Anche Braccio di Ferro alla 32^ Mostra dell’Artigianato di Feltre

Oltre ai giochi di forme, di colori e di materiali protagonisti delle opere degli artisti e degli artigiani presenti alla Mostra dell’Artigianato di Feltre (29 giugno – 1 luglio), quest’anno il tema del gioco al centro della manifestazione prevede una serie di iniziative ludiche e mostre a tema. Si inserisce in questo contesto la mostra dedicata a Popeye, storico personaggio di fumetti e cartoni animati che sta per compiere 90 anni.

Rappresentazioni artistiche di un mito sempre attuale grazie alla genialità del suo autore, E. C. Segar, che ha creato dei personaggi di grande personalità e modernità. Primo fra tutti il marinaio Braccio di Ferro che viene raffigurato non con le caratteristiche di un supereroe bensì di un uomo dall’enorme forza d’animo, che di fronte alle ingiustizie è in grado di far emergere risorse straordinarie pur di proteggere quanto di più caro ha, come Olivia e Pisellino. Lei, amata alla follia da Braccio di Ferro, è una donna di grande temperamento; talvolta i due hanno dei battibecchi, ma alla fine il loro amore vince sempre. Pisellino invece è un trovatello che Braccio di Ferro ha adottato, trasformandosi così nel primo “mammo” della storia. Infine Brutus, l’antagonista del marinaio, un cattivo che poi tanto cattivo non è. Le avventure di Popeye sono state tradotte in tutte le lingue del mondo e milioni di prodotti sono stati creati utilizzando la sua figura: dai giochi, ai prodotti moda, di design e arredamento. Oggetti creati per trasmettere un valore sentimentale grazie al grande potere comunicativo di questa famiglia composta da personaggi che sono ancora di proprietà del loro primo editore, la Hearst Holding Inc./ King Features Syndicate, Inc., rappresentata in Italia da oltre 30 anni dalla Premium S.r.l.Recentemente, il fumettista Alessandro Paleari ha creato nuove grafiche del personaggio, che resta uno dei più amati dagli italiani. La mostra feltrina che celebra Braccio di Ferro è intitolata “Il mondo di Popeye e Olive Oyl” ed è visitabile da venerdì 29 a palazzo Zasio.

In linea con gli aspetti ludici del gioco va segnalata l’idea dell’artista locale Gian Antonio Cecchin che, grazie alla collaborazione con la storica azienda produttrice di carte Dal Negro di Treviso, ha realizzato un mazzo da gioco a tiratura limitata. E’ acquistabile (10€), accompagnato da un astuccio a tema, alla segreteria della Mostra dell’Artigianato. Si tratta di 40 carte non identificate con i tradizionali semi (ori, coppe, bastoni e spade), bensì dai quattro stemmi dei quartieri della città di Feltre: Castello, Duomo, Port’Oria e Santo Stefano e ispirate all’araldica delle notabili famiglie feltrine. Un oggetto da collezione per tutti coloro che amano i giochi di carte. Inoltre, durante la tre giorni dedicata all’artigianato artistico, a Palazzo Villabruna, nel cuore del centro storico, è possibile visitare un’esposizione curata da Gian Antonio Cecchin contenente le tavole dalle quali sono nate le carte realizzate e i disegni degli arcani maggiori dei tarocchi. Intanto, nell’attiguo Giardino dei Leoni si svolgono una serie di iniziative legate al gioco e alle carte: una dimostrazione di come si realizzano le stampe calcografiche con il torchio, la pressa e la tecnica monotipo; uno spettacolo di prestidigitazione; la presenza di una cartomante e un tavolo col gioco delle tre carte.

I venditori favoriscono l'acquisizione di cattive abitudini nei nostri figli. Lo segnala un'indagine del MOIGE
Un corso per approfondire gli strumenti per il contrasto delle varie forme di illegalità presenti

Voilà Festival al via a Feltre

Voilà Festival a Feltre: questo venerdì il via alla rassegna di arte in strada, circo contemporaneo e culture del mondo nel centro storico di Feltre.
Il Sindaco Paolo Perenzin «Voilà, appuntamento irrinunciabile dell’offerta culturale e turistica della Città di Feltre. Il nuovo format sarà ampliato nei prossimi anni». Tre giornate dal 18 al 20 agosto di performance di artisti di tutto il mondo, mostre e conferenze; da non perdere l’esposizione fotografica dedicata a Moira Orfei e la conferenza sul circo di ieri e oggi e l’arte in strada domenica 20 agosto in presenza di Alessandro Serena, nipote dell’icona pop e simbolo del circo italiano.

Feltre, (BL), 16 agosto 2017 – Tutto pronto per la 19° edizione di Voilà Festival, la rassegna che dal 18 al 20 agosto trasformerà il centro storico di Feltre nella capitale internazionaledell’arte in strada, circo contemporaneo e culture del mondo. Un appuntamento ormai consolidato per la cittadina del Bellunese, che quest’anno si evolve in un vero e proprio Festival con la partecipazione di diverse decine di artisti da tutto il mondo. La decisione di dare nuova linfa a Voilà Festival nasce dalla volontà da parte dellAmministrazione comunale di Feltre di sostenere l’arte in strada, considerando questa forma d’arte un’importante risorsa per lo sviluppo culturale e turistico della città.

«Voilà rappresenta un appuntamento annuale fondamentale che ci si propone di ampliare ulteriormente nei prossimi anni» hanno dichiarato il Sindaco di Feltre Paolo Perenzin e l’Assessore alla Cultura, Alessandro Del Bianco. «Siamo convinti che la nuova formula della manifestazione, la quale comprende anche mostre e conferenze di approfondimento, comporterà un arricchimento culturale del tessuto cittadino che andrà ben oltre la dimensione puramente spettacolare delle esibizioni nei tre giorni di Festival». Il Sindaco ha poi ringraziato il dott. Giovanni Trimeri e lo staff dell’Ufficio Cultura di Feltre: «Se oggi parliamo di un ampliamento della manifestazione lo dobbiamo infatti anche a chi, negli anni, ha saputo tener viva l’attenzione sul tema dell’arte di strada e ha posto le basi affinché Voilà diventasse un appuntamento irrinunciabile dell’offerta culturale e turistica della Città di Feltre».

L’edizione 2017 di Voilà celebra inoltre l’icona pop e simbolo del circo italiano Moira Orfeiattraverso la mostra fotografica “Moira la Regina. Memorabilia di un mito”, che comprende una foto del MoMa di New York, e la conferenza “Moira Orfei e il Circo tradizionale – Il Circo contemporaneo e l’arte in strada nuovi fenomeni sociali e culturali” (domenica 20 agosto, ore 18.30, Palazzo Borgasio di Feltre) con l’intervento di Alessandro Serena, nipote di Moira Orfei, Prof. di Storia dello Spettacolo Circense e di Strada all’Università Statale di Milano e autore, direttore artistico, produttore di spettacoli con centinaia di repliche in tutta Europa, Aurelio Rota, direttore artistico di Voilà e Lonato InFestival, Beppe Boron, Presidente della FNAS Federazione Nazionale Arti in Strada e Roberto Cargnelli, storico organizzatore di eventi teatrali, di arte di strada e circo contemporaneo di Venezia e del suo territorio.

In grande fermento per l’organizzazione degli ultimi dettagli, il direttore di Voilà Festival ha in questi giorni svelato alcune precisazioni sul programma dell’evento. New entry tra gli artisti italiani per la gioia dei più piccini è Lucia Schierano, con lo spettacolo di teatro di figura “Un’allegra Arlecchinata, che subentra ai Zero en Conducta e Fritto misto.

Una vittoria a tinte tricolori per la terza edizione degli Innovation in Politics Awards, l’annuale premio
Arrivano da ogni parte del mondo gli artisti della 19° edizione di Voilà Festival. Dal 18

Feltre tra fuoco, acrobazie e danze antiche con Voilà Festival

Arrivano da ogni parte del mondo gli artisti della 19° edizione di Voilà Festival. Dal 18 al 20 agosto nel centro storico di Feltre (Belluno), con anteprime nelle frazioni il 16 e 17 agosto, le performances di arte in strada, circo contemporaneo e culture del mondo saranno di altissimo livello. Quest’anno, infatti, il nuovo format, basato sulla valorizzazione della location, e la direzione artistica di Aurelio Rota, con maturata esperienza nel campo, hanno posto le basi per un evento che avrà molto da dare al pubblico. Numerosi gli artisti italiani e altrettanti quelli provenienti dall’estero. In particolare, gli acrobati originari dell’Africa Black Blues Brothers, noti per essersi esibiti davanti a Papa Francesco in occasione del Giubileo dello Spettacolo Popolare nel giugno del 2016, i tre artisti domatori di fuoco Quetzalcoatl dal Messico e i Milon Mela, formazione esperta nelle antiche arti performative e nei rituali delle varie regioni dell’India.

Black Blues Brothers, cinque acrobati in stile americano ma con l’Africa nel sangue, domenica 20 agosto a Voilà porteranno in scena un’incredibile carica di energia sulle note di brani rhythm&blues. Tra limbo, salti mortali e piramidi umane questa band presenterà uno show adatto a un pubblico universale, dove a parlare sono la musica e il virtuosismo acrobatico. IQuetzalcoatl, nati nel 2000 nella città di Puebla in Messico, saranno a Voilà Festival dal 18 al 20 agosto. La loro performance basata sulla potente unione tra fuoco, ritmo e terra, con l’utilizzo di strumenti musicali della cultura Azteca messicana, daranno vita a uno stile rituale inconfondibile. Il fuoco, da sempre paura ancestrale, sarà domato e esaltato dalla straordinaria abilità dei tre artisti, trasportando gli spettatori in un viaggio immaginario in una Terra lontana. I Milon Mela sono una formazione che da vent’anni svolge una ricerca sulle antiche arti performative e sui rituali delle varie regioni dell’India riproponendoli al pubblico in uno spettacolo suggestivo. In scena in tutte e tre le giornate dell’evento, i maestri delle varie arti dei Milon Mela faranno conoscere la danza Gothipua dell’Orissa, ai confini con il contorsionismo, la musica dei Baul del Bengala, la danza Chhau del Bihar con le splendide maschere e le roteanti evoluzioni, l’antica arte marziale Kalaripayattu del Kerala e il fachirismo Hatha Yoga con figure mozzafiato. Una menzione particolare va anche ai Fekat Circus, compagnia dell’Etiopia che promuove il circo tra i giovani africani come strumento di riscatto sociale e opportunità professionale, l’argentino Tomate, esilarante clown dalla comicità surreale che chiude la sua tournèe proprio a Voilà Festival, eJesus Fornies, artista spagnolo tra i più abili al mondo nella giocoleria con i palloni da calcio la cui bravura è stata sancita allo show di Maradona per la tv argentina.

Tanti altri gli artisti e le compagnie di circo contemporaneo e arte in strada presenti a Voilà Festival. Marta Finazzi con lo spettacolo “Immaginaria”, All’incirco varietà, El Nino Retrete e Luca Chieregato con “Chiedimi una Storia”. Anche la musica sarà protagonista della manifestazione con BandarandanPeppino e Fedele e altri musicisti con esibizioni su generi vari. Per i bambini divertenti spettacoli, laboratori e animazione di giocoleria e costruzione di giochi antichi tenuti daFede Scoch e Pepita. A fare da cornice agli spettacoli di Voilà ci sarà anche un mercatino, con stand di artigianato, prodotti naturali e tutto ciò che è affine all’anima del Festival.

Tra arte, musica e spiagge d’incanto... L’ Avana si è fatta ancora più bella per festeggiare i
Voilà Festival a Feltre: questo venerdì il via alla rassegna di arte in strada, circo