Le buone abitudini alimentari proteggono l’udito

Le buone abitudini alimentari potrebbero ridurre la perdita dell’udito tra le donne che hanno più di 50 anni, secondo un recente studio americano condotto da ricercatori del Brigham and Women’s Hospital (Harvard Medical School).

I ricercatori hanno raccolto dati di oltre 3.000 donne con un’età media di 59 anni, seguite per un periodo di tre anni.

Lo studio, pubblicato sull’American Journal of Epidemiology, ha esplorato il legame tra dieta e perdita dell’udito confrontando i dati sulle abitudini alimentari dei partecipanti e misurando i cambiamenti longitudinali nella loro sensibilità uditiva.

Le abitudini alimentari sono state valutate rispetto a tre diete specifiche: la dieta DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension), la dieta mediterranea e l’Alternate Healthy Index-2010 (AHEI-2010). Tutte queste diete privilegiano frutta e verdura e riducono i cibi ricchi di zuccheri, grassi e cereali raffinati.

Lo studio ha trovato che c’era stata una riduzione del 30% del rischio di perdita dell’udito in chi aveva seguito una dieta equilibrata, rispetto a chi aveva vissuto con abitudini alimentari poco sane.

Tuttavia, saranno necessarie ulteriori ricerche per confermare le conclusioni dello studio con una popolazione più ampia e diversificata.

La perdita dell'udito nelle persone anziane provoca disabilità e può peggiorare una serie di complicazioni
Una dieta sana può fare molto di più, che far perdere il peso. Un nuovo
L’intervento al St. Paul Hospital di Addis Abeba Milano - Fondazione Akusia Onlus ha sostenuto il