Gravidanza: la vitamina B9 riduce il rischio di autismo del neonato

Newborn baby girl
Assumere integratori di vitamina B9 prima e all’inizio della gravidanza riduce del 40% il rischio di autismo nel neonato, secondo uno studio internazionale.

Una ricerca, condotta in Norvegia su 85.000 bambini nati tra il 2002 e 2008, le cui madri avevano assunto vitamina B9 o acido folico, ha confermato le virtù protettive di questo componente sul cervello dei bambini non ancora nati.

Uno studio precedente aveva rilevato questo fatto, evidenziando che una carenza di vitamina B9 durante la gravidanza aumenta significativamente il rischio di malformazioni del sistema nervoso primitivo dell’embrione.

Due anni fa, una ricerca, fatta sempre in Norvegia, aveva mostrato i figli delle madri che avevano preso integratori di vitamina B9 all’inizio della loro gravidanza avevano due volte meno probabilità di avere ritardi nello sviluppo del linguaggio.

Secondo il recente studio, pubblicato sul Journal of American Medical Association (JAMA), per ridurre il rischio di autismo infantile le madri dovrebbero assumere vitamina B9 da quattro settimane prima dell’inizio della gravidanza a otto settimane dopo.

La vitamina B9 si trova in abbondanza soprattutto nelle verdure a foglia verde, nei piselli, nelle lenticchie, nei fagioli e nelle uova.

Bere un po' di alcol aiuta, più che fare esercizio fisico, le persone anziane, permettendo
Secondo Save the Children, in Italia, 1 milione e 131 mila minori vivono in povertà
L'aspettativa di vita globale è aumentata, ma non si vive in buona salute, in vecchiaia.
I ricercatori dell'Università di Rochester hanno sviluppato un'applicazione che può analizzare i selfie video e

Massiccia partecipazione alla Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

Violenza-contro-le-donne
Migliaia di persone giovedì hanno manifestato in tutto il mondo nel contesto della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne.

Secondo il movimento One Billion Rising, una donna su tre nel mondo viene picchiata o violentata nel corso della sua vita.

La manifestazione di protesta è stata promossa da Eve Ensler, l’autrice dei ‘Monologhi della vagina’.

Sul sito One Billion Rising numerosi video testimoniano la massiccia adesione all’iniziativa delle donne che hanno fatto sentire il loro grido di dolore per una situazione davvero grave.

Nella nostra ‘civilissima’ Italia, solo l’anno scorso, sono state uccise dai loro compagni, da chi comunque avrebbe dovuto amarle, 127 donne.

Si intitola La violenza sugli operatori sanitari l’incontro organizzato dall’Ordine Provinciale Dei Medici Chirurghi e Degli Odontoiatri
Sarà dedicato al tema “violenza e moleste sessuali su donne con disabilità” l’iniziativa MI MERITO UN
Si terrà il prossimo 16 ottobre alle 10 presso Palazzo Marino in Sala Alessi il
Soccorso Rosa Onlus insieme a Casa dei Diritti organizzano un incontro di studio sui limiti

Cancro: nuove speranze dalla molecola TIC10

lex-miss-venezuela-morta-di-cancro
Alcuni ricercatori americani hanno identificato una molecola che può condurre al “suicidio” le cellule tumorali, anche nelle aree difficili del corpo, cervello compreso.

Come scrivono su “Science Translational Medicine ‘ i ricercatori della Pennsylvania State University, la molecola TIC10 attiva il gene della proteina TRAIL che causa l’apoptosi delle cellule tumorali.

La molecola TRAIL è nel nostro sistema immunitario e impedisce la formazione o la diffusione dei tumori.

Questo processo, però, si disattiva quando inizia a svilupparsi e ad espandersi un cancro, con una conseguente moltiplicazione incontrollata delle cellule tumorali.

L’apoptosi è un meccanismo autodistruttivo interno al nostro corpo, geneticamente predeterminato contro le cellule tumorali.

Test fatti sui topi dai ricercatori della Pennsylvania State University hanno mostrato che la molecola TIC10 attivando il gene della proteina TRAIL può curare varie forme di cancro (polmonare, al colon, al seno e perfino al cervello).

“Non ci aspettavamo che questa molecola potesse anche curare i tumori cancerosi del cervello – ha ammesso il Wafik El-Deiry, uno dei ricercatori – scoprirlo è stata una piacevole sorpresa”.

La ricerca ha mostrato che la molecola stimola l’azione della proteina nelle cellule che non sono diventate ancora cancerose, ma hanno già iniziato a trasformarsi in modo pericoloso. Inoltre, aumenta il numero di recettori della proteina sulla superficie delle cellule, aumentando così la capacità di combattere il cancro.

La molecola TIC10 “sembra essere un mezzo promettente per combattere i tumori difficili, aiutando un meccanismo sicuro già posseduto dal corpo umano”, ha spiegato il dottor Wafik El-Deiry, aggiungendo che l’utilizzo di questa cura non presenta la tossicità della chemioterapia.

In giorni in cui l’argomento ILVA e il suo rischio chiusura sono quanto mai attuali,
C’è una minor prevalenza di cancro ai polmoni con il consumo regolare di fibre e
"I Linfomi non Hodgkin di tipo aggressivo sono neoplasie che con la terapia corrente si

Madre con un bacio dà la droga al figlio carcerato

carcereUna madre 54enne di New York City è riuscita a dare della droga al figlio detenuto, baciandolo sulla bocca.

Secondo gli agenti della contea di Yates, la donna ha fatto visita a suo figlio, un 30enne detenuto per possesso illegale di pistola, la settimana scorsa e gli ha dato delle pillole di Ossicodone che aveva sotto la lingua con i suoi baci.

La 54enne, tuttavia, ha negato tutto. E’ stata arrestata, ma poi è stata liberata su cauzione

Il pasto in viaggio? Per scelta alimentare o motivi di salute purché sia “senza glutine”!
L’artigianalità del Made in Italy ha fatto scuola nella Grande Mela: il 17 e 18
Amore, famiglia, salute...e, indubbiamente, un buon lavoro! Questi i capisaldi della felicità secondo gli italiani,
NYC & Company, ente del turismo di New York City, presenta la nuova edizione dellaNYC