Mangiare noci riduce la morte per malattie cardiovascolari

Mangiare noci almeno due volte a settimana è associato ad un rischio di morte per malattie cardiovascolari inferiore del 17%, secondo una ricerca presentata al Congresso ESC 2019 che si è svolto a Parigi insieme al Congresso mondiale di cardiologia.

“Le noci sono una buona fonte di grassi insaturi e contengono pochi grassi saturi”, ha dichiarato l’autore dello studio Noushin Mohammadifard dell’Istituto di ricerca cardiovascolare Isfahan, in Iran. “Hanno anche proteine, minerali, vitamine, fibre, fitosteroli e polifenoli a beneficio della salute del cuore. Studi europei e statunitensi hanno messo in relazione le nocciole con la protezione cardiovascolare ma ci sono prove limitate relative alla regione del Mediterraneo orientale”. Questo studio ha esaminato l’associazione tra il consumo di noci e il rischio di malattie cardiovascolari e di morte nella popolazione iraniana.

In totale 5.432 adulti di età pari o superiore a 35 anni senza storia di malattie cardiovascolari sono stati scelti in modo casuale dalle aree urbane e rurali delle contee di Isfahan, Arak e Najafabad. L’assunzione di noci, mandorle, pistacchi, nocciole e semi è stata valutata nel 2001 con un questionario sulla frequenza alimentare.

I partecipanti o i familiari sono stati intervistati ogni due anni fino al 2013 per il verificarsi di eventi cardiovascolari e di morte. Gli esiti specifici studiati sono stati la malattia coronarica, l’ictus, la malattia cardiovascolare totale, la morte per qualsiasi causa e la morte per malattia cardiovascolare.

In una media di 12 anni, ci sono stati 751 eventi cardiovascolari (594 malattie coronariche e 157 ictus), 179 decessi cardiovascolari e 458 decessi per tutte le cause.

Si è visto che mangiare noci due o più volte alla settimana era associato ad un rischio inferiore del 17% di mortalità cardiovascolare rispetto al consumare noci una volta ogni due settimane. La connessione era solida anche dopo l’esame di fattori che potrebbero influenzare la relazione come l’età, il sesso, l’educazione, il fumo e l’attività fisica.

Le linee guida dell’ESC consigliano di consumare 30 grammi di noci non salate al giorno nell’ambito di una dieta sana.

Le noci fresche crude sono le più salutari“, ha aggiunto il dott. Mohammadifard, aggiungendo: “Le noci dovrebbero essere fresche perché i grassi insaturi possono ossidarsi nelle noci stantie, rendendole dannose”.

Le noci possono aiutare ad evitare l'aumento di peso, nonostante siano ricche di calorie. Esse
Il consumo regolare di noci aiuta a prevenire il rischio di obesità, il cancro alla
In uno studio condotto dalla University of South Australia, i ricercatori hanno scoperto che mangiare