Cala l’udito si restringe il cervello

Le persone con problemi di udito, invecchiando, subiscono più velocemente il restringimento del cervello, secondo un nuovo studio.

Studi precedenti avevano dimostrato che le persone anziane, se erano audiolese, tendevano ad avere anche una più rapida degenerazione della memoria e di altre abilità mentali, rispetto a chi sentiva normalmente.

È noto che il cervello si riduce con l’età, ma gli scienziati della Johns Hopkins University, a Baltimora, e del National Institute on Aging, sempre negli Usa, volevano vedere se questo è associato a una compromissione dell’udito.

Così, hanno esaminato 126 volontari 56enni, che a intervalli regolari per un decennio sono stati sottoposti a controlli per registrare i cambiamenti del loro cervello.

Di loro, 51 erano audiolesi.

E’ emerso che in loro il cervello si era ristretto più velocemente con il passare del tempo.

In media, il loro cervello si era ridotto circa di un centimetro cubo in più, in un anno, rispetto ai volontari senza problemi di udito.

Potrebbero interessarti anche...