Allarme in Florida per la malattia diffusa dalle zanzare

Le zanzare stanno iniziando a diffondere una pericolosa malattia mortale che attacca il cervello. Allerta nello stato della Florida (Usa), dove le zanzare stanno diffondendo il virus dell’encefalite equina orientale.

Nella Contea di Orange, le persone sono ora a rischio di essere infettate da questa malattia pericolosa.

Il virus dell’encefalite equina orientale (EEEV) è trasmesso dalle zanzare, insetti molto comuni nelle regioni paludose della Florida.

Sono state le galline che hanno contribuito a dare l’allerta. Animali sentinella, sono vulnerabili ad alcune malattie come l’uomo. Quando viene rilevata un’infezione in esse, viene emesso un avviso.

In Florida, un buon gruppo di polli ha contratto l’infezione EEEV . Le autorità hanno consigliato alle persone di usare repellenti e di evitare di essere morsi dalle zanzare.  In questi casi, si deve stare attenti a non tenere acqua stagnante e si dovrebbero indossare abiti lunghi e coprenti.

La malattia può essere molto dannosa per il cervello e può portare alla morte. Il virus può stare in incubazione per 7-10 giorni nell’uomo. Poi, all’improvviso iniziano a comparire i sintomi, che provocano un forte mal di testa. Nella maggior parte dei casi la febbre è accompagnata da malessere, brividi, nausea e dolore in varie parti del corpo. La malattia, in alcuni casi può progredire fino a diventare una grave infiammazione del cervello. A ciò si possono aggiungere convulsioni, coma e persino morte. In caso di sopravvivenza, possono essere gravi e molto evidenti le conseguenze neurologiche.

La cosa preoccupante è che non esiste un trattamento specifico per combattere la malattia. Inoltre, con l’azione dei cambiamenti climatici, le zanzare possono iniziare a stare anche in luoghi in cui non c’erano in precedenza.

Dai ragni alle zecche, dalle zanzare alle pulci, dalle cimici agli imenotteri, passando per le
Malattie vettoriali: è auspicabile che si inizi a lavorare in tempi brevissimi, al fine di
Utilizzare delle zanzare infettate con Wolbachia, un batterio naturale degli insetti (innocuo per l'uomo), che