Facebook ha lanciato Threads di Instagram

Facebook ha lanciato Threads di Instagram, una nuova app di messaggistica che consente di rimanere in contatto con la propria cerchia ristretta di amici e condividere solo con loro foto, video, messaggi, Storie in uno spazio dedicato e privato.

Tra le novità, la possibilità di indicare il proprio Stato agli amici appartenenti alla cerchia ristretta. Solo gli amici più stretti che avremo deciso di inserire nella nostra cerchia potranno vedere il nostro Stato, che comunque è a nostra discrezione attivare, per la massima tutela della privacy.

È l’estate il periodo più social dell’anno, basti pensare che l’hashtag #summer da solo conta
Secondo il report di “Mangiare fuori nel 2019”, studio condotto da TheFork e Doxa a
Instagram ha lanciato il nuovo sticker Chat, che consente di avviare conversazioni via Direct con

Nutella VS Pan di Stelle, il post diventato virale su Facebook

In questi giorni c’è un post che sta facendo il giro del web: http://ow.ly/tvJY30nv186.

Da un profilo Facebook privato con poco meno di 800 amici,un post sulla Nutella registra più di 100.000 interazioni in 5 giorni e una reach potenziale di 10 milioni di utenti.

Ecco il racconto dell’autore (Enrico Gobbi, 27 anni, Big Data & Business Analyst presso XChannel):

Prima di addormentarmi, una volta spento il pc, sono solito riflettere qualche minuto sulle cose importanti della vita e sulle responsabilità di cui devo farmi carico ora che i 28 anni sono dietro l’angolo: è così che la notte tra il 23 e il 24 gennaio ho partorito l’idea del confronto tra Nutella e Crema di Pan di Stelle, che avevo assaggiato per la prima volta qualche giorno prima, in parallelo con quello tra una moglie e un’amante.

 

La mattina dopo sono in fila alla Asl, il disagio è tanto, così come le ore di attesa che mi aspettano: devo trovare qualcosa da fare e mi torna in mente quel pensiero avuto la sera prima, poco prima di andare a dormire, e sulle note del telefono inizio a scrivere della Nutella e del confronto con la nuova crema di Pan di Stelle.

 

Sono cresciuto in una casa dove poteva mancare anche il riscaldamento, ma non la Nutella e da questo family affair è nata una radicata passione per la famosa crema di nocciole, passione che si è prepotentemente manifestata in quelle 434 parole partite direttamente dal cuore.

 

Tornato dalla ASL, costretto sul divano dall’influenza, riprendo il testo, lo leggo, aggiungo qualcosa, lo rileggo, cambio qualcos’altro, fino a quando mi convinco a pubblicarlo sui miei profili Facebook e Instagram. Da lì, su Facebook, inizia un film, un qualcosa di inspiegabile che non mi sarei mai lontanamente immaginato, e sinceramente, neanche avrei sperato. Le prime interazioni sono quelle degli amici. Alcune battute, qualche “insulto” gratuito e un po’ di risate: tutto regolare insomma. Dopo qualche ora, centinaia di interazioni e persone che iniziano a commentare taggando amici. Penso tra me e me: t’immagini fa 1.000 like? Su un profilo che non conta neanche 800 amici?! Meno di 24h ore dopo, venerdì pomeriggio, erano più di 4.000, sabato sera 40.000 e domenica sera 50.000. Oggi 30 gennaio 2019, contiamo oltre 66.000 reazioni, 19.000 commenti e 33.000 condivisioni: il post è virale.

 

Lavoro in XChannel, una giovane e innovativa società di marketing e comunicazione crosscanale, sono Big Data & Business Analyst. Pur non occupandomi in prima persona delle pagine Facebook e Instagram che gestiamo, dovendone analizzare le performance vedo migliaia di post ogni giorno. Forse la mia esperienza sul campo ha influito sulla buona riuscita del post? Quanto è stata importante la rilettura ripetuta del testo (il mantra dello storyteller, da noi, è: “scrivere bene significa riscrivere”)? E la scelta dell’orario di condivisione, consapevole che nel tardo pomeriggio avrei “trovato” più amici? L’indicazione della fonte, gli hashtag, il tag alle pagine Facebook dei due brand sono serviti? Forse perché ho parlato di uno degli alimenti più amati dagli italiani? Forse il confronto moglie VS amante è una storia vecchia quanto il mondo e tutti un po’ ci si ritrovano? Mi perdoneranno quelli che hanno trovato sessista il post, ma volevo solo parlare di fedeltà. Verso la persona che si ama – uomo o donna che sia – e, nel mio caso, nei confronti della Nutella!

 

 

Una ex moderatrice di contenuti di Facebook ha citato in giudizio l'azienda del social media,
#deletefacebook Dopo lo scandalo Cambridge Analytica sulla violazione dei dati degli utenti Facebook, molti utenti

Dipendente di Facebook riporta traumi e stress post-traumatico

Una ex moderatrice di contenuti di Facebook ha citato in giudizio l’azienda del social media, affermando che la natura dannosa del suo lavoro le ha causato un trauma psicologico e un disturbo da stress post-traumatico (PTSD).

La donna, che si chiama Selena Scola ed è di San Francisco, in California, era stata assunta dalla Pro Unlimited Inc. e aveva lavorato come moderatrice di contenuti pubblici per Facebook da giugno 2017 a marzo 2018.

Nella denuncia, la Scola dice di aver assistito a “migliaia di atti di violenza estrema e grafica” dal suo posto di lavoro, negli uffici della Silicon Valley, con immagini, video e trasmissioni in diretta di stupri, omicidi, torture e abusi sessuali sui minori, tra le altre cose.

Secondo la denuncia, Facebook ha ignorato gli “standard di sicurezza sul luogo di lavoro”.

La società pretende che i moderatori dei contenuti lavorino in condizioni che causano ed esacerbano traumi psicologici, si legge nel fascicolo.

“Richiede ai suoi moderatori di contenuti di lavorare in condizioni pericolose che causano danni fisici e psicologici debilitanti, violando la legge della California”.

A nome di se stessa e di altri moderatori di contenuti come lei, la Scola ha cercato di “fermare queste pratiche illegali e non sicure sul luogo di lavoro” e “assicurare che Facebook e Pro Unlimited offrano ai moderatori dei contenuti un trattamento e un supporto per la salute mentale in loco e in corso”, dice la denuncia.

Facebook invece dice di avere un team di quattro psicologi clinici incaricati di creare e fornire programmi di resilienza ai moderatori dei contenuti.

Professionisti addestrati sarebbero anche disponibili in loco per la consulenza individuale e di gruppo.

Con le sanzioni di Trump che penalizzano la Cina, puntare sul paese del Sud Est
Archiviato l’anno scolastico, migliaia di ragazzi fremono all’idea di partire per le tanto agognate vacanze;
Un uomo americano di 28 anni, che aveva un collo dolorante e aveva cercato di
Una donna di 86 anni ha perso più di 50 chili camminando avanti e indietro

“Cancellare l’account Facebook”: boom di richieste

#deletefacebook
Dopo lo scandalo Cambridge Analytica sulla violazione dei dati degli utenti Facebook, molti utenti hanno detto di voler cancellare i loro profili. SEMrush, la piattaforma di web marketing ha fatto gli analisi delle ricerche in merito per scoprire la tendenza.
In Italia per l’ultimo mese circa 22 mila persone hanno cercato “come eliminare l’account facebook”, quasi 40 mila persone hanno chiesto a Google “come cancellarsi da facebook”, mentre la richiesta “cancellare facebook” insieme con le richieste relative è stata fatta più di 68 mila volte. Per parlare di trend, marzo è stato un mese quando queste richieste nel web hanno mostrato la crescita del 20%.
Il numero più alto delle richieste è stato mostrato nei primi giorni dello scandalo, ma anche in aprile gli utenti vogliono sapere come cancellarsi dalla rete sociale più popolare.
Si vede anche un aumento delle query di ricerca come “trattamento dei dati personali”, e “privacy su Internet”.
La stessa situazione si verifica nella maggior parte dei paesi europei e negli Stati Uniti: se l’anno scorso il volume di ricerca più elevato è stato mostrato a giugno e luglio ed era di circa 150.000, entro la fine di marzo 2018 è cresciuto oltre al 100% e ammonto più di 350 mila.
L’hashtag #deletefacebook ha iniziato a diffondersi sui social dopo un tweet di Brian Acton (uno dei fondatori di WhatsApp). Fino marzo è stato al culmine della sua popolarità.
Facebook ha lanciato Threads di Instagram, una nuova app di messaggistica che consente di rimanere
In questi giorni c’è un post che sta facendo il giro del web: http://ow.ly/tvJY30nv186. Da
Una ex moderatrice di contenuti di Facebook ha citato in giudizio l'azienda del social media,