Assumere più vegetali per proteggere il cuore

Passare a una dieta con più vegetali riduce il rischio di morire di infarto o ictus di un terzo, diminuendo anche di un quarto le probabilità di morire, presto, per qualsiasi causa.

I risultati di un nuovo studio, pubblicati sul Journal of American Heart Association, suggeriscono che, semplicemente, ridurre la quantità di carne porta a una migliore salute del cuore.

Il team di ricerca, guidato da Casey Rebholz, ha esaminato un database con informazioni sull’assunzione di cibo di oltre 10.000 adulti statunitensi di mezza età.

I soggetti, che sono stati monitorati dal 1987 al 2016, non avevano malattie cardiache all’inizio dello studio.

Gli esperti hanno classificato i modelli alimentari dei partecipanti in base alla proporzione di alimenti di origine vegetale che mangiavano rispetto agli alimenti di origine animale.

Hanno scoperto che le persone che avevano mangiato nel complesso più vegetali avevano avuto un rischio inferiore del 16% di soffrire di infarto, ictus, insufficienza cardiaca o altre patologie cardiache.

Avevano anche un rischio inferiore del 32% di morire per malattie cardiovascolari e un rischio inferiore del 25% di morire per qualsiasi causa rispetto a quelli che consumavano una minima quantità di alimenti a base vegetale.

Secondo gli esperti, non è necessario eliminare tutti i prodotti di origine animale per avere benefici, si può trarre vantaggio dal consumo di più frutta e verdura, cereali integrali, fagioli, lenticchie, noci e semi.

Le diete a base di vegetali migliorano il controllo glicemico, portano alla perdita di peso
Gli esperti dicono che, per la salute e l'equilibrio del corpo, è importante mangiare almeno
Gli scienziati dell'Università Western Australia (UWA) hanno scoperto che le piante sentono quando uno le

Diabete e malattie cardiovascolari: le diete a base di vegetali aiutano

Le diete a base di vegetali migliorano il controllo glicemico, portano alla perdita di peso e ad un colesterolo ottimale nelle persone con diabete di tipo 2, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Clinical Nutrition .

Per giungere a queste conclusioni, ricercatori hanno esaminato nove studi, che avevano valutato l’efficacia delle diete vegane e vegetariane nei pazienti diabetici. I risultati hanno mostrato che coloro che si erano nutriti seguendo una dieta a base vegetale avevano abbassato il loro colesterolo, avevano perso peso e migliorato altri fattori di rischio cardiometabolico, rispetto a quelli che avevano seguito una dieta non vegetariana.

I diabetici hanno da due a quattro volte più probabilità di morire per malattie cardiovascolari rispetto a chi non ha il diabete.

Il legame tra diabete e malattie cardiovascolari è forte: dal 60% al 70% delle persone che soffrono di diabete di tipo 2 muore di malattie cardiache, dice la co-autrice dello studio, Hana Kahleova, direttore della ricerca clinica presso il Physicians Committee di Washington. Seguire una dieta a base vegetale, tuttavia, può ridurre il rischio di problemi cardiaci e migliorare il diabete di tipo 2, ha detto l’esperta diabetologa.

Gli autori dello studio suggeriscono che le diete a base vegetale, che si concentrano su frutta, verdura, cereali e legumi, aiutano sia il controllo glicemico che la salute cardiovascolare, perché sono a basso contenuto di grassi saturi, ricche di sostanze fitochimiche e di fibre e spesso sono a base di alimenti a basso indice glicemico.

 

Passare a una dieta con più vegetali riduce il rischio di morire di infarto o
Gli esperti dicono che, per la salute e l'equilibrio del corpo, è importante mangiare almeno
Gli scienziati dell'Università Western Australia (UWA) hanno scoperto che le piante sentono quando uno le