Categorie
In evidenza Lifestyle Salute

La dieta mediterranea favorisce la longevità

Condividi

Un nuovo studio pubblicato su BMJ journal Gut ha scoperto che seguire la dieta mediterranea per un solo anno può alterare il microbioma delle persone anziane migliorando la funzione cerebrale e favorendo la longevità.


Lo studio ha scoperto che la dieta può inibire la produzione di sostanze chimiche infiammatorie che possono portare alla perdita della funzione cognitiva e prevenire lo sviluppo di malattie croniche come diabete, cancro e aterosclerosi.

La dieta mediterranea ha benefici anche nella vecchiaia, suggerisce lo studio. La scienza ha dimostrato che con l’età, i tipi e la quantità di microbi presenti nell’intestino si riducono. Una dieta povera è particolarmente comune tra gli anziani, nelle case residenziali a lungo termine e in chi vive da solo. Anche i problemi di salute e dentistici possono rendere difficile per gli anziani seguire una dieta equilibrata.

Man mano che la diversità dei batteri diminuisce, crescono i processi infiammatori legati all’età che possono portare a al cancro, a disturbi neurologici e a altre malattie.

Lo studio ha analizzato il microbioma intestinale di 612 anziani di Francia, Italia, Paesi Bassi, Polonia e Regno Unito, prima di metterne 323 a dieta speciale, per un anno.

La dieta era stata progettata per gli anziani e si basava su molta frutta, verdura, noci, legumi, olio d’oliva e pesce. Poca era invece carne rossa, scarsi gli zuccheri e grassi saturi.

Il resto del gruppo, composto da 65-79enni, ha invece nello studio, continuato a mangiare come sempre, per 12 mesi.

Alla fine dell’anno, coloro che avevano seguito la dieta mediterranea avevano registrato cambiamenti benefici al microbioma, nel loro sistema digestivo. La perdita della diversità batterica era stata rallentata e la produzione di marker infiammatori potenzialmente dannosi come la proteina C reattiva e l’interleuchina-17 era stata ridotta.
Allo stesso tempo, c’era stato uno sviluppo di batteri benefici in grado di migliorare la memoria e la funzione cerebrale dei partecipanti.