Categorie
Notizie

Una residenza sostenibile dedicata al Dopo di noi

Condividi

Cosa sarà di nostro figlio quando non ci saremo più noi ad assisterlo? Questa è la domanda più frequente che preoccupa le famiglie nelle quali è presente un membro disabile fisico o psichico. L’Associazione Lunigianese Disabili (ALDI) ha per questo motivo progettato una struttura con funzione di abitazione per ospitare persone disabili, che sarà realizzata da Rubner Haus nel pieno rispetto dell’ambiente.

A Filetto, una frazione di Villafranca in Lunigiana (MS), verrà realizzata a inizio 2020 una struttura di 365 mq che avrà lo scopo di aiutare 5 persone con disabilità, nella fase successiva alla perdita della persona che si prendeva cura di loro. “L’obiettivo – spiega l’Arch. Paolo Bestazzoni, presidente dell’Associazione Lunigianese Disabili – è quello di creare una vera e propria abitazione con un contesto familiare, in modo che gli ospiti possano sentirsi come a casa propria. Ci saranno 4 stanze, due doppie e due singole, che potranno essere arredate e personalizzate a proprio piacimento, una spaziosa cucina, dove gli ospiti potranno cimentarsi nel cucinare, un grande soggiorno dove potersi rilassare e una stanza dedicata ai laboratori per svolgere attività creative. Al piano superiore invece, saranno realizzati un ufficio e una sala per le riunioni/assemblee a disposizione di chi ne avesse bisogno. La casa ospiterà anche una persona che avrà il compito di essere punto di riferimento e supporto per gli ospiti.”

 

La struttura sarà realizzata da Rubner Haus, in soli 4 mesi, a partire da Marzo 2020, con il particolare sistema costruttivo a telaio. “Le case in legno realizzate con il sistema costruttivo a telaio, come per questo progetto – spiega Dr. Ing. Daniel Gasser, Ricerca & Sviluppo Rubner Haus – sono caratterizzate da una speciale parete con una struttura che assicura eccellenti valori di isolamento termico. È infatti una tecnica di costruzione ecologica e sostenibile, con elementi perfettamente isolati e dimensionalmente stabili che garantiscono ottimi valori di isolamento termico sia in inverno che in estate. La struttura dell’abitazione risulta molto robusta e strutturalmente traspirante, con un elevato contributo alla tutela dell’ambiente grazie a un alto assorbimento di CO², oltre che a tempi di costruzione rapidi grazie all’alto grado di prefabbricazione.”

 

“La volontà del committente – racconta Andrea Calabrese, Business Developer Rubner Haus – era quello di avere un edificio ad altissimo coefficiente energetico con lo scopo di avere minori costi di gestione nel corso del tempo. Questo tipo di abitazioni, infatti, essendo costruito con materiali naturali quali sughero e fibra di legno, oltre a favorire il benessere di chi le abita, permette un notevole risparmio sui costi di gestione, non incide sull’inquinamento e fornisce al proprietario un’immobile destinato a mantenere il suo valore nel tempo.”

 

Naturale ed ecosostenibile al 100%, il legno Rubner proviene da zone alpine a deforestazione controllata che si estendono per 150km nei dintorni della segheria del gruppo in Austria. Da oltre 50 anni, Rubner Haus costruisce case in legno in cui la tradizione e le più moderne tecnologie diventano scienza del costruire in legno.