Malattie cardiovascolari, l’attività fisica fa bene

Un nuovo studio ha mostrato, per la prima volta, che le persone con malattie cardiovascolari traggono maggiore beneficio dall’esercizio fisico, rispetto alle persone sane.

Rimanere fisicamente attivi può aiutare una persona a vivere più a lungo e l’esercizio fisico regolare può aiutare a prevenire molte condizioni croniche.

Ora, i ricercatori della Seoul National University, nella Corea del Sud, hanno confrontato gli effetti dell’esercizio fisico sul rischio di morte in un gruppo di partecipanti sani e in un altro gruppo di partecipanti con preesistenti malattie cardiovascolari.

Lo studio ha rivelato che gli individui con malattie cardiovascolari avevano tratto i maggiori benefici dall’esercizio fisico rispetto agli individui sani. I malati, più si erano esercitati, meglio era stato.

Il team, guidato dal dottor Sang-Woo Jeong, ha pubblicato i risultati del lavoro sull’European Heart Journal e li ha anche presentati al Congresso della Società Europea di Cardiologia (ESC) 2019, tenutosi a Parigi, in Francia.

Il dott. Jeong e colleghi hanno analizzato i dati di 441.798 partecipanti, di cui 131.558 presentavano malattie cardiovascolari preesistenti, mentre 310.240 erano sani. Tutti i partecipanti avevano 40 anni o più, con un’età media di 60 anni.

Seguiti per quasi 6 anni, i partecipanti hanno fornito informazioni sui loro livelli di attività fisica (esercizio aerobico che non includeva le attività quotidiane, come i lavori domestici).

Il dott. Jeong e il suo team hanno scoperto che, in un periodo di 6 anni, i partecipanti con malattie cardiovascolari avevano beneficiato maggiormente dell’attività fisica rispetto ai partecipanti sani.

“Abbiamo scoperto che circa la metà delle persone nello studio non raggiungeva il livello raccomandato di attività fisica nel tempo libero e che un quarto aveva uno stile di vita totalmente sedentario”, ha affermato, comunque, il dott. Jeong, secondo cui, i medici dovrebbero incoraggiare le persone con problemi cardiovascolari a non rinunciare all’esercizio fisico, spiegando che l’attività fisica può giovare alla salute.

Le linee guida ESC 2016 per la prevenzione primaria raccomandano agli adulti sani di tutte le età di fare almeno 150 minuti a settimana di attività fisica moderata o 75 minuti a settimana di attività fisica aerobica intensa.

Questo potrebbe voler dire che è necessario fare camminate veloci per 30 minuti, cinque volte alla settimana, o una vigorosa attività fisica per 2,5 ore, una volta alla settimana.

 

Potrebbero interessarti anche...