Categorie
News Tecnologia

Tessuti per strutture all’aperto, contro il Coronavirus

Condividi

Spiagge, parchi, dehor di ristoranti, palestre, centri benessere e ogni altro spazio all’aperto. L’emergenza sanitaria e la necessità di nuove misure per contrastarla, porta la Arrigoni Spa, azienda leader europea negli schermi agrotessili per il controllo climatico e biologico delle coltivazioni, a mettere a disposizione la sua eccellenza nell’innovazione tecnologica adattando la sua produzione a un nuovo progetto per garantire la sicurezza e il distanziamento sociale imposto dalla convivenza con il Covid -19 e venire incontro a questa nuova e specifica esigenza. L’azienda comasca ha studiato “DELIMITA”, speciali tessuti tecnici che consentendo di mantenere la giusta distanza socialeriducono quasi del tutto la possibilità di contagio annullando l’effetto “dropled” e garantiscono il passaggio e il ricambio d’aria con un comfort nettamente superiore rispetto ad altre barriere come, ad esempio, il plexiglass. Facilmente installabili, lavabili e sanificabili, queste barriere garantiscono una lunga durata, hanno un aspetto elegante e riducono enormemente i costi rispetto alle altre proposte sul mercato.

A partire dal costo, dunque, che è di circa 2 euro al metro quadronumerosi sono i vantaggi di DELIMITA: installati a doppio strato in barriere verticali su apposite palificazioni, rappresentano un chiaro riferimento – visivo e fisico, privato e sicuro – dello spazio che occupiamo soli o con la nostra famiglia alla distanza sociale necessaria nelle aree esterne fra cui: parchi, spiagge, lidi, ristoranti, alberghi, aree esterne di centri sportivi, locali pubblici, supermercati e negozi, aree gioco per l’infanzia, giardini condominiali, residence, percorsi salute, nelle riunioni all’aperto e in tutte quelle zone frequentate da più persone o come schermo ombreggiante per le code all’esterno.

Questo particolare materiale abbatte il rischio di essere raggiunti da “droplet” (vettori di cariche batteriche/virali) che possono venire in contatto con noi spinte dal vento o da correnti d’aria. La rete si comporta come un “filtro inerziale” e costituisce un’efficace protezione per goccioline d’acqua (droplet) prioettate in aria da colpi di tosse o starnuti. DELIMITA infatti consente di lasciare passare una giusta quantità d’aria (corretta permeabilità) e di schermare le goccioline liquide, potenziali vettori di carica virale, risolvendo il problema di una sicura frequentazione di spazi comuni da parte di più persone.

 

Il prodotto è l’esito di un’apposita linea di ricerca e sviluppo del Gruppo Arrigoni che congloba le due esigenze e trova il suo utilizzo in spazi aperti comuni in piena sicurezza. Test sperimentali evidenziano quanto, per effetto della presenza della schermatura a rete, la quantità di droplet che possono raggiungere una persona sia drasticamente ridotta con la conseguenza di un rischio di contagio molto limitato.

 

DELIMITA nasce dall’idea di mutuare l’esperienza dall’aria al flusso di acqua nebulizzata, di passare dalla protezione delle piante alla protezione degli uomini. Un apposito Team R&D di Arrigoni studia, da diversi anni, il tema del passaggio d’aria attraverso i tessuti a rete. Test appositi sulle reti già concepiti per bloccare il flusso di vettori di virus per la protezione delle piante, vengono dunque applicate ora alla protezione delle persone.

“La nostra protezione si comporta come un “filtro inerziale”, in grado di ridurre quasi completamente il passaggio di vettori di cariche batteriche e virali – dichiara Paolo Arrigoni presidente di Arrigoni Spa -. Al tempo stesso, DELIMITA crea un microclima gradevole, difende dal caldo e dal vento e costa mediamente dieci volte in meno del plexiglass”.

I tessuti della gamma DELIMITA sono fabbricati e garantiti da Arrigoni S.p.A., gruppo industriale italiano fondato nel 1936 e specializzato nella produzione di tessuti tecnici per l’agricoltura.

DELIMITA è in commercio da lunedì 27 aprile in due versioni: trasparente e opaca.