Categorie
Lifestyle Salute

La mancanza di vitamina D può causare danni al cervello

Condividi

La mancanza di vitamina D può causare danni al cervello, secondo una nuova ricerca dell’University of Kentucky, pubblicata su Free Radical Biology and Medicine.

I supplementi di vitamina D hanno guadagnato popolarità negli ultimi mesi, a causa del ruolo che questa vitamina svolge nel mantenimento della salute delle ossa, ma le più recenti ricerche hanno dimostrato che essa è anche essenziale per altri organi e tessuti, compreso il cervello.

Uno studio fatto su alcuni ratti di mezza età, che avevano avuto un basso di vitamina D, per diversi mesi, ha mostrato che gli animali avevano riportato danni al cervello e un notevole declino cognitivo, emerso nei test di memoria e di apprendimento.

“Livelli sierici adeguati di vitamina D sono necessari per prevenire i danni dei radicali liberi al cervello”, ha detto Allan Butterfield, uno degli autori dello studio.

“In precedenza, bassi livelli di vitamina D erano stati associati alla malattia di Alzheimer e collegati anche allo sviluppo di alcuni tumori e malattie cardiache”, ha aggiunto.

Secondo Butterfield, uomini e donne dovrebbero misurare i loro livelli di vitamina D e, se questi risultano bassi, dovrebbero incominciare a mangiare alimenti che sono ricchi di vitamina D, iniziare ad assumere integratori e stare ogni giorno almeno 10 – 15 minuti al sole.