Categorie
Cultura e Società News Notizie Viaggi

Arabia Saudita, Maraya premiata per l’architettura

Condividi

Maraya è la struttura polifunzionale per concerti e spettacoli di AlUla, destinazione situata nel nord-ovest dell’Arabia Saudita, ed è stata premiata con uno dei principali riconoscimenti di architettura al mondo.

AlUla è una destinazione di importanza globale con 200.000 anni di storia e cultura ed è crocevia di antiche civiltà. Architizer A+ Awards è il più grande programma di premi al mondo focalizzato sulla promozione e la celebrazione della migliore architettura dell’anno.

Il premio è organizzato ogni anno dalla newyorkese Architizer.com, una community online composta da oltre 7 milioni di persone che lavorano con i principali architetti del mondo, e consiste nella selezione di 5 finalisti effettuata da una giuria di pari. Ogni categoria prevede un vincitore eletto dalla giuria ed uno eletto da un pubblico composto da esperti e appassionati di architettura.

Finalista della categoria Architecture + Glass, Maraya è stata selezionata da illustri luminari di diversi settori come design, tecnologia, edilizia e moda. I finalisti sono stati scelti per la loro eccellenza architettonica, basandosi su criteri quali forma, funzionalità e impatto.

Maraya ha ottenuto il massimo dei voti dal pubblico nella sua categoria ricevendo il riconoscimento 2020 Popular Choice Winner.

Philip Jones, Chief Destination Management and Marketing Officer della Royal Commission for AlUla (RCU) ha accolto l’annuncio dichiarando che, nonostante Maraya sia chiusa in questo momento per ulteriori miglioramenti, la struttura avrà un ruolo chiave quando riaprirà ufficialmente ai visitatori alla fine del 2020 e sarà visitabile in qualsiasi periodo dell’anno.

“Credo sia molto gratificante vincere il premio del pubblico: i visitatori rimangono veramente affascinati da Maraya e dalla sua capacità di fondersi alla perfezione con l’ambiente circostante”.

“Maraya è stata concepita e progettata in linea sia con la Vision 2030 dell’Arabia Saudita che con i valori fondamentali di RCU per sviluppare AlUla, utilizzando un approccio sensibile e responsabile. AlUla è una meraviglia archeologica di grande importanza che non è ancora stata scoperta e non vediamo l’ora di dare il benvenuto al mondo quando riapriremo i siti”, ha commentato Philip Jones.

Maraya è una delle meraviglie architettoniche del mondo, 9.740 metri quadri di specchi, forniti da Guardian Glass, ricoprono la struttura a forma di cubo e riflettono i vasti e incantevoli paesaggi di AlUla che la circondano. Il teatro, alto 26 metri, nel 2019 ha stabilito un Guinness World Record in qualità di edificio a specchi più grande del mondo.

Maraya dispone di una gigantesca vetrata retrattile di 800 metri quadri che crea uno scorcio sul paesaggio naturale circostante, offrendo agli spettatori un’esperienza che fonde alla perfezione natura e intrattenimento.

Maraya, che in arabo significa specchio, ha un cuore che parla italiano. La struttura è stata progettata dal designer Florian Boje, studio Giò Forma di Milano, traendo ispirazione dal paesaggio naturale in cui si trova, esattamente come la natura ha ispirato l’architettura e l’arte di numerose civiltà dai tempi dei Nabatei fino ai giorni nostri. Il project management è anch’esso italiano e ha preso vita sotto la guida di Massimo Fogliati e Fabio Pavanetto di Black Engineering.

Numerosi artisti della scena internazionale, fra cui Andrea Bocelli, Lionel Richie e Yanni, si sono esibiti alla Maraya Concert Hall. Il sito è stato recentemente luogo di riprese per spot pubblicitari dei brand di lusso Cartier, Rolls Royce e Monot.

“AlUla è stata crocevia di scambi culturali per millenni e, grazie a Maraya, abbiamo fatto un passo avanti verso la realizzazione della nostra visione che prevede di ricreare un luogo in cui sognare, che ispiri e faciliti la condivisione di culture e idee”, ha commentato Philip Jones.

Un altro obiettivo di RCU è sviluppare l’economia per i residenti e le imprese locali attraverso un’ambiziosa strategia di eventi aziendali. Grazie alla sua posizione centrale nell’area GCC e a miglioramenti tra cui una maggiore capacità, un piano conferenze dedicato, un ristorante al piano terra e una splendida terrazza, quando riaprirà alla fine del 2020 Maraya sarà un luogo ideale per ospitare eventi locali e internazionali del mondo del business, conferenze, matrimoni e altri eventi speciali.