Gli esercizi che contrastano i geni dell’obesità

Il sovrappeso e l’obesità portano migliaia di persone a iniziare una dieta e a fare esercizio fisico, tutte cose che non si seguono facilmente  e che spesso non generano i risultati attesi.

Gli esercizi fisici che vengono eseguiti, le diete prescritte e i fattori genetici hanno alcune implicazioni. E sebbene i risultati possano essere raggiunti, alla fine, per alcuni il processo è più semplice che per altri.

Un gruppo di scienziati dell’Università Nazionale di Taiwan, ha condotto uno studio, analizzando gli esercizi che più aiutano nella perdita di peso, anche le persone geneticamente inclini all’obesità.

In questo studio, pubblicato su PLOS Genetics, sono stati esaminati 18.424 adulti cinesi, le cui età andavano dai 30 ai 70 anni, tenendo conto dell’interazione della genetica con l’esercizio fisico eseguito.

Sono stati utilizzati dati come l’indice di massa corporea, la percentuale di grasso corporeo e il rapporto vita-fianchi.

E’ emerso che cinque esercizi sono più efficaci per perdere peso nelle persone con una maggiore predisposizione genetica all’obesità:

– Correre
– Camminare senza fermarsi
– Camminare intensamente
– Arrampicarsi
– Fare Yoga

Altri sport, come il ciclismo, il nuoto o la danza, non sarebbero invece così efficaci in persone con predisposizione all’obesità.

Tuttavia, lo studio sottolinea che la regolarità influisce anche sul raggiungimento dei buoni risultati e non esclude la pratica abituale di qualsiasi esercizio fisico, oltre a una dieta messa a punto da un medico nutrizionista.

 

Migliora l’umore e lo stato di salute mentale in cella, riduce la propensione a comportamenti
Yoga garudasana eagle pose Meno occhiaie, meno rughe e pelle più
Yoga garudasana eagle pose La pratica dello yoga, scienza ed arte

Si può fare movimento anche senza andare in palestra

Si può fare movimento e mantenersi in buona forma fisica, anche senza andare in palestra.

Molti sono i modi per potersi esercitare fisicamente. Camminare, ad esempio.

Oggi, è di moda usare il cellulare, con un’app per contare i passi quotidiani. Un obiettivo minimo di 7.000 passi al giorno, che si può aumentare ogni due settimane di 1.000 passi fino a raggiungere 12.000 passi al giorno, è un buon modo di fare esercizio fisico.

A casa, inoltre, ogni volta che ci si siede su una qualsiasi sedia, su un divano o qualcosa di simile, si può fare il gesto di sedersi e alzarsi 3 volte prima di sedersi effettivamente. Nel corso di tutta la giornata si faranno molti squat che permetteranno di tonificare il tronco inferiore.

Se si ha un tavolo o un letto solido, lo si può usare per fare delle flessioni. Si devono solo appoggiare le mani sul bordo della spalliera e portare il torace sul tavolo o sul letto mantenendo i gomiti vicini alle costole.

Anche saltare con la corda può essere un buon esercizio. Si può iniziare alternando i piedi per poi saltare con entrambi nello stesso tempo, senza rimbalzare.

E’ bene iniziare sempre con degli esercizi di riscaldamento. Correre sul posto per 3 – 5 minuti può essere sufficiente.

Sono solo alcune indicazioni per esemplificare che, anche stando a casa, se si vuole, si può fare esercizio fisico, tenendosi in forma, con poca spesa.

Un bicchiere di vino rosso equivale a un'ora in palestra e aiuta a dimagrire, secondo
Più a suo agio di fronte a migliaia di spettatori che in una palestra, Adele
L'82% degli infedeli intervistati ammette di avere problemi di coppia La mancanza di sesso e

Correre protegge dai danni dello stress cronico

La corsa può aiutare a prevenire gli effetti negativi dello stress e proteggere la regione del cervello responsabile dell’apprendimento e della memoria, secondo un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Neurobiology of Learning and Memory.

All’interno dell’ippocampo, la formazione della memoria e dei ricordi funziona in modo ottimale quando le sinapsi o le connessioni tra i neuroni vengono rafforzate nel tempo.

Questo processo di rafforzamento sinaptico è chiamato potenziamento a lungo termine (LTP).

Lo stress cronico o prolungato indebolisce le sinapsi, diminuendo la LTP e alla fine ha un impatto negativo sulla memoria.

Lo studio ha rilevato che quando l’attività fisica si verificava in concomitanza con lo stress, i livelli di LTP non diminuivano, ma rimanevano normali.

LO STUDIO

I ricercatori per giungere alle loro conclusioni hanno effettuato degli esperimenti con dei topi.

Un gruppo di animali ha corso per un periodo di 4 settimane (in media cinque chilometri al giorno) mentre un altro gruppo di topi è stato sedentario.

La metà di ciascun gruppo è stata quindi esposta a situazioni stressanti, come camminare su una piattaforma sopraelevata o nuotare in acqua fredda.

Un’ora dopo i ricercatori hanno condotto esperimenti sul cervello degli animali per misurare l’LTP.

LE CONCLUSIONI

E’ emerso che i topi stressati, che avevano corso, mostravano una LTP significativamente maggiore rispetto ai topi stressati sedentari.

I ricercatori hanno anche scoperto che i topi stressati che si esercitavano si comportavano come i topi non stressati che erano in un labirinto, per i test di memoria.

Hanno anche scoperto che con l’esercizio fisico i topi facevano meno errori di memorizzazione nel labirinto, rispetto ai topi sedentari.

“L’esercizio fisico è un modo semplice ed economico per eliminare gli impatti negativi dello stress cronico sulla memoria”, ha dichiarato Jeff Edwards, professore associato nella Brigham Young University, negli Stati Uniti, autore dello studio.

no studio condotto da neurologi dell'Università dell'Oregon (USA) ha rivelato che un breve set di
Se dormiamo una ragione deve pur esserci. E' opinione comune che il sonno serva per
Bere per dimenticare è un'illusione. In effetti l'alcol non solo non cancella i brutti ricordi,

Calorie: meglio fare sesso o sport?

Uno studio condotto dai ricercatori dell’Università del Québec, in Canada, ha trovato che per dimagrire è meglio fare sport.

La mattina perciò è meglio andare a correre piuttosto che indugiare tra le lenzuola col proprio uomo.

La ricerca canadese ha trovato che chi aveva fatto sport aveva consumato tre volte più calorie di chi aveva fatto sesso.

Per arrivare a questa conclusione, gli studiosi hanno preso in esame 21 coppie, di età compresa tra i 18 e i 35 anni, dotate di sensori per misurare la loro spesa energetica.

Per una settimana, i partecipanti hanno dovuto correre per 30 minuti ad un ritmo medio e in seguito fare sesso.

E’ emerso che le donne, le quali avevano fatto sport, avevano consumato, in media, 213 calorie e contro le sole 69 durante il sesso.

Anthony Karelis, uno dei ricercatori, ha detto che, comunque, fare l’amore a moderata intensità richiede più energia che camminare ad una velocità di 4,8 km / h, anche se non si brucia tanto quanto in una sessione di jogging.

 

Per una coppia decidere di diventare genitori è una scelta molto importante. E sul tema
Una vita sessuale soddisfacente dipende anche dal percorso compiuto prima di arrivare in camera da
A pochi giorni dalla Giornata internazionale contro la tratta di esseri umani, Save the Children
Solo il 16% dei maschi italici over 35 desidererebbe essere come un attore porno; il 59% riconosce che si