Le isole Baleari per vacanze attive

Maiorca, Minorca, Ibiza e Formentera sono mete ideali per gli amanti del turismo attivo e dello sport, per i tanti percorsi naturalistici nell’entroterra o nella costa e i numerosi eventi sportivi disponibili tutto l’anno che vanno oltre l’offerta mare. Per via della loro particolare topografia e del clima favorevole, le islas attirano ogni anno non solo atleti professionisti, ma anche amatori, che si cimentano in svariate discipline, dalla mountain bike al trekking, passando per maratona, triathlon e motocross.

Le Baleari sono quindi un vero paradiso per chi ama l’avventura tanto da attrarre ogni anno migliaia di turisti a partecipare a competizioni ma anche ad esplorare le isole in libertà, immergendosi nella natura incontaminata. Percorsi verdi, grotte a picco sul mare, coste frastagliate, punti panoramici, baie e lunghe spiagge sabbiose sono solo alcune delle attrazioni da esplorare percorrendole da un capo all’altro. Ecco di seguito spunti di itinerari e gli eventi sportivi da non perdere questo autunno:

Maiorca conserva paesaggi di montagna e collina di grande bellezza da esplorare in bicicletta. Uno di questi è la Serra de Tramuntana, una catena montuosa che si estende per 90km lungo la costa nord-occidentale, Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, un paesaggio tipicamente mediterraneo, costellato da ulivi, mandorli, aranceti e viti. Durante la stagione estiva i suoi sentieri si trasformano in percorsi per gare di ciclismo, mentre le strade più ripide con dossi e salti sono perfetti per la mountain bike. Per i più audaci, la zona centrale della Serra è ricca di gole e canyon, ad esempio quelli del Torrente de Pareis o del Gorg Blau-Sa Fosca. Qui è possibile praticare anche l’arrampicata, di cui a Maiorca si svolgono competizioni annuali come il K42 e il K21. E ancora per gli appassionati di corsa il 16 ottobre è prevista la Palma de Maiorca marathon.

Ibiza offre nello stesso tempo sentieri mozzafiato da percorrere a piedi e in bicicletta e numerose competizioni per professionisti, tra cui gare internazionali di ciclismo e mountain bike, triathlon, maratone e mezze maratone. Tra i prossimi appuntamenti da non perdere, la Triathlon Ibiza lunga distanza del 22 di ottobre che prevede 4 km a nuoto nelle acque cristalline, 120 km in bicicletta attraverso itinerari verdi all’interno dell’isola e 30 km su strada o sempre ad ottobre la Ibiza Marathon trail a Sant Antoni nel nord est dell’isola tra viste spettacolari e vegetazione rigogliosa.
Formentera è invece perfetta per godersi una tranquilla biciclettata nella natura in sentieri pianeggianti. In alternativa, salendo in moto si può avere una visione più panoramica sulle insenature e sulle calette che punteggiano la costa. Non sono da meno i percorsi a piedi lungo i 19 “circuiti verdi” che permettono di addentrarsi in luoghi incantevoli e protetti, non accessibili in auto o in moto. E non mancano anche qui gare sportive, tra cui l’8 di ottobre il Triathlon Illa de Formentera o per gli amanti della bicicletta la BBT Volta Cicloturista tra il 29  e 31 ottobre. 

Minorca è l’isola che più di tutte mantiene un forte contatto con la natura, grazie alla varietà dei suoi paesaggi è stata dichiarata Riserva della Biosfera dall’UNESCO. Qui si trovano esempi dei principali habitat mediterranei tra dirupi, grotte e voragini, zone umide, dune, isolotti, piccole colline ed ampi spazi aperti di carattere rurale. Tra le escursioni, la più suggestiva è il “Cami de Cavalls”, poiché attraversa vari paesaggi dell’isola: praterie, spiagge, borghi medievali, scenari rocciosi e di terra rossa. Questo reticolo circolare di antichi sentieri ha una lunghezza complessiva di 185km e circonda tutta l’isola. E ancora manifestazioni per gli appassionati di bicicletta come la BTT Menorca dal 7 al 9 di ottobre e la 16° vuelta cicloturista dal 14 al 16 ottobre. 

Se l’idea di vacanza è all’insegna del movimento e dell’avventura a 360°, le Baleari sono le isole giuste, senza mai dimenticare un tuffo nel blu.

 


Roma – Proseguono i lavori per la Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia, riunita fino
Una delle cose significative che una persona può fare per ridurre il rischio di malattie
È stato appena pubblicato sul New England Journal of Medicine uno studio epidemiologico retrospettivo condotto
Disponibile da novembre nei centri medici Cerba HealthCare l’analisi su 34 geni, affiancata dalla valutazione

Vivi la Pasqua nelle Isole Baleari

La Pasqua è uno dei momenti migliori per vivere l’anima più autentica delle Isole Baleari: gli antichi riti, le tradizioni religiose e l’ottima proposta gastronomica diventano protagoniste a Maiorca, Minorca, Ibiza e Formentera.

Le celebrazioni della Settimana Santa si svolgono nelle varie località delle isole e sono tutte caratterizzate dalla grande devozione e dalla partecipazione sentita dei  fedeli. Tra celebrazioni più importanti, la prima di grande impatto è quella del Giovedì Santo nella città di Palma di Maiorca con il “Sant Crist de la sang”: una scenografica processione con più di ventimila confratelli incappucciati, appartenenti alle trenta confraternite ufficiali, che trasportano il Cristo per le vie del centro storico al ritmo dei tamburi. Il Cristo lascia la Chiesa verso le cinque del pomeriggio per rientrare al tempio non prima dell’alba. Gli incappucciati, noti come Penitenti o Nazareni, sono figure molto suggestive che indossano abiti tipici del periodo dell’Inquisizione rievocando il clima di grande dolore della Passione di Cristo.

Il Venerdì santo è molto popolare nella cittadina di Pollença, (Maiorca) dove ha luogo il “Davallament”una delle celebrazioni più intense dell’arcipelago per la rappresentazione intensa e realistica degli ultimi momenti del Cristo. Un lungo corteo sale verso la chiesa in cima alla collina, nota come Calvario, mettendo in scena una intensa e dolorosa Via Crucis; in cima alla collina ha luogo la crocifissione e quindi la deposizione del Cristo. A questo punto inizia il ‘Davallament’: una processione sui 365 scalini illuminati dalle torce, al suono incalzante dei tamburi, in un’atmosfera solenne e sottolineata dal canto glorioso di un “Miserere”, dove il Cristo viene portato in processione da alcuni rappresentanti delle confraternite attraverso la città.

Le manifestazioni si concludono la domenica di Pasqua con la processione dell’Incontro(“Encontre”), una commovente e intima rappresentazione del dialogo tra il Gesù appena resuscitato e la madre Maria con un coro e un’orchestra d’accompagnamento che rende la scena ancora più coinvolgente.

Un viaggio nelle Baleari durante la Pasqua è anche un tuffo nella tradizione gastronomica: i must per ogni gourmet sono le“panades”, “cocarrois”, i “robiols” e le “crespells”. Le panades(foto) sono a base di pasta salata e contengono carne d’agnello, maiale e pollo, piselli e salumi; perfetti per i vegetariani invece i cocarrois fatti della stessa pasta dellepanades ma ripieni di bietola e uva passa; invece robiols sono dolci ripieni a forma di mezza luna e crespells a forma di stelle e cuori sono ripieni di marmellata di albicocca e ricotta.

Non solo antichi riti e ottima gastronomia ma anche l’occasione per andare alla scoperta del territorio, godere del clima mite, dei verdi paesaggi in fiore e dei profumi della primavera.

– Per chi soggiorna a Maiorca (foto), si possono prenotare dei tour dei palazzi storici e delle fincas, case padronali finemente arredate ricche di storia risalenti al XIII/XV secolo. Tra le più celebri e rappresentative LaGranja (www.lagranja.net ) e Els Calderers (www.elscalderers.com).

– A Minorca da non perdere il tour tra i monumenti megalitici preistorici, strutture in pietra ben conservate risalenti al periodo talaiotico tra il 2000 e il 1000 ac. che ai tempi fungevano da luoghi di sepoltura o torri difensive. Meglio prenotarlo con una guida esperta ad esempio www.talaiacultura.com che offre un tour personalizzati.

– E ancora coloro che scelgono Ibiza possono vivere l’isola da un punto di vista naturalistico, visitando due parchi nazionali di particolare interesse per il loro valore ecologico: il Parco di Ses Salines, la riserva di Es Vedrà, Es Vedranell e degli isolotti di ponente. I tour si possono prenotare attraverso l‘Ufficio del Parco al seguente indirizzo email: espaisdenatura@gmail.com.

– Coloro che soggiornano a Formentera possono prenotare un tour completo dell’isola con un percorso di 15 km percorrendo la costa nord da Es Caló de Sant Agustí e terminando con el Faro. Camminando si scopre il camí de Sa Pujada, con numerose grotte del periodo megalitico, scendendo verso il molo di Sa Cala e passando per alcuni torrenti con degli incredibili panorami. Il tour si può prenotare ad esempio con www.formenteranatural.com

Non manca molto a Pasqua e le Camargue sono una bella idea per trascorrere qualche
A Pasqua una inedita Laguna di Venezia: lenta, lontana dalle folle ed immersa nella natura.
Da una parte il divertimento e l’arte, dall'altra la ricerca neurologica. Il prossimo ponte pasquale
Tra tradizioni, buona tavola, terme e natura Dal portale Isoladischia.com, qualche idea per un weekend