Consumo di cacao utile nell’arteriopatia periferica

Un nuovo rapporto dell’American Heart Association ha rivelato che il consumo di cacao può migliorare le prestazioni del camminare nei pazienti con arteriopatia periferica.

La malattia consiste in un restringimento delle arterie che riduce il flusso sanguigno. I sintomi più comuni sono dolore, senso di oppressione, crampi, debolezza o altri disagi nei muscoli delle gambe mentre si cammina.

La ricerca pubblicata sulla rivista Circulation Research, ha rivelato che i risultati di un piccolo studio hanno trovato che i pazienti con arteriopatia periferica sono migliorati bevendo cacao tre volte al giorno per sei mesi.

Il cacao utilizzato nello studio era quello comunemente disponibile in polvere di cacao non zuccherata.

I partecipanti allo studio avevano bevuto 15 grammi di cacao tre volte al giorno, per sei mesi.

Il piccolo studio fatto su 44 pazienti di età superiore ai 60 anni con arteriopatia periferica, ha trovato che coloro che avevano bevuto il cacao, sostanza ricca di flavanoli, avevano anche migliorato il flusso sanguigno ai polpacci e la funzione muscolare, rispetto al gruppo che aveva assunto solo un placebo.

L’autrice principale dello studio Mary McDermott, MD, professore nella Feinberg School of Medicine della Northwestern University di Chicago, ha dichiarato che oltre alla riduzione del flusso sanguigno alle gambe, le persone con arteriopata periferica avevano danni ai mitocondri nei muscoli del polpaccio, forse a causa della riduzione del flusso sanguigno.

I mitocondri sono conosciuti come la centrale elettrica della cellula, che converte il cibo in energia.

I ricercatori hanno ipotizzato che l’epicatechina, un importante componente del flavanolo del cacao, possa aumentare l’attività mitocondriale e la salute dei muscoli nei polpacci dei pazienti, oltre al flusso sanguigno.

I ricercatori hanno scoperto un aumento dell’attività mitocondriale, una maggiore densità capillare e altri miglioramenti della salute muscolare in coloro che avevano consumato il cacao.

Il consumo di cacao non aveva avuto alcun effetto, invece, sulle prestazioni in un tapis roulant.

Tuttavia, McDermott ha spiegato che il tapis roulant e il test di camminata sono misure distinte di resistenza alla camminata e non rispondono in modo identico alla stessa terapia.