Prima alla Scala: il tenore Francesco Meli per i bambini affetti da gravi patologie

Con le loro voci incantano i più importanti teatri d’opera del mondo. Ora, il tenore Francesco Meli, e sua moglie, Serena Gamberoni, sono pronti a mettersi al servizio dei bambini affetti da gravi patologie, sostenendo, in qualità di testimonial, come da tempo fa la super top model Nadège Dubospertus, la Onlus Make-A-Wish® Italia che dal 2004 opera capillarmente su tutto il territorio nazionale per realizzare i desideri di bambini ammalati.

Francesco Meli sarà protagonista dell’inaugurazione della Stagione d’Opera 2019/2020 del Teatro alla Scala il prossimo 7 dicembre nel ruolo di Mario Cavaradossi nella nuova produzione di Tosca di Giacomo Puccini, sotto la direzione del Maestro Riccardo Chailly e al fianco di Anna Netrebko e Luca Salsi.

Francesco Meli, classe 1980, è nato a Genova, dove ha iniziato gli studi di canto a diciassette anni. A soli 23 anni ha debuttato al Teatro alla Scala sotto la direzione del Maestro Riccardo Muti che ritiene da sempre sua straordinaria guida. Ha già inaugurato per due volte la stagione della Scala ed hacantato nel concerto di apertura delle Olimpiadi a Torino e in quello di EXPO 2015 a Milano, entrambi trasmessi dalla RAI. È stato diretto dai maggiori direttori mondiali e lavora regolarmente con Riccardo Chailly, Myung-Whun Chung, Fabio Luisi, Riccardo Muti, Gianandrea Noseda, Antonio Pappano, Daniele Rustioni, Yuri Temirkanov. Ha cantato in recital solistici alla Scala, Londra, Tokyo e nel Requiem di Verdi con Riccardo Chailly, Daniele Gatti, Fabio Luisi, Riccardo Muti, Lorin Maazel, Gianandrea Noseda e Yuri Temirkanov alla Scala, Londra, Parigi, Zurigo, Mosca e Vienna.

Ha vinto il Premio Abbiati nel 2013 per le interpretazioni verdiane, La Maschera d’oro, l’Oscar della lirica, il Premio Zenatello all’Arena di Verona, il Premio Pertile, il Premio Lugo, il Premio Prandelli, il Premio Mascagni, il Tiberini d’oro e l’ISO d’oro. È a tutti gli effetti considerato una delle voci regali nel panorama lirico internazionale.

Sua moglie, Serena Gamberoni, vincitrice del Concorso Europeo Aslico per i ruoli di Adina in Elisir d’Amore e Sophie in Werther, ha debuttato alla Scala con Un Ballo in Maschera e si è esibita su alcuni dei più importanti palcoscenici italiani e stranieri: a Caracas in Rigoletto a fianco di Aquiles Machado, in Lobgesang di Mendelssohn con la Fondazione Toscanini nel Duomo di Parma, a Verona e Londra con Un Ballo in Maschera, a Pechino con L’elisir d’amore, a Genova con La Bohème e Don Giovanni, per citarne solo alcuni.

La coppia, sposatasi nel 2004, ha 3 figli e dopo aver conosciuto i fondatori della Onlus, Fabio e Sune Frontani, ha deciso di diventare testimonial di Make-A-Wish® Italia, riconoscendosi nella mission e nei valori dell’iniziativa:far vivere intense emozioni positive ai giovani pazienti e alle loro famiglie.Un desiderio che si realizza per un bambino gravemente malato, infatti, è qualcosa che dura tutta la vita: è un potente pensiero positivo che dà la forza di lottare, di affrontare le terapie e di ritrovare la speranza.

«Come genitori e musicisti siamo straordinariamente consapevoli del compito che ci è stato affidato da Make-A-Wish®. Comprendiamobene quanto potente possa essere l’effetto di un desiderio che si realizza e siamo onorati di poter sostenere Make-A-Wish® Italia al fianco di bambini e famiglie che si ritrovano a vivere momenti di grande difficoltà» – dichiarano Francesco Meli e Serena Gamberoni, nuovi testimonial di Make-A-Wish® Italia.

«Avere come testimonial di Make-A-Wish® Italia due artisti di fama mondiale come Francesco Meli e Serena Gamberoni è per noi un grande onore. Grazie anche al loro supporto, trasformeremo ogni desiderio in un bambino più forte.-racconta Sune Frontani, Co-Fondatrice   e   Presidente   di   Make-A-Wish® Italia. –Inoltre, condividiamo con loro non soltanto una mission comune, ma anche la città di Genova, che rappresenta per la nostra onlus come per loro un posto speciale, dove risiedono le nostre radici».

Parkinson? Quanti luoghi comuni sulla seconda malattia neurodegenerativa per dimensione in Italia dopo l’Alzheimer. Oggi
Italia, corre l'anno 1969. Un anno inquieto e travagliato si annida sotto il manto delle
L’atmosfera del Natale torna nel cuore di Milano: dal 30 Novembre al 6 Gennaio 2020,