Una dieta sana tiene lontana la depressione

Anche un breve cambiamento nelle abitudini alimentari può alleviare i sintomi della depressione.

Si sapeva che il consumo di grandi quantità di alimenti trasformati e zuccherati aumenta il rischio di obesità, di malattie cardiache e di diabete, ora, gli autori di un nuovo studio, dicono che la dieta è “fattore di rischio modificabile per la depressione “.

Lo studio, apparso su PLOS ONE, ha voluto scoprire se i giovani adulti con depressione potevano avere benefici con un intervento dietetico di 3 settimane.

“Per indagare, i ricercatori della Macquarie University in Australia hanno reclutato 76 partecipanti tra i 17 ei 35 anni. L’adolescenza e la giovane età adulta sono un periodo in cui vi è un aumento di rischio per la depressione e questi sono anche periodi critici per stabilire i modelli di salute, come la dieta, che si ripercuoteranno nell’età adulta, hanno detto i ricercatori.

Tutti i partecipanti allo studio presentavano sintomi di depressione, da moderati a elevati, e la loro dieta standard includeva alti livelli di zucchero, grassi saturi e alimenti trasformati.

Gli scienziati hanno diviso i partecipanti in due gruppi; un gruppo ha  cambiato dieta e un gruppo ha proseguito con la dieta solita. Gli scienziati hanno fornito al gruppo con dieta dei consigli nutrizionali e due check-in durante lo studio, nei giorni settimo e quattordicesimo.

Il gruppo che seguiva la solita dieta non ha ricevuto istruzioni dietetiche, il team di ricerca ha semplicemente chiesto di tornare dopo 3 settimane.

Una analisi, fatta a 12 settimane, ha trovato, in chi aveva continuato a seguire una dieta sana, un miglioramento, tanto che i ricercatori hanno concluso che una alimentazione migliore “può fornire una strategia di trattamento efficace e accessibile per la gestione della depressione maggiore” .

Baciare è importante, e non lo si fa mai abbastanza. La più romantica espressione di
Essere felici è anche questione di dieta. Le persone che cambiano la loro dieta e
Alcuni scienziati statunitensi hanno scoperto che i batteri intestinali umani devono nutrirsi di alcune sostanze