Giornata internazionale dell’Infermiere

Il 12 maggio in tutto il mondo è stata celebrata la Giornata internazionale dell’Infermiere, ossia di una figura che è l’asse portante del servizio sanitario pubblico e di quello privato.

In questi ultimi anni – ha detto il Segretario Generale della UIL FPL Michelangelo Librandi – abbiamo assistito ad attacchi volti anche a screditare  la categoria del pubblico impiego che hanno contribuito a creare una immagine distorta nei confronti dei lavoratori, a partire dagli infermieri. Questo clima, insieme alla crisi che sta vivendo la sanità a causa di tagli, blocco del turn over, scarsi investimenti ecc, è concausa del fenomeno delle aggressioni nei confronti del personale sanitario, aumentato in modo esponenziale in questi ultimi anni.

E bene ricordare il ruolo centrale che gli infermieri hanno in sanità; svolgono attività, tra turni e condizioni estreme, a carattere preventivo, curativo, riabilitativo e palliativo, che li pongono particolarmente vicini alle persone lungo tutte le fasi della sua vita, fin dalla nascita.

Occorre una vera inversione di tendenza, volta a valorizzare le professioni sanitarie e  tutto il personale impiegato nella pubblica amministrazione, e questo parte anche dal rinnovo del Contratto, atteso da oltre 8 anni.

Per questo è urgente – ha concluso Librandi – procedere con le modifiche normative per ripristinare la contrattazione, sia nazionale sia di secondo livello, liberandola dai vincoli legislativi e ripristinando le relazioni sindacali e  firmare l’atto di indirizzo entro breve per avviare la discussione all’Aran e mettere in pratica i principi normativi ed economici fissati nell’intesa firmata lo scorso 30 novembre 2016.

La Giornata internazionale infermieri è una giornata che commemora i contributi degli infermieri per la società.

Promossa dal Consiglio internazionale degli infermieri, si celebra in tutto il mondo ogni 12 maggio, ricordando la nascita di Florence Nightingale, l’infermiera britannica nota come “la signora con la lanterna”, considerata la fondatrice dell’assistenza infermieristica moderna.

 
Ci riempie di orgoglio l’intervento chirurgico di ricostruzione facciale effettuato all’A.O. Sant’Andrea che vanta pochissimi
Da una prima analisi sulla Manovra 2018 abbiamo verificato con soddisfazione come siano state effettuate
Le criticità nei servizi di soccorso sanitario di emergenza nel Lazio sembrano non cessare, anzi

Ebola: sarà dimesso oggi l’infermiere di Sassari

E’ guarito e verrà dimesso oggi l’infermiere di Sassari colpito dall’Ebola, mentre lavorarava per Emergency in Sierra Leone.

Il paziente dovrebbe essere dimesso oggi dall’Ospedale ‘Libero Spallanzani’ di Roma, in cui si trova ricoverato dal 13 maggio scorso.

E’ attesa per oggi alle ore 12 in conferenza stampa in i medici del nosocomio romano illustreranno le modalità con cui l’infermiere è stato curato e guarito.

E' stata, in parte, disinfettata la casa dell'infermiere di Sassari, ammalato di Ebola. Lunedì, gli
Sta meglio l'infermiere, 37enne, di Sassari, infettato dall'Ebola, mentre lavorava in Sierra Leone. A renderlo
Non destano preoccupazione le condizioni di salute dell'infermiere di Sassari, infettato dal virus Ebola, che

Bonificata la casa dell’infermiere malato di Ebola

E’ stata, in parte, disinfettata la casa dell’infermiere di Sassari, ammalato di Ebola.

Lunedì, gli addetti della Asl proseguiranno il lavoro, che si è svolto e si svolgerà accedendo all’abitazione tramite un elevatore, che ha permesso agli operatori di salire nel quarto piano ed entrare nell’appartamento, tramite una finestra.

Non ci sono pericoli di contagio né per i familiari del malato, né per i condomini.

L’infermiere, 37enne, di Sassari, era stato infettato dal virus Ebola, mentre lavorava in Sierra Leone.

Ora, si trova ricoverato all’ospedale Spallanzani di Roma.

E' guarito e verrà dimesso oggi l'infermiere di Sassari colpito dall'Ebola, mentre lavorarava per Emergency
Sta meglio l'infermiere, 37enne, di Sassari, infettato dall'Ebola, mentre lavorava in Sierra Leone. A renderlo
Non destano preoccupazione le condizioni di salute dell'infermiere di Sassari, infettato dal virus Ebola, che

Stabile l’infermiere di Sassari infettato dall’Ebola

Sta meglio l’infermiere, 37enne, di Sassari, infettato dall’Ebola, mentre lavorava in Sierra Leone.

A renderlo noto un bollettino medico dello Spallanzani di Roma.

L’infermiere “E’ vigile e autonomamente deambulante Ridotta la febbre e l’entità dei sintomi gastrointestinali. Presenta modesti sintomi respiratori. Ha completato senza eventi avversi la seconda dose del secondo farmaco sperimentale arrivato dall’estero. Continua il trattamento antivirale e la terapia reidratante per via orale ed endovenosa”, dice il bollettino medico.

L’infermiere di Emergency era stato portato all’ospedale ‘Libero Spallanzani’ di Roma, il 13 maggio scorso.

E' guarito e verrà dimesso oggi l'infermiere di Sassari colpito dall'Ebola, mentre lavorarava per Emergency
E' stata, in parte, disinfettata la casa dell'infermiere di Sassari, ammalato di Ebola. Lunedì, gli
Non destano preoccupazione le condizioni di salute dell'infermiere di Sassari, infettato dal virus Ebola, che