Lavarsi i denti protegge il cuore

Lavarsi spesso i denti è associato a un minor rischio di avere fibrillazione atriale e insufficienza cardiaca, secondo un nuovo studio pubblicato sull’European Journal of Preventive Cardiology, una rivista dell’European Society of Cardiology (ESC).

Ricerche precedenti avevano suggerito che una scarsa igiene orale porta i batteri nel sangue, causando infiammazione nel corpo.

L’infiammazione aumenta i rischi di fibrillazione atriale (battito cardiaco irregolare) e di insufficienza cardiaca (la capacità del cuore di pompare sangue o rilassarsi e riempirsi di sangue).

Questo nuovo studio ha esaminato la connessione tra l’igiene orale e la presenza di queste due patologie.

Lo studio ha coinvolto 161.286 partecipanti coreani che avevano dai 40 ai 79 anni senza storia di fibrillazione atriale o di insufficienza cardiaca.

I partecipanti sono stati sottoposti a una visita medica di routine tra il 2003 e il 2004. Sono state raccolte informazioni su altezza, peso, test di laboratorio, malattie, stile di vita, salute orale e comportamenti di igiene orale.

E’ emerso che la spazzolatura dei denti, fatta tre o più volte al giorno, era associata ad un rischio inferiore del 10% di fibrillazione atriale e ad un rischio inferiore del 12% di insufficienza cardiaca in un arco di 10,5 anni. I risultati erano indipendenti da una serie di fattori, tra cui età, sesso, stato socioeconomico, esercizio fisico regolare, consumo di alcol, indice di massa corporea e comorbilità come l’ipertensione.

Forse il frequente utilizzo dello spazzolino da denti riduce i batteri nel biofilm subgengivale (batteri che vivono tra i denti e le gengive), impedendo così la loro entrata nel flusso sanguigno.

L’autore senior dello studio, dr. Tae-Jin Song della Ewha Womans University, di Seoul, in Corea, ha osservato che l’analisi fatta, è stata limitata a un solo paese e che, come studio osservazionale, non dimostra il nesso di causalità. Ma ha aggiunto: “Abbiamo studiato un grande gruppo per un lungo periodo, il che aggiunge forza ai nostri risultati”.

Uno studio preclinico fatto su dei topi ha testato un nuovo metodo che potrebbe prevenire
L’insufficienza cardiaca (nota anche come scompenso cardiaco) è una patologia provocata dalla compromissione della funzione
I ricercatori della Wake Forest School of Medicine (USA) hanno trovato che la dieta DASH