Anche i cani soffrono di demenza senile

Anche i cani impazziscono. Quando il cane raggiunge i 14 anni di età, ha il 40% di probabilità di sviluppare la disfunzione cognitiva canina (CCD).

Gli scienziati hanno iniziato a riconoscere la condizione nei cani circa due decenni fa e hanno accumulato un ampio corpus di ricerche al riguardo. Ma molti padroni di animali domestici sono sorpresi quando la demenza colpisce il loro cane.

“Stiamo prolungando la vita dei cani ben oltre ciò che un cane selvatico dovrebbe vivere”, ha detto Tom Duncan, ricercatore del Brain and Mind Center dell’Università di Sydney, in Australia.

“Ora abbiamo ottime cure veterinarie e quindi siamo in grado di trattare condizioni che potrebbero influire sulla durata della vita del cane. “Questa popolazione di cani più anziani sta invecchiando proprio come l’uomo e quindi vediamo una maggiore prevalenza di questa malattia”, ha spiegato l’esperto.

La demenza nei cani può svilupparsi rapidamente. A volte è solo una questione di mesi.

Nel Brain and Mind Center, si sta esaminando la possibilità di trattare la demenza nei cani con le cellule staminali. Lo studio è ancora nelle sue fasi iniziali, ma i ricercatori hanno affermato che i risultati preliminari sono stati “promettenti”. E potrebbero esserci benefici nell’esplorazione di questa linea di ricerca sull’uomo.

“Pensiamo che se funziona nei cani, ha un’alta probabilità di essere efficace nell’uomo, solo per la stretta somiglianza tra il cervello del cane e dell’uomo”, ha detto il dott. Duncan.

Al momento non esiste una cura per la demenza nei cani, ma è importante mantenere il cane il più possibile impegnato. E importante che il cane, come l’uomo, rimanga il più attivo possibile.

Diversi studi scientifici hanno suggerito che l'attività fisica può rallentare l'accumulo di proteine ​​beta-amiloidi e
Uno studio presentato alla Conferenza annuale dell'Associazione sull'Alzheimer a Los Angeles, in California, il 14