A Varese come nella Silicon Valley

Per i dipendenti di EOLO un parco di 930mq, docce e spogliatoi per la corsa,

frutta fresca a ogni piano e cibi bio e di stagione

 

L’azienda di telecomunicazioni applica il concetto di innovazione anche in fatto di benessere sul lavoro e ambiente, con zero sprechi di carta e plastica. Il CEO Luca Spada: «Le aree verdi sono spazi collaborativi. Pasti e momenti di relax diventano un altro modo di fare rete»

 

Un parco “aziendale” dove camminare o fermarsi a sorseggiare un tè, frutta fresca disponibile ad ogni piano e docce per sciacquarsi e cambiarsi dopo un’oretta di jogging: non succede solo nelle company hi-tech della Silicon Valley, ma anche in provincia di Varese. Per la precisione in EOLO, azienda di telecomunicazioni con 300 dipendenti a Busto Arsizio. Alla base della filosofia aziendale, infatti, c’è l’attenzione per la salute e per l’ambiente. «Occuparsi di telecomunicazioni non vuol dire soltanto dedicarsi a tecnologia e innovazione: significa vivere a stretto contatto con il territorio e le persone, e imparare ad averne rispetto. A partire dai dipendenti dell’azienda che da sempre vivono in un’atmosfera green» commenta il Ceo di EOLO Luca Spada.

L’ultima iniziativa è stata la realizzazione di EOLO garden: un’area di 930mq, inaugurata a ottobre 2016 e ora nel pieno splendore primaverile, dove sotto le fronde di querce, tigli, ginko e frassino ci sono cinque aree relax e due grandi tavoli. Questo spazio è a disposizione di tutti i dipendenti ed è un luogo di aggregazione, collaborazione e riflessione. Anche il ristorante aziendale è curato nei minimi dettagli: il cuoco ogni giorno prepara nella cucina allestita in EOLO cibi pronti per essere consumati. Ma a disposizione dei dipendenti c’è anche una “area del fresco” dove ciascuno può prepararsi in autonomia una ricca insalata E il momento dei pasti diventa anche un’occasione per sviluppare la collaborazione: «Una volta al mese o in occasioni particolari viene organizzata una colazione a tema dove tutti si ritrovano per un momento di condivisione e di socializzazione, al di fuori della quotidianità e dell’ufficio –spiega sempre Luca Spada–. È un altro modo di fare rete».

EOLO è anche “sport friendly”. Molti dipendenti, oltre all’amministratore delegato Luca Spada, praticano la corsa in pausa pranzo. Per questo in azienda sono stati allestiti alcuni spogliatoi con docce per potersi preparare allo sport e cambiarsi per poi tornare al lavoro. Massima attenzione anche alla nutrizione. Cesti di frutta fresca e di stagione sono a disposizione dei dipendenti e i distributori automatici contengono anche prodotti biologici e salutari. A ogni piano è presente un distributore per l’acqua naturale, frizzante e calda. Ai dipendenti sono state regalate delle borracce e tazze per il tè personalizzate con il proprio nome, in modo da minimizzare gli sprechi di plastica e incentivare il riuso.

L’ambiente è infatti un tema centrale in EOLO. La raccolta differenziata è ormai buona prassi in tutti gli uffici e si fa un consumo attento della carta. Le nuove stampanti di EOLO sono “intelligenti” ed evitano gli sprechi di fogli: la stampa lanciata dal dipendente esce solo quando la persona si trova davanti alla macchina, ed è certo quindi che ritirerà il foglio. «In EOLO si stampa solo quando è davvero necessario –spiega sempre Luca Spada– e in questo modo nessun foglio sarà dimenticato nella stampante».

L’opera lirica torna a Varese dopo 70 anni: la città protagonista nella produzione del Don
Le notizie anche sulla carta da consumare al momento su fatti appena accaduti. A Glocal
Prima gara la “Brinzio Il giro del masso erratico” Seconda edizione per la manifestazione che

Microsoft compie 40 anni e Bill Gates scrive ai dipendenti

Per il quarantesimo anniversario della nascita di Microsoft, caduto il 4 aprile 2015, il co-fondatore della società, nonché l’uomo più ricco del mondo, Bill Gates, ha inviato una lettera ai dipendenti.

Inviata un giorno prima, la lettera dice: “Domani è un giorno speciale: è il 40esimo anniversario di Microsoft.

In principio, io e Paul Allen abbiamo fissato l’obiettivo di portare un computer su ogni scrivania e in ogni casa. Era un’idea audace e molti ci ritenevano pazzi ad immaginare che fosse possibile. E’ incredibile pensare quanto lontano si è spinta l’informatica da allora e possiamo essere orgogliosi del ruolo di Microsoft in questa rivoluzione.

Oggi, però, sto pensando molto di più al futuro di Microsoft che al suo passato. Credo che l’informatica si evolverà nei prossimi 10 anni più rapidamente di quanto non sia mai avvenuto. Viviamo già in un mondo multi-piattaforma e l’informatica diventerà ancor più pervasiva. Ci stiamo avvicinando al punto in cui i computer e i robot saranno in grado di vedere, muoversi e interagire con naturalezza, rendendo disponibili molte nuove applicazioni ed offrendo maggiori possibilità alle persone.

Sotto la guida di Satya, Microsoft è posizionata meglio che mai per condurre tale progressi. Abbiamo le risorse e la grinta per risolvere problemi complessi. Siamo coinvolti in ogni aspetto dell’informatica moderna ed abbiamo il più profondo impegno per la ricerca nel settore. Nel mio ruolo di consulente tecnico di Satya prendo parte parte all’esame dei prodotti e sono colpito dalla visione e dal talento che trovo. Il risultato è evidente in prodotti come Cortana, Skype Translator e HoloLens – e queste sono solo alcune delle molte innovazioni che stanno arrivando.

Microsoft ha l’opportunità di raggiungere nei prossimi anni un maggior numero di persone e organizzazioni in tutto il mondo. La tecnologia è ancora fuori portata per molte persone, perchè è complessa e costosa o semplicemente perchè non hanno possibilità di accedervi. Quindi spero che pensiate a ciò che potrete fare per rendere accessibile a chiunque il potere della tecnologia, al fine di mettere in contatto le persone l’una con l’altra e rendere il personal computing disponibile ovunque, anche se il concetto di ciò che il PC fornisce si fa strada in tutti i dispositivi.

Abbiamo fatto molto insieme durante i nostri primi 40 anni consentendo a innumerevoli imprese ed individui di realizzare il loro pieno potenziale. Ma ciò che più conta ora è quello che faremo dopo. Grazie per averci aiutato a rendere Microsoft un’azienda fantastica ora e nei decenni a venire.”

Oggi, con Satya Nadella, l’azienda, un colosso hi-tech da oltre 380 miliardi di dollari, è impegnata in quasi tutte le forme di consumo e di elaborazione aziendale, rimanendo tra le più grandi imprese del mondo per il valore di mercato.

Microsoft nacque in Albuquerque, nel 1975, per opera di da Bill Gates, allora 19enne, e Paul Allen, che aveva 22 anni.

Microsoft annuncia oggi Ambizione Italia per l’Inclusione e l’Accessibilità, un progetto di ecosistema volto promuovere i valori della Diversità nel nostro
Un tatuaggio d'oro che può essere collegato a uno smartphone è una delle ultime creazioni
Microsoft ha annunciato ieri che acquisterà il social network LinkedIn  per circa 26,2 milioni dollari.
La Commissione europea martedì insieme a Microsoft, Google, YouTube e Facebook ha presentato un codice

Beyonce e Jay – Z hanno regalato ai dipendenti un bonus di 45.000 dollari ciascuno

Beyonce.Jay - ZBeyonce e Jay – Z hanno deciso di offrire 45.000 dollari a ciascun dipendente.

Una fonte, dopo che la somma era stata accreditata sul conto corrente delle ottanta persone che sono alle dipendenze della coppia, ha detto al DailyStar: “nessuno è stato dimenticato. Molti di loro hanno chiamato per segnalare che c’era stato un errore”.

In ogni caso, tale importo non inciderà più di tanto sul conto in banca della coppia, la cui fortuna è stimata in più di un miliardo di dollari.
Leggi tutto “Beyonce e Jay – Z hanno regalato ai dipendenti un bonus di 45.000 dollari ciascuno”

Il parere di Kate Middleton è molto importante per il principe Harry, così ha voluto
Tra accuse di violenza domestica e infedeltà, il percorso di divorzio tra Amber Heard e
Dopo cinque anni, Lady Gaga e Taylor Kinney, pare che abbiano chiuso il loro rapporto.
I continui cambiamenti di casa da parte di Brad Pitt e Angelina Jolie, a causa