Categorie
In evidenza Lifestyle Salute

L’esercizio aerobico tiene lontano l’Alzheimer

Condividi

Alcuni ricercatori, negli Stati Uniti, hanno fatto uno studio per vedere se l’esercizio aerobico può migliorare la funzione cerebrale negli adulti sani, ma sedentari, e di mezza età, con una storia familiare o con predisposizione genetica per il morbo di Alzheimer.

I risultati di questo studio apparsi su Brain Plasticity, dicono che il programma di esercizi aerobici migliora la funzione cerebrale.

Gli studiosi per fare questa analisi avevano reclutato 23 volontari di mezza età con una storia familiare o una predisposizione genetica per la malattia di Alzheimer.

I volontari erano generalmente sani ma avevano uno stile di vita sedentario.

Essi sono stati assegnati in modo casuale a ricevere un programma supervisionato di 26 settimane di allenamento con tapis roulant aerobico di intensità moderata tre volte a settimana (gruppo di attività fisica potenziata) o a ricevere consigli generali sul mantenimento di una vita sana ma nessun programma di allenamento (gruppo di controllo).

I ricercatori hanno testato l’idoneità cardiorespiratoria dei volontari, l’attività fisica quotidiana e la funzione cognitiva, all’inizio dello studio e dopo il programma di 26 settimane. I volontari hanno anche fatto dei test di imaging del cervello all’inizio e alla fine dello studio per misurare il metabolismo del glucosio nel cervello, cosa che misura la salute dell’organo.

Entro la settima settimana, i partecipanti si sono esercitati al 70-80% della loro frequenza cardiaca per 50 minuti a sessione, per raggiungere i 150 minuti di attività a intensità moderata a settimana in conformità con le linee guida di sanità pubblica

E’ emerso che i volontari del gruppo, che aveva praticato l’attività aerobica, aveva migliorato la forma cardiorespiratoria e riusciva meglio sulla maggior parte degli aspetti nei test cognitivi, rispetto a quelli del gruppo di controllo. Il miglioramento della capacità cardiorespiratoria era associato ad un aumento del metabolismo del glucosio cerebrale in un’area del cervello collegata alla malattia di Alzheimer.

Questa ricerca mostra che un regolare esercizio aerobico può potenzialmente migliorare le funzioni cerebrali e cognitive che sono particolarmente sensibili alla malattia di Alzheimer, ha commentato il dott. Ozioma Okonkwo, uno degli autori principali dello studio.