Nuove epidemie tra i mammiferi marini con lo scioglimento dei ghiacci

Per anni, gli scienziati hanno detto che la costante perdita di ghiaccio marino attorno al Polo Nord, legata al cambiamento climatico causato dall’uomo, sta mettendo a rischio la fauna artica, per perdita di habitat e carenza di cibo. Ora, i ricercatori hanno rilevato un’altra minaccia che il declino del ghiaccio marino rappresenta per gli ecosistemi polari: ci sarà un picco nella diffusione di virus tra i mammiferi marini.

Un team guidato da Elizabeth VanWormer, una scienziata marina della University of California, Davis, ha scoperto che focolai di virus del cimurro focoso (PDV) , mortale per foche, leoni marini e lontre, erano correlati a periodi di più grave perdita di ghiaccio.

I risultati, pubblicati su Scientific Reports, rivelano che le rotte marittime aperte dallo scioglimento dei ghiacci marini consentono alle popolazioni di mammiferi marini che in genere non si incontrano di essere esposte l’una all’altra, il che amplifica il rischio di trasmissione del PDV.

La perdita di ghiaccio marino sta portando la fauna marina a cercare nuovi habitat e nuovi percorsi. Mentre gli animali si muovono, entrano in contatto con altre specie, che introducono e trasmettono nuove malattie infettive.

Il team ha scoperto questo preoccupante legame tra la trasmissione del PDV e la perdita di ghiaccio nel Mar Glaciale Artico analizzando i campioni raccolti da oltre 2.500 mammiferi vivi e da 165 carcasse, tra il 2001 e il 2016. Le specie campionate includevano leoni marini di Steller, foche del nord e lontre marine del nord, come così come sigilli barbuti, inanellati, a nastro e maculati. Questi animali migrano attraverso l’Oceano Pacifico del Nord tra la costa orientale della Russia e l’Alaska.

I campioni hanno confermato che si è verificato un picco significativo nelle infezioni da PDV nei mammiferi del Mare del Nord Pacifico nel 2003, 2004 e 2009. Queste epidemie sono seguite a uno scoppio devastante di epidemia nell’Atlantico, nel 2002, che ha ucciso circa 30.000 foche.

“Gli impatti sulla salute di questa nuova normalità nell’Artico sono sconosciuti”, ha detto il team nello studio.