La nanoparticella che elimina le placche aterosclerotiche

Gli scienziati della Michigan State University e della Stanford University hanno inventato una nanoparticella che mangia le placche che causano gli attacchi di cuore.

La nanoparticella, chiamata “Trojan Horse”, può essere diretta a eliminare dei detriti, riducendo e stabilizzando la placca.

La scoperta potrebbe essere un potenziale trattamento per l’aterosclerosi.

I risultati dello studio, apparsi su Nature Nanotechnology , dicono che la nanoparticella va sulla placca aterosclerotica e si dirige verso un particolare tipo di cellula immunitaria (monociti e macrofagi).

Una volta all’interno dei macrofagi in quelle placche, la nanoparticella rilascia un agente farmacologico che stimola la cellula a inghiottire e mangiare i detriti cellulari. Fondamentalmente, rimuove le cellule malate e morte nel nucleo della placca. Rinvigorendo i macrofagi, la dimensione della placca viene ridotta e stabilizzata.

Smith ha affermato che i futuri studi clinici sulla nanoparticella dovrebbero ridurre il rischio della maggior parte dei tipi di attacchi cardiaci, con effetti collaterali minimi.

Precedenti studi avevano agito sulla superficie delle cellule, ma questo nuovo approccio funziona in modo intracellulare ed è stato efficace nella stimolazione dei macrofagi.

“Abbiamo scoperto che potremmo stimolare i macrofagi a mangiare selettivamente le cellule morte e morenti – queste cellule infiammatorie precorrono l’aterosclerosi – che causano gli attacchi di cuore”, ha detto Smith. “Potremmo consegnare una piccola molecola all’interno dei macrofagi per dire loro di ricominciare a mangiarle”.