La magia del Natale torna a illuminare Leggiuno

Per respirare la magia del Natale non serve andare molto lontano. A pochi minuti da Milano c’è un posto magico che ogni anno si veste dell’atmosfera natalizia: renne, slitte, babbi natale, stelle comete e abeti luminosi illumineranno a festa la città di Leggiuno.

 

Dall’8 dicembre e per tutta la durata delle festività, oltre 500mila lucine led accompagneranno i visitatori lungo un percorso fiabesco attraverso alcuni dei luoghi caratteristici del paese: il Bosco Incantato, l’oratorio, il campanile e… la mitica Casa Illuminata della Famiglia Betti. La tradizionale cerimonia di accensione si terrà il giorno dell’Immacolata, alle ore 17.

 

Lucine di Natale a Leggiuno, giunto alla 6° edizione, è oggi per locali e amanti del Natale un appuntamento irrinunciabile che riscuote ogni anno un enorme successo: oltre 150 volontari che lavorano insieme per ricreare l’atmosfera da sogno che solo l’anno scorso ha attratto oltre 140mila visitatori. Ogni anno, inoltre, sono previste nuove sagome e nuovi suggestivi allestimenti per un evento mai ripetitivo.

 

L’iniziativa ha radici lontane e nasce da un’idea del leggiunese Lino Betti, originario del paese di 3600 abitanti noto per l’Eremo di Santa Caterina. Le prime luci le ha acquistate in una città del Brasile, paese natale della moglie: 100 dollari per un primo fascio di lucine. Era il 1999 e da quel giorno, ogni anno, la collezione si è arricchita fino a toccare quota 500 mila lucine. “Da quel primo fascio di lucine, di strada ne abbiamo fatta tanta e credo di essere riuscito, insieme ai tanti volontari, a dare vita a uno spettacolo emozionante”, commenta.

 

Quest’anno non ci saranno solo le magiche lucine ma molto di più: cori di musica Gospel, mercatini e stand gastronomici per ristorarsi dal freddo e deliziare il palato.

 

Le lucine di Natale rimarranno accese tutti i giorni dalle 17:00 alle 23:00 fino all’Epifania. Per raggiungere l’evento, è disponibile un servizio navetta che partirà dalle tre ampie aree adibite a parcheggio, collocate al di fuori del paese.

 

Per molti il Natale non è solo sinonimo di magia ma anche di stress e
Il Natale: un’occasione da non perdere! La Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale, in occasione delle
Durante le festività natalizie gli italiani non rinunciano ai prodotti ittici, che siano pescati o allevati:
L’atmosfera del Natale torna nel cuore di Milano: dal 30 Novembre al 6 Gennaio 2020,

Il Natale pesa sui consumi energetici

Siamo finalmente entrati nel vivo del clima natalizio. Strade e negozi ormai da un pezzo sono addobbati di luci e ghirlande. Ci si organizza con amici e parenti per cene di auguri e super tornei a carte, tombola, taboo e altri giochi da tavola. Mai come in questo periodo dell’anno, le case sono vive, piene di persone care, rallegrate anche da luminosi alberi di Natale e presepi. Questo clima festoso, tuttavia ha, purtroppo, un rovescio della medaglia: consumi energetici che subiscono una forte impennata e bollette più pesanti, anche a causa della maggior necessità di illuminazione e riscaldamento in quelli che sono i giorni con minor luce dell’anno e, spesso, anche quelli in cui il freddo viene percepito maggiormente.

Selectra, start-up del Gruppo omonimo leader in Europa dei comparatori di offerte di energia, è da sempre molto sensibile alle problematiche dei consumatori in tema di utenze energetiche ed ha, quindi, deciso di effettuare un monitoraggio dei consumi medi degli italiani in questo periodo, per conoscerne l’andamento e la traduzione in termini monetari. Per farlo si è avvalsa della collaborazione di Midori, startup torinese che ha sviluppato Ned, il primo smart meter made in Italy che permette di tenere sempre sotto controllo quanta energia consumano gli elettrodomestici di casa, attraverso un solo strumento di misura, in modo da avere la propria previsione di spesa energetica sempre aggiornata.

Secondo i dati raccolti da Midori tra l’8 dicembre 2016 e il 6 gennaio 2017, le famiglie in esame durante il periodo non festivo, avevano un consumo energetico tra i 3,8kWh e i 5,6kWh giornalieri. Durante il periodo natalizio oggetto dello studio, le stesse famiglie hanno fatto registrare un incremento dei consumi tra il 10% e il 30%, con un corrispondente addizionale in bolletta compreso tra un minimo di 2,15 € ad un massimo di 9.60 €. “Colpevoli” dell’incremento non sono solo le illuminazioni natalizie, l’albero e il presepe, ma anche lo standby, il maggiore utilizzo degli elettrodomestici come forno e lavastoviglie, e le luci generali tenute accese fino a tardi per via dei festeggiamenti. Non per questo dobbiamo rinunciare ai momenti conviviali più attesi dell’anno! Basta qualche piccola accortezza per ridurre al minimo l’incremento di spesa in energia.

Nella case oggetto della misurazione, le luci di un albero di Natale hanno una potenza tra i 50 e 200W, a seconda della tipologia (led o incandescenza) e delle dimensioni. Allo stesso modo, le luci di un presepe assorbono tra i 20 e i 100W quindi, nel periodo preso in considerazione, rimanendo accese per una media di circa 8 ore al giorno, si ha un consumo medio di 36 kWh (150 W x 30 giorni x 8 ore al giorno / 1000 = 36 kWh), che corrisponde a circa 7 euro (36 kWh x 0.189 €/kWh = 6.804 € circa 7€), solo per albero e presepe, secondo la media dei consumi del campione preso in esame.

Per quanto riguarda lo standby dei vari elettrodomestici, subisce anch’esso un aumento dovuto al cambiamento delle abitudini familiari nel periodo natalizio, indipendentemente dalla tipologia degli elettrodomestici presenti in casa: dai caricabatterie dei cellulari lasciati attaccati alle prese per ricaricare al volo il telefono che in questo periodo viene usato in modo maggiore, alle consolle dei videogiochi utilizzate e lasciate in pausa durante i pranzi o le cene delle festività, fino alle macchinette del caffè lasciate accese per avere un immediato utilizzo durante la giornata e all’impianto stereo che aveva diffuso il sottofondo musicale durante la cena e poi lasciato in standby.

Alcuni consigli di Selectra e Midori per risparmiare in bolletta:

Spegni l’illuminazione dell’albero di Natale, del presepe e degli altri addobbi natalizi quando esci di casa e quando vai a dormire, e ricordati di non lasciare nessun dispositivo in standby (come la Tv, etc..);
Utilizza quanta più illuminazione a Led possibile, un piccolo investimento iniziale porta un considerevole  risparmio annuale;
Confronta quanto pagheresti con le attuali offerte del mercato: puoi risparmiare fino a 100 € all’anno rispetto alla tariffa regolata;
Scegli il pagamento delle bollette tramite domiciliazione bancaria e l’invio delle bollette via email: eviterai di pagare i costi del bollettino postale e il servizio dell’invio cartaceo delle bollette;
Diventa consapevole dei tuoi consumi e impara a ridurre gli inutili sprechi con Ned.

L’atmosfera del Natale torna nel cuore di Milano: dal 30 Novembre al 6 Gennaio 2020,
Dall'8 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019 in un percorso ideale tra Albugnano, Aramengo, Camerano,
La mostra, il cui percorso è allestito negli ambienti della Galleria Alfieri del Castello Reale

Lisbona a dicembre si riempie di luci

Natale è ormai alle porte. Questo periodo dell’anno è perfetto per una breve vacanza o un soggiorno più lungo a Lisbona, dove il sole splende 365/365. A dicembre, la capitale lusitana brilla e si riempie di luci, a partire dai maestosi alberi di Natale di Marquês de Pombal e Praça do Comércio. Ma c’è di più: il centro storico pullula di mercatini, le chiese ospitano concerti per grandi e piccoli, il profumo del Bolo Rei e delle caldarroste si diffonde nell’aria e l’atmosfera di festa regna nelle strade, adornate da decorazioni. E, dopo aver visto tutto, si può prendere il treno per Sintra o Cascais, dove la magia continua…

Il calendario è ricco di eventi. Eccone alcuni da non perdere.

Che Natale sarebbe senza i tradizionali concerti? In questo periodo orchestre e cori si riuniscono nelle cattedrali e nelle chiese e intonano canti natalizi: il risultato sono esibizioni che uniscono musica sacra e canzoni folkloristiche. Assistere a questi concerti è un vero e proprio viaggio attraverso il patrimonio religioso e culturale della città, sia per gli occhi che per le orecchie. Il 15 e 16 dicembre, la Fondazione Calouste Gulbenkian ospita il famoso Christmas Oratory di Johann Sebastian Bach, eseguito dall’Orchestra Gulbenkian, mentre il giorno seguente presso il Centro Culturale di Belém il Coro Sinfonico Lisboa Cantat canterà The Messiah, l’opera più celebre di Handel. Al Parque das Nações continuano gli appuntamenti con Concertos Arena Live 2017, una serie di concerti organizzati da Casinò Lisboa che culminano nella notte di San Silvestro. Il giorno di Natale, Gospel Collective presenterà invece un repertorio variegato, che include anche generi innovativi come il new-urban gospel e l’afro-gospel (ingresso gratuito).

Altri eventi simbolici della stagione natalizia sono sicuramente i mercatini. Il più famoso è Wonderland Lisboa, che si svolge presso il Parque Eduardo VII fino al 1° gennaio 2018 e che lo scorso anno ha coinvolto oltre 500.000 visitatori. Tra le principali attrazioni, un villaggio natalizio dedicato ai bambini e alle famiglie, una pista di pattinaggio di oltre 800 m2, una grandissima ruota panoramica, il tradizionale albero di Natale e tante giostre. Per uno spuntino goloso, agli troverete un’ampia offerta gastronomica: churros al cioccolato, farturas (ciambelle portoghesi), zucchero filato e tanti altri dolci tipici. L’ingresso è gratuito.

Fino al 7 gennaio, presso la FIL Hall 1 del Parque das Nações verranno ricreati alcuni tra gli eroi hollywoodiani più apprezzati dai bambini, come King Kong, Transformers e Spiderman. Non mancheranno clown, trapezisti, giocolieri e altri personaggi del circo. Negli stessi giorni, saranno esposte le astronavi di Star Wars, una città medievale e una città spaziale, tutte realizzate con oltre 5 milioni di lego provenienti da una collezione privata. Biglietti: € 5,00 per gli adulti e € 3,00 per i bambini.

Chi ama i classici mercatini natalizi si sbizzarrirà a Campo Pequeno, dove troverà prodotti 100% made in Portugal, oggetti di design, libri, abiti vintage, ceramiche, gioielli, decorazioni per la casa, giocattoli e specialità gastronomiche. Per coloro che preferiscono qualcosa di diverso, nelle boutique indipendenti non mancano souvenir e regali per amici e familiari. Da non perdere, A Vida Portuguesa in Largo do Intendente, un bellissimo negozio situato in una ex fabbrica di azulejos. Da aggiungere alla lista anche Conserveira de Lisboa, Luvaria Ulisses e il Centro Vasco da Gama, che quest’anno brilla grazie alle sue decorazioni natalizie. In un attimo ci si accorgerà che Lisbona è la migliore città europea per lo shopping natalizio, come afferma il The Guardian.

Un altro evento interessante è Lisbonland, che si tiene alla Saint Nicolao’s House. La fontana luminosa di Alameda è stata scelta come scenario per la proiezione di un video in 4D che contribuirà a diffondere la magia del Natale in tutta la città. Il video mostra gli elfi e Babbo Natale intenti a realizzare i giochi tanto desiderati dai bambini: non tutti sanno che, secondo la leggenda, la “fabbrica di giocattoli” di Babbo Natale si trova proprio a Lisbona, all’interno di una casa ricoperta di azulejos. Lo spettacolo si terrà tre volte al giorno, alle 19:00, alle  20:00 e alle 21:00, dal 14 al 23 dicembre. L’ingresso è gratuito.

Come vedete, sono molte cose da fare nella capitale, ma anche  i dintorni non sono da meno. A Cascais, presso il Marechal Carmona Park, verrà allestito un enorme villaggio di Natale che vi farà entrare nell’universo di Santa Claus, con renne, alberi di Natale, un trenino, una giostra e persino una pista di pattinaggio. Anche il presepe merita una visita perché è davvero realistico, grazie alla presenza Giuseppe, Maria e il Bambin Gesù, i Re Magi, i cammelli e il campo romano con legionari e gladiatori.

A Sintra, il concerto di voci bianche e l’accensione dell’imponente albero di Natale alto 15 metri e decorato con 200 palline 3D bianche e rosse hanno dato il via alle festività natalizie. Dal 14 al 23 dicembre, al Palacio Nacional verrà proiettato un video che racconterà la storia di un artigiano che si dedica alla riparazione dei giocattoli. Il 17 dicembre, nella fattoria del Palazzo di Monserrate, verrà organizzato un workshop per bambini, che si divertiranno preparando biscotti e decorazioni. Lo stesso giorno è in programma un concerto dedicato a tutta la famiglia.

Secondo la leggenda, Lisbona fu costruita su sette colli, proprio come Roma. Ad ognuno di essi fu dato
I primi freddi non sono certo un problema per Lisbona, dove le temperature, che rimangono miti
Se quest’anno avete scelto di lasciare a casa mariti e fidanzati concedendovi una vacanza tutta

Sabato 25 marzo si spengono le luci per Earth Hour 2017

SABATO 25 MARZO ALLE 20,30 SI SPENGONO LE LUCI PER EARTH HOUR 2017
AL MUSEO MAXXI DI ROMA EVENTO CENTRALE DELLA GIORNATA. PER INFORMAZIONI E ACCREDETI CONTATTARE UFFICIO STAMPA WWF
 
Sabato 25 marzo alle 20,30 sarà Earth Hour, l’Ora della Terra, l’evento globale del WWF dedicato ai cambiamenti climatici che lo scorso anno ha coinvolto 178 paesi in tutto il mondo e visto la partecipazione di centinaia di milioni di persone. Il WWF rilancia il suo evento mondiale (per informazioniwww.oradellaterra.org) invitando cittadini, aziende, istituzioni a spegnere simbolicamente per un’ora, dalle 20.30 di ciascun paese, le luci delle case, degli uffici e dei monumenti per una ‘ola planetaria di buio’.
A Roma si spegneranno diversi luoghi simbolo della città tra i quali laBasilica di San Pietro e il Colosseo. Quest’anno, inoltre, il Capo dello Stato Sergio Mattarella ha voluto consegnare al WWF una speciale targa come suo ‘premio di rappresentanza’ all’evento internazionale “Earth Hour 2017” e il Senato della Repubblica e la Camera dei Deputati hanno concesso il loro patrocinio alla manifestazione. Infatti, sabato, per Earth Hour, si spegneranno anche le luci delQuirinale, di Palazzo Madama e di Palazzo Montecitorio. Ma la novità per l’edizione 2017, la decima al livello globale, è l’adesione del MAXXI, il Museo nazionale delle arti del XXI secolo che spegnerà per la prima volta la sua facciata. Nello spazio esterno del Museo l’appuntamento per bambini e famiglie è dalle 11.00 alle 18.30, tutti in piazza con il Panda “Aspettando l’Ora della Terra”: per loro il WWF ha previsto giochi, esperimenti e ‘lezioni all’aperto’ sul riscaldamento globale e il truccabimbi. 200 pandini di cartapesta invaderanno l’area, accompagnati da immagini e maschere di Orso polare, la specie simbolo degli effetti del cambiamento climatico.
Ad aiutare il WWF per l’evento del MAXXI ci saranno anche circa 50 tra ragazze e ragazzi delle scuole superiori di Roma (licei Avogadro, Cavour, Farnesina e Orazio) che affiancheranno l’associazione nelle attività di sensibilizzazione, organizzazione ed educazione. Si tratta di tappa di due percorsi educativi di Alternanza Scuola Lavoro: uno, specifico del liceo Cavour, sulla biodiversità urbana, l’altro sull’organizzazione degli eventi che ha visto gli studenti lavorare presso gli uffici della sede nazionale del WWF.
 
I momenti salienti di sabato:
 – 18.30 flash-mob per il clima
 – 20,30 Cerimonia di spegnimento della facciata del MAXXI
 – 20,30 – 23,00 “Il tango per il clima”, una speciale esibizione di maestri della scuola di tango
 – A seguire una milonga collettiva gratuita, aperta a tutti.
Far diventare il sabato, quando gran parte delle persone fa la spesa settimanale, il giorno
“Il Pianeta è al collasso, siamo nel mezzo della sesta estinzione di massa, e i
Il 1° agosto, avremo consumato tutte le risorse naturali che la Terra è in grado di
Il ghiaccio VII si trova naturalmente anche sul nostro pianeta. Prima della nuova scoperta, descritta