia.
I ricercatori dell'Università di Rochester hanno sviluppato un'applicazione che può analizzare i selfie video e